Frasi di Cecco Angiolieri

Cecco Angiolieri foto

14   0

Cecco Angiolieri

Data di nascita: 1260
Data di morte: 1312

Cecco Angiolieri è stato un poeta e scrittore italiano, contemporaneo di Dante Alighieri e appartenente alla storica casata nobiliare degli Angiolieri. La critica contemporanea sostiene che Cecco fu meno ribelle di come lo presentarono i romantici, i quali lo rivendicarono con forza ai loro ideali. È fuori di dubbio, comunque, che visse una vita perlomeno avventurosa.


„Sia benedetto chi per
primo inventò il vino
che tutto il giorno mi fa stare allegro.“

„I buon parenti, dica chi dir vuole, a chi ne può aver, sono i fiorini. Quei son fratei carnali e ver cugini, e padre e madre, e figliuoli e figliuole. (libro Rime)“


„Tre cose solamente mi so 'n grado, | le quali posso non ben men fornire: | ciò è la donna, la taverna e 'l dado; | queste mi fanno 'l cuor lieto sentire. ()“

„S'i' fosse Cecco, com'i' sono e fui, | torrei le donne giovani e leggiadre: | e vecchie e laide lasserei altrui. (1975; LXXXVI, vv. 11-13)“

„E tutto 'l sangue mi sento turbato, | ed ho men posa che l'acqua corrente, | ed avrò fin ch'i' serò 'nnamorato. (LVII, vv. 12-14)“

„Dante Alighier, s'i' so' bon begolardo, | tu mi tien' bene la lancia a le reni; | s'eo desno con altrui, e tu vi ceni; | s'eo mordo 'l grasso, tu ne sugi 'l lardo; | s'eo cimo 'l panno, e tu vi freghi 'l cardo. (1975; CII, vv. 1-5)“

„S'i' fosse foco, arderei 'l mondo; | s'i' fosse vento, lo tempestarei; | s'i' fosse acqua, i' l'annegherei; | s'i' fosse Dio, mandereil'en profondo. (1975; LXXXVI, vv. 1-4)“

„Accorri, accorri, accorri, uom, a la strada! | – Che ha', fi' de la putta? – I' son rubato. | Chi t'ha rubato? – Una che par che rada | come rasoio, sì m'ha netto lasciato. (1975; I, vv. 1-4)“


„L'Amor, che m'è guerrero ed enemico, | m'ha fatto com'al drago san Michele, | e mi fa canne somigliar candele: | guarda s'i' son ben di veder mendico! (1975; XVI, vv. 1-4)“

„Oimè d'Amor, che m'è duce sì reo, | oimè, che non potrebbe peggiorare; | oimè, perché m'avvene, segnor Deo? | oimè, ch'i' amo quanto se pò amare, | oimè, colei che strugge lo cor meo! (1975; IV, vv. 1-5)“

„Qualunque ben si fa, naturalmente | nasce d'Amor, come del fiore el frutto, | ché Amor fa l'omo essere valente. (1975; XXXVII, vv. 1-3)“

„Ché la Morte paur'ha di morire; | e s'ella intrasse in lui, i' son sicuro | ch'ella morrebb'e lu' faria guarire: | ch'egli ha su' cuoio sì 'nferigno e duro | che chi per torre al ciel volesse gire | in lui fondar si converrebbe il muro. (1975; XCIII, vv. 9-14)“


„Ond'i' vo' questo motto aver per detto: | che s'uom dovesse stare con un cuoco, | sì 'l dovrìa far per non vivarci bretto. (1975; LXXII, vv. 12-14)“

„Se l'omo avesse 'n sé conoscimento, | in tutto lasserebbe Amore stare, | se non avesse di quel fornimento, | che sì bisogna a quei che vol amare. (1975; LXVIII, vv. 1-4)“