Frasi di Giuseppe Gioachino Belli

Giuseppe Gioachino Belli foto

41   2

Giuseppe Gioachino Belli

Data di nascita: 7. Settembre 1791
Data di morte: 21. Dicembre 1863

Giuseppe Francesco Antonio Maria Gioachino Raimondo Belli è stato un poeta italiano. Nei suoi 2279 Sonetti romaneschi, composti in vernacolo romanesco raccolse la voce del popolo della Roma del XIX secolo.

Frasi Giuseppe Gioachino Belli

„Insomma, dalla predica di ieri, | gira che ti rigira, in conclusione, | abbiamo appreso che sono misteri. (da Er frutto de la predica, sonetto numero 1358, 29 novembre 1834)“

„Ar momento c' un omo se fa pprete | Sto prete è un omo già santificato; | E quantunque peccassi, er zu' peccato | Vola via com'un grillo da la rete. (Er prete, 505)“


„L'abate Cancellieri | Che principiava dal caval di Troia | E finìa colle molle pe' brachieri. (da A Cesare Masini pittore e poeta, nei Versi inediti di G. B. Belli romano, Lucca, 1843, pag. 88)“

„L'innoscenza | cominciò ccor primm'omo, e llí arimase. (A li zzelanti, 960, Roma, 13 maggio 1833)“

„Fijji mii cari, state bbene attenti. | Sovrani in alegria sò bbrutti esempi. | Chi rride cosa fa? Mmostra li denti. (da Le risate der papa, 369)“

„Io nun vojjo ppiù gguai: me chiamo ggesso | cor una mano scrivo e un'altra scasso. (da Antri tempi, antre cure, antri penzieri, sonetto 438 del 10 novembre 1832)“

„Tristo chi se presenta a li cristiani | Scarso e cencioso. Inzino pe' le scale | Lo vanno a mozzica' puro li cani. (da Er merito, in I Sonetti Romaneschi pubbl. dal nipote Giacomo, a cura di L. Morandi, Città di Castello, 1887, vol. V, p. 13)“

„Cuanno che fussi dorce la fatica, | La voríano [vorrebbero] pe ssé ttanti pretoni | Che jje puncica [punge] peggio de l'ortica. | Va' [guarda] in paradiso se cce sò mminchioni! | Le sante sce se gratteno la fica, | E li santi l'uscello e li cojjoni. [grattarsi ecc., vale a stare in ozio] (da Er lavore, 221)“


„Doppo ch'Adamo cominciò co Eva | tutte le donne se so' fatte fotte. (da Chi risica rosica)“

„Mariti? Eh, Dio! Si le cose, commare, | Se potessi quaggiù falle du' vorte, | Prima de dì cquer «padre sì» a l'artare | Me vorrebbe da mé ddamme la morte. (da Li mariti, 105)“

„Scastagnàmo ar parlà, ma aràmo dritto. (citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 599)“

„Io ho deliberato di lasciare un monumento di quello che oggi è la plebe di Roma. In lei sta certo un tipo di originalità: e la sua lingua, i suoi concetti, l'indole, il costume, gli usi, le pratiche, i lumi, la credenza, i pregiudizi, le superstizioni, tutto ciò insomma che la riguarda, ritiene un'impronta che assai per avventura si distingue da qualunque altro carattere di popolo. Né Roma è tale, che la plebe di lei non faccia parte di un gran tutto, di una città cioè di sempre solenne ricordanza. (dall'Introduzione alla raccolta dei sonetti)“


„Io qui ritraggo le idee di una plebe ignorante, comunque in gran parte concettosa ed arguta, e le ritraggo, dirò, col concorso di un idiotismo continuo, di una favella tutta guasta e corrotta, di una lingua infine non italiana e neppur romana, ma romanesca. (dall'Introduzione alla raccolta dei sonetti)“

„L'ommini de sto monno sò ll'istesso | Che vvaghi de caffè nner mascinino: | C'uno prima, uno doppo, e un antro appresso, | Tutti cuanti però vvanno a un distino. (da Er caffettiere fisolofo, 211)“

„Dicheno che 'na vôrta un papa novo, | e cche dder monno nun capiva ggnente, | quanno de su la loggia come un ovo | vedde la piazza piena a llui presente; || disce che sse vôrtasse ar maggiordovo, | strillanno: — Pe' Ddio-padre-onnipotente! | che ssubbisso de popolo cqui ttrovo! | E ccome fa a mmagnà tutta sta ggente? — || Un cardinale che jje stava accanto, | je disse co' rrispetto e ddevozzione: | — Uno buggera l'antro, Padre santo.)“

„Ha un erpeto pe ttutto, nun tiè ddenti, | è gguercio, je strascineno le gamme, | spènnola da una parte, e bbuggiaramme | si arriva a ffà la pacchia a li parenti. || Guarda llí cche ffigura da vienicce | a ffà da Crist'in terra! Cazzo matto | imbottito de carne de sarcicce! || Disse bbene la serva de l'Orefisce | quanno lo vedde in chiesa: «Uhm! cianno fatto | un gran brutto strucchione de Pontefisce». (da Pio Ottavo, 1° aprile 1829)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 41 frasi