Frasi di Giuseppe Gioachino Belli

Giuseppe Gioachino Belli foto

54   2

Giuseppe Gioachino Belli

Data di nascita: 7. Settembre 1791
Data di morte: 21. Dicembre 1863

Giuseppe Francesco Antonio Maria Gioachino Raimondo Belli è stato un poeta italiano. Nei suoi 2279 Sonetti romaneschi, composti in vernacolo romanesco raccolse la voce del popolo della Roma del XIX secolo.

Frasi Giuseppe Gioachino Belli

„Insomma, dalla predica di ieri, | gira che ti rigira, in conclusione, | abbiamo appreso che sono misteri. (da Er frutto de la predica, sonetto numero 1358, 29 novembre 1834)“

„Ar momento c' un omo se fa pprete | Sto prete è un omo già santificato; | E quantunque peccassi, er zu' peccato | Vola via com'un grillo da la rete. (Er prete, 505)“


„Ch'edè sta furia? Adacio Biacio: Roma mica se fabbicò tutt'in un botto. (libro Sonetti)“

„L'innocenza cominciò cor prim'omo, e lì rimase. (libro Sonetti)“

„L'unico rimedio per salvarsi dai pentimenti nel matrimonio è di aprir gli occhi prima di contrarlo, e chiuderli dopo.“

„Che ll'omo vivo come ll'omo morto ha una testa de morto in de la testa. (libro Sonetti)“

„Merito dite? eh poveri merlotti! Li quadrini, ecco er merito, fratelli. Li ricchi soli sò boni, sò belli, sò grazziosi, sò gioveni e sò dotti. (libro Sonetti)“

„Ha un erpeto pe ttutto, nun tiè ddenti, | è gguercio, je strascineno le gamme, | spènnola da una parte, e bbuggiaramme | si arriva a ffà la pacchia a li parenti. || Guarda llí cche ffigura da vienicce | a ffà da Crist'in terra! Cazzo matto | imbottito de carne de sarcicce! || Disse bbene la serva de l'Orefisce | quanno lo vedde in chiesa: «Uhm! cianno fatto | un gran brutto strucchione de Pontefisce». (da Pio Ottavo, 1° aprile 1829)“


„Subbito ch'un zovrano de la terra crede ch'un antro j'abbi tocco un fico, dice ar popolo suo: 'Tu sei nimmico der tale o der tar re; fàje la guerra'. (libro Sonetti)“

„Non lo sai che cos'è un'imprecazione?
è peggio assai d'una bestemmia.
Perché questa il Signore non la considera
neanche una buccia di melone:
eppoi, beato lui, sta tanto in alto
che non gli arriva a un pelo di coglione. (libro Sonetti)“

„Oh benedetto chi ha inventato er letto! Ar monno nun ze dà più bella cosa. Eppoi, ditelo voi che séte sposa. Sia mille e mille vorte benedetto! (libro Sonetti)“

„Er tempo, fija, è peggio d'una lima.
Rosica sordo sordo e t'assottija,
che gnisun giorno sei quella de prima. (libro Sonetti)“


„La morte sta anniscosta in ne l'orlaggi. (libro Sonetti)“

„Disiderà li fiji, eh sora Ghita?
Sì, pe le belle gioje che ve danno!
Prima, portali in corpo guasi un anno:
poi partorilli a risico de vita:
allattali, smerdalli:
a'gni malanno sentisse
cascà in terra stramortita:
e quanno che sò granni,
oh allora è ita:
pijeno sù er cappello,
e se ne vanno. (libro Sonetti)“

„Se curre a le commedie, a li festini, se va pe l'ostarie, se fa l'amore, se traffica, s'impozzeno quadrini, se fa d'ogn'erba un fascio... eppoi se more! E doppo? doppo viengheno li guai. Doppo c'è l'antra vita, un antro monno, che dura sempre e nun finisce mai! (libro Sonetti)“

„Che gran dono de Dio ch'è la bellezza!
Sopra de li quadrini hai da tenella:
pe via che la ricchezza nun dà quella,
e co quella s'acquista la ricchezza. (libro Sonetti)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 54 frasi