Frasi di Hippolyte Taine

Hippolyte Taine foto

2   0

Hippolyte Taine

Data di nascita: 21. Aprile 1828
Data di morte: 5. Marzo 1893
Altri nomi: Hippolyte Adolphe Taine, Hipólito Taine, Hyppolite Taine

Hippolyte Adolphe Taine è stato un filosofo, storico e critico letterario francese. È stato il principale teorico del naturalismo francese, uno dei principali fautori del positivismo sociologico, e uno dei primi operatori di Critica storicistica.

Egli diede quindi origine al movimento dello storicismo letterario. Taine è ricordato soprattutto per il suo triplice approccio allo studio contestuale di un'opera d'arte, basata sugli aspetti di ciò che egli chiama la razza, l'ambiente e il momento.

Taine ha avuto un profondo impatto sulla letteratura francese; l'Encyclopedia Britannica ha affermato nel 1911 che «il tono che pervade le opere di Zola, Bourget e Maupassant può essere attribuito all'influenza di Taine.».

Egli elaborò una nuova estetica, secondo la quale l'opera d'arte è determinata da fattori puramente naturali: un'arte vista come prodotto della natura e rappresentata con la precisione della scienza sono i punti base di questa concezione.

Così scriveva Taine nel 1853. Perciò i sentimenti stessi dell'uomo vanno descritti come il risultato di un processo meccanico, chimico o fisico: «il vizio e la virtù sono prodotti come il vetriolo e lo zucchero». L'opera d'arte, come ogni espressione umana, è il risultato di tre fattori: quello ereditario , l'ambiente sociale e il momento storico .

È evidente il concetto di determinismo: il comportamento non è legato alla libera scelta dell'uomo, ma è condizionato da fattori a lui esterni, come l'educazione, l'ambiente sociale, le malattie, i bisogni economici.

Il metodo da lui usato venne pertanto definito determinismo perché, come scrive Alberto Asor Rosa «… tendeva a stabilire un rapporto quasi necessario fra le condizioni esterne della creazione e la creazione medesima. Influenzò fortemente la genesi del naturalismo francese ed europeo».

La psicologia è ridotta a semplice fisiologia: i rapporti psicologici dell'uomo dipendono dalla sua condizione fisica.

I racconti devono quindi essere costruiti con distacco, come se si trattasse di casi clinici: l'artista deve raccogliere i documenti umani, studiarli e descriverli con la stessa freddezza dei medici di fronte alla malattia.


„Per comprendere un'opera d'arte, un artista, un gruppo d'artisti, bisogna rappresentarsi con precisione lo stato generale dello spirito e dei costumi del tempo cui essi appartenevano.“

„Tito Livio descrive l'ambiente fisico soltanto per spiegare le emozioni morali; solo avendo di mira l'anima, osserva il corpo. Polibio non rappresenta né l'uno né l'altra. Il passaggio delle Alpi non è per lui altro che un'ascensione, anabolé, che bisogna non far vedere, bensì far comprendere. (da Essai sur Tite-Live)“