Frasi di Ibn al-Farid

1   0

Ibn al-Farid

Data di nascita: 1181
Data di morte: 1234

ʿUmar ibn ʿAlī ibn al-Fāriḍ, detto Ibn al-Fāriḍ , è stato uno scrittore egiziano e maestro sufi.

Poeta e mistico egiziano. Rifiutò una offerta del sultano d'Egitto per la carica di giudice supremo , e si ritirò nella Moschea di al-Azhar del Cairo, per dedicarsi alle pratiche devozionali e al misticismo.

Il luogo della sua sepoltura sulla collina detta Muqaṭṭam, dove oggi sorge una moschea a lui intitolata, è ancora meta di pio pellegrinaggio.

L'esaltazione religiosa ed i prolungati digiuni gli favorirono frequenti stati di estasi, durante i quali riteneva di udire voci celesti. Le sue poesie gli diedero grande fama nel mondo arabo, dove viene considerato il più importante fra i poeti sufi.

Scrisse il famoso poema intitolato “Ode al vino” , in cui il vino diventa simbolo divino e l'ebbrezza da questo provocata è simbolo della conoscenza. Una raccolta delle sue poesie è stata pubblicata a Parigi nel 1855 con il titolo ‘Dīwān' e, molto migliorata, da Giuseppe Scattolin.

L'opera tuttavia in assoluto principale è l'ode chiamata Naẓm al-sulūk, o "Il poema del progresso", meglio nota come Tāʾiyya al-kubrā, un componimento di 760 versi in cui i versi finiscono con la consonante araba Tāʾ. Essa è stata ampiamente studiata da studiosi italiani, da Di Matteo a Carlo Alfonso Nallino e, infine, da Giuseppe Scattolin.


„Sulle mie ciglia non cade più il sonno, poiché il tuo amore sempre lo scaccia.“