Frasi di Karl Barth

Karl Barth foto

16   2

Karl Barth

Data di nascita: 10. Maggio 1886
Data di morte: 10. Dicembre 1968

Karl Barth è stato un teologo e pastore riformato svizzero.

Frasi Karl Barth


„[Su Mozart] Egli ha colto l'armonia della creazione, ha udito che in essa c'è anche l'oscurità, ma l'oscurità non è tenebre, c'è anche il bisogno, ma il bisogno non è difetto, c'è anche la tristezza, ma non può trasformarsi in disperazione, e anche ciò che vi è di fosco non degenera in tragedia.“

„La Vergine rappresenta la creatura umana senza potere, senza volere, senza potenza creatrice e sovrana che non può che ricevere, essere disponibile, attendere.“


„Se vi è un ateismo dell’uomo, un uomo senza Dio, non vi è un Dio senza l’uomo.“

„La grazia deve trovare espressione nella vita, altrimenti non è grazia.“

„Il riso è quanto si avvicini di più alla grazia di Dio.“

„Quando parliamo delle nostre virtù entriamo in competizione, ma quando confessiamo i nostri peccati diventiamo tutti fratelli.“

„La Bibbia è troppo seria per prenderla alla lettera.“

„Le mani giunte in preghiera segnano l'inizio della rivolta contro il disordine del mondo.“


„Il Logos, figlio eterno di Dio, non ha voluto essere né un angelo né un animale, ma un uomo.“

„Sono pensato/amato, quindi sono.“

„Forse gli angeli, quando sono intenti a rendere lode a Dio, suonano musica di Bach, ma non ne sono sicuro; sono certo invece, che quando si trovano tra di loro suonano Mozart ed allora anche il Signore trova diletto nell'ascoltarli.“

„La suprema libertà di Dio è in Gesù Cristo la sua libertà di amare.“


„[Su Lourdes] Quella grotta è il luogo dove più evidente appare che cosa sia la mariologia cattolica: un bubbone della cristologia autentica.“

„Dio ha toccato il mondo solo in Cristo.“

„Una cosa è certa: non è dato alcun diritto teologico di porre, da parte nostra, qualsivoglia limite alla benignità di Dio verso gli uomini, che si è manifestata in Gesù Cristo. Il nostro impegno teologico è quello di vederla e di comprenderla come sempre più grande di quanto la vedessimo e comprendessimo in precedenza. (da L'umanità di Dio, p. 112)“

„In un certo senso Giuda è, al di fuori di Gesù, il personaggio più importante dei Vangeli. Perché egli solo, fra tutti gli apostoli, operò attivamente in quella situazione decisiva al compimento della volontà di Dio, che divenne poi la sostanza del Vangelo.“