Frasi di Niccolo Machiavelli pagina 3

„Avvezza i tuoi soldati a spregiare il vivere delicato e il vestire lussurioso.“

„Sendo adunque uno principe necessitato sapere bene usare la bestia, debbe di quelle pigliare la golpe [volpe] e il lione, perché il lione non si difende da' lacci, la golpe non si difende da' lupi. Bisogna adunque essere golpe a conoscere e lacci e lione a sbigottire e lupi. (cap. XVIII)“


„Li uomini si debbono o vezzeggiare o spegnere; perché si vendicano delle leggieri offese, delle gravi non possono: sí che l'offesa che si fa all'uomo debbe essere in modo che la non tema la vendetta.“

„Sapere nella guerra conoscere l'occasione e pigliarla, giova più che niuna altra cosa.“

„E poiché la fortuna vuol fare ogni cosa, ella si vuol lasciar fare. (da Lettera a Francesco Vettori, 10 dicembre 1513, in Lettere familiari)“

„Gli uomini, il ferro, i danari e il pane sono il nervo della guerra; ma di questi quattro sono più necessarii i primi due, perché gli uomini e il ferro truovano i danari e il pane, ma il pane e i danari non truovano gli uomini e il ferro.“

„Quello del populo è più onesto fine che quello de' grandi, volendo questi opprimere e quello non essere oppresso. (cap. IX)“

„Né può essere, dove è grande disposizione, grande difficultà.“


„Il mondo fu sempre ad un modo abitato da uomini, che hanno avuto sempre le medesime passioni, e sempre fu chi serve e chi comanda, e chi serve mal volentieri, e chi serve volentieri, e chi si ribella ed è ripreso. (da Del modo di trattare i popoli della Valdichiana ribellati)“

„La istoria è la maestra delle azioni nostre. (da Del modo di trattare i popoli della Valdichiana ribellati)“

„La notte che morì Pier Soderini. | L'anima andò dell'inferno alla bocca. | Gridò Pluton: Che inferno! anima sciocca, | Va su nel limbo fra gli altri bambini. (epigramma citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 506)“

„Ma quella lingua si chiama d'una patria, la quale convertisce i vocaboli ch'ella ha accattati da altri nell'uso suo, ed è sì potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro; perché quello ch'ella reca da altri, lo tira a sé in modo che par suo. (da Discorso intorno alla nostra lingua)“


„Oh dolce notte, oh sante | ore notturne e quete, | Ch'i disïosi amanti accompagnate; | in voi s'adunan tante | letizie, onde voi siete sole cagion di far l'alme beate. (da Oh dolce notte...)“

„Se nel mondo tornassino i medesimi uomini, come tornano i medesimi casi, non passerebbono mai cento anni, che noi non ci trovassimo un'altra volta insieme a fare le medesime cose che ora. (da Clizia)“

„Non fu mai savio partito fare disperare gli uomini, perché chi non spera il bene non teme il male.“

„Agli accidenti subiti con difficultà si rimedia, a' pensati con facilità.“

Mostrando 33-48 frasi un totale di 108 frasi