Frasi di Publio Terenzio Afro

Publio Terenzio Afro foto

18   10

Publio Terenzio Afro

Data di nascita: 185 a.C.
Data di morte: 159 a.C.

Publio Terenzio Afro fu un commediografo berbero di lingua latina, attivo a Roma dal 166 a.C. al 160 a.C..

Fu uno dei primi autori latini a introdurre il concetto di humanitas, elemento caratterizzante del Circolo degli Scipioni.

Frasi Publio Terenzio Afro

„I litigi tra gli innamorati completano l'amore. (555)“

„Tanti uomini tanti modi di pensare. (454)“


„Senza Cerere e Bacco, Venere è gelata. (IV, 6, 731)“

„Sono un uomo e nulla di ciò che è umano mi è estraneo. (I, 1, 77)“

„O dei immortali, non vi è di peggio che un ignorante che non riconosce nulla giusto se non quello che piace a lui. (I, 2, 98-99)“

„Spesso ti accadrà di dire, quando due fanno la stessa cosa: Ciò che questi può fare impunemente, non è lecito all'altro. (V, 3, 827-828)“

„Non si dice cosa alcuna che non sia stata detta avanti. (prol., 41)“

„L'ossequio ti genera amici, la verità odio. (68)“


„Nullast tam facilis res quin difficilis siet, quam invitus facias. (818)“

„La vecchiaia stessa è una malattia. (575)“

„Il tempo libera l'uomo dagli affanni. (422)“

„Nulla è tanto difficile che, a forza di cercare, non se ne possa venire a capo. (675)“


„È da saggi provare tutte le vie prima di arrivare alle armi. (789)“

„Il mio prossimo per me è me stesso. (IV, I, 637)“

„La fortuna favorisce i forti. (I, 4, 203)“

„Quando la mente è presa dal dubbio viene spinta qua e là da un impulso leggerissimo. (I, 5)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 18 frasi