Frasi di Richard Adams

Richard Adams foto

15   0

Richard Adams

Data di nascita: 9. Maggio 1920

Richard George Adams è uno scrittore e glottoteta britannico.

È conosciuto soprattutto per avere scritto tre romanzi che hanno come protagonisti degli animali, in particolare La collina dei conigli e, leggermente meno noti, La valle dell'orso e I cani della peste.

Frasi Richard Adams

„A meno che gli uomini non li distruggano come hanno già fatto con il moa neozelandese, con il dodo e con l'alca gigante, gli uccelli, i pesci e gli animali terrestri continueranno a vivere la loro vita con suprema adattabilità, molto tempo dopo la nostra scomparsa dalla Terra. Infatti gli animali sono forti a causa della loro umiltà, così come noi siamo deboli per il nostro orgoglio. (dall'intervista in Enzo Biagi, Quante storie, p. 19)“

„Gli animali non si comportano come gli uomini" disse. "Se devono battersi, si battono. Se devono uccidere, uccidono. Ma non usano la loro intelligenza per trovare la maniera di arrecar danni alle altre creature, di avvelenar loro la vita. Essi hanno dignità, hanno animalità“


„E va bene," gli disse [Frits] "benedirò dunque il tuo didietro che sbuca dalla buca. Didietro, sii la forza e sii il monito e la velocità, per salvare in sempiterno il tuo padrone. E così sia!" Detto ch'ebbe, a El'ahrairà spuntò una coda bianca che splendeva al pari d'una stella; e le zampe posteriori gli divennero lunghe e potenti; [... ] Uscito dalla buca, si mise a correre più veloce di qualsiasi altro essere vivente. E Frits gli gridò dietro:"Ascolta, El-ahrairà. Il tuo popolo non potrà dominare il mondo intero, perché io non lo permetto. Tutto il mondo sarà vostro nemico. E chi t'acchiapperà, t'ammazzerà, Principe dai Mille Nemici. Però prima dovranno pigliarti. Tu sei bravo a scavare e veloce nella corsa, principe, d'udito fine e tutti i sensi all'erta. Sii dunque astuto e inventa stratagemmi, e il tuo popolo mai verrà distrutto". (cap. 6, Come El-ahrairà fu benedetto)“

„Tanto tanto tempo fa, Frits creò il mondo. Creò tutte le stelle del firmamento, e anche il mondo è una stella. Lui le creò spargendo per il cielo i suoi cacherelli, ecco perché l'erba e le piante crescono così fitte a questo mondo. [... ] Frits creò gli animali della terra e gli uccelli dell'aria, però appena creati tutti quanti erano uguali. Il passero e il falcone erano uguali, e tutt'e due mangiavano panìco e moscerini. E il coniglio e la volpe erano amici, e mangiavano l'erba. (cap. 6, Come El-ahrairà fu benedetto)“

„Io avevo quei terribili incubi, e basta. Frits mio d'oro, spero di non provare più simili orrori! Non me li scorderò fin che campo. [... ] Quanto male c'è al mondo.»
«È dagli uomini che viene» disse Pungitopo. «Tutti gli altri elil fanno quello che devono fare e Frits li spinge come spinge noi. Vivono su questa terra e hanno bisogno di nutrirsi. Gli uomini invece non sono contenti finché non hanno rovinato la terra e distrutto gli animali.» (cap. 21, La catastrofe)“

„Il Generale Vulneraria non si rivide mai più. Era peraltro vero, come aveva detto Gramigna, che il suo corpo non fu mai ritrovato da nessuno [... ] Correva la leggenda, tuttavia, che da qualche parte, fra quelle colline, viveva un grande coniglio solitario, un gigante che metteva in fuga gli elil come fossero sorci, e che talvolta andava alla silflaia su nel cielo. In caso di grave pericolo, egli accorreva a combattere per quelli che onoravano il suo nome. E le madri dicevano ai loro cuccioli, se facevano i disubbidienti, che sarebbe venuto il Generale a portarli via: il Generale ch'era cugino di primo grado del Coniglio Nero. Questo era il monumento a Vulneraria: e, forse, non sarebbe dispiaciuto a lui stesso. (Epilogo)“

„I due conigli si fecero più da presso, a saltelli, e andarono ad agguattarsi in un cespuglio di ortica, lì vicino. Arricciavano il naso all'odore di alcuni mozziconi di sigaretta, fra l'erba. D'un tratto, Quintilio cominciò a rabbrividire e rannicchiarsi su se stesso.
«Oh, Moscardo! È da qui che proviene! Ora lo so... Una cosa molto brutta! Qualcosa di terribile... E vicina, vicina.»
Piagnucolava, dalla gran paura.
«Che genere di cosa?... che vuoi dire? Poco fa mi dicevi che pericoli non ce ne sono.»
«Non lo so, che cos'è» rispose Quintilio, desolato. «Qui non c'è nessun pericolo, per ora. Ma si sta avvicinando... è in arrivo. Oh, Moscardo, guarda! il prato! È coperto di sangue!» (cap. 1, Il cartello)“

„C'eravamo allontanati già dal fosso, Campanella e io, quando ci accorgemmo che Mordigallina era rimasto là. Era malato, come v'ho detto, e non ce la fece a difendersi. E così, dopo tutto quel che aveva passato, il povero Anagallide fu ucciso dai suoi simili. Che ne dite di questo?» (cap. 21, La catastrofe)“


„Quintilio guardava lontano, oltre il confine del terreno demaniale. Quattro miglia più a sud, all'orizzonte, si stagliava il profilo ondulato delle grandi colline. Sul punto più elevato, i faggi di Cottington's Clump si agitavano al vento che, lassù, tirava più robusto che in pianura fra le eriche.
«Guarda!» disse d'un tratto Quintilio. «Eccolo là, Moscardo, il posto che fa per noi. Colline alte e solitarie, dove il vento porta con sé rumori lontani e la terra è asciutta come la paglia in un granaio. Là noi dovremo abitare. Là, bisogna che andiamo.» (cap. 10, La strada e la brughiera)“

„Sono molto carini e gentili,» rispose Nicchio «ma vi dirò che cosa m'ha colpito. Mi sembrano tutti terribilmente tristi. Non riesco a capire perché, dal momento che sono così belli e robusti e hanno questa magnifica conigliera. Ma mi fanno venire in mente gli alberi di novembre.» (cap. 14, Come alberi a novembre)“

„Il mio cuore è andato a unirsi ai Mille, perché il mio amico oggi ha smesso per sempre di correre». (cap. 17, Il laccio)“

„Il vento gli arruffava la pelliccia e sferzava l'erba, che odorava di timo e di brunella. La solitudine dava un senso di libertà, di euforia. Il cielo era così vicino e il resto così distante, che ne furono inebriati e si misero a saltellare nel tramonto. «Oh Frits delle colline,» esclamò Dente di Leone «questa l'hai creata apposta per noi!» (cap. 18, Il colle Watership)“


„Insomma, non se lo può immaginare chi non c'è stato. Il loro capo è un coniglio a nome Vulneraria. Lo chiamano Generale Vulneraria.» (cap. 27, Non se lo può immaginare chi non c'è stato)“

„In quel momento un coniglio, sbucato dall'erba, gli si parò davanti sul sentiero. Ristette, un attimo, poi avanzò verso di loro. Zoppicava leggermente, e aveva un'aria tesa, risoluta.
«Siete il Generale Vulneraria, vero?» disse quel coniglio. «Son venuto a parlarvi.»
«Ti manda Sglaili?» domandò Vulneraria.
«Sono amico di Sglaili» l'altro rispose. «Son venuto a domandarvi perché siete qui e cosa volete.»
«C'eri anche tu sulla riva del fiume, sotto la pioggia?» domandò Vulneraria.
«Sì, c'ero.»
«Ciò che allora è rimasto in sospeso verrà adesso finito» disse Vulneraria. «Siam venuti a distruggervi.» (cap. 43, La grande pattuglia)“

„Ma, quasi prima che avessero cominciato a disperdersi, in mezzo a loro era balzato un grosso cane nero, con le fauci spalancate, che azzannava, inseguiva questo e quello, come una volpe in un pollaio.
Il solo Vulneraria l'attese a pié fermo. Mentre tutti se la davano a gambe intorno a lui, lui rimase dov'era, drizzando il pelo e ringhiando, mostrando le zanne e gli unghioli. Il cane, che gli arriva addosso, a muso a muso, fra le ispide zolle, ristette un istante. Rinculò, stupito e confuso. Poi spiccò un balzo. (cap. 47, Il cielo sospeso)“