Frasi su abbaglio

Fulvio Fiori foto
Fulvio Fiori 28
umorista, scrittore
„Attenzione: l'intelligenza illumina, la stupidità abbaglia.   Fonte?“

Gabriele D'annunzio foto
Gabriele D'annunzio 112
scrittore, poeta e drammaturgo italiano 1863 – 1938
„Non so che darei per averti qui tra le mie braccia... Fuori il sole abbaglia; si sente il rumore del mare; in un vaso i gigli mandano un profumo acutissimo spirando; le cortine dei balconi ondeggiano come vele in un naviglio. Io ti chiamo, ti chiamo, ti chiamo.“


Joël Dicker foto
Joël Dicker 30
scrittore svizzero 1985
„L’amore è molto complicato. È la cosa più straordinaria e al tempo stesso la peggiore che possa capitare. Un giorno lo scoprirai. L’amore può fare molto male. Questo non significa che si debba aver paura di cadere, e soprattutto di precipitare nella voragine dell’amore, perché l’amore è anche bellissimo ma, come tutto ciò che è bello, abbaglia e fa male agli occhi. È per questo che spesso, dopo, si finisce per piangere. (libro La verità sul caso Harry Quebert)“

Basil Liddell Hart foto
Basil Liddell Hart 7
storico, militare e giornalista britannico 1895 – 1970
„Tieni duro, se è possibile. In ogni caso, non perdere la calma. Abbi una pazienza illimitata. Non mettere mai un avversario con le spalle al muro e aiutalo sempre a salvare la faccia. Mettiti nei suoi panni, così da vedere le cose con i suoi occhi. Evita come la peste di considerarti migliore degli altri, non v'è nulla che abbagli di più. (da Deterrent or Defence; citato in Arthur M. Schlesinger Jr., I mille giorni di John F. Kennedy, Rizzoli editore, Milano, 1966, p. 131)“

Isabella Santacroce 171
scrittrice italiana 1970
„Desideravo tornare dov'ero. Lo volevo tantissimo. Ritornare all'improvviso dov'ero e vivere la prima volta sul serio. All'improvviso. Di scatto. Trovare. L'immenso. Un'emozione fortissima che ti capovolge. Riempie. T'esalta. Ti porta lontano. Fuorissimo. T'abbaglia. Rapisce la sua leggerezza. La forza. Potenza incredibile e fresca. Una pioggia sottile nel sole. Erba appena tagliata. Profumi di festa. Dove tutto sa solo iniziare e fermarsi. Rimanere sospeso e impalpabile. Mai consumarsi. Finire. Invecchiare.“

Nantas Salvalaggio 16
scrittore italiano 1923 – 2009
„Un bell'ebete, anzi un ebete piuttosto bruttino, malfermo sulle gambe, con gli occhiali fumè dello zombie, dell'alcolizzato, del drogato "fatto". (citato in [http://www. corriere. it/Spettacoli/2008/Sanremo/gegiz_abbagli_giurie_32715e84-e763-11dc-9342-0003ba99c667. shtml Abbagli delle giurie: da Celentano a Vasco (più Zucchero e Patty), Corriere della sera], 1 marzo 2008)“

Giuseppe Antonini (barone di San Biase) 1
avvocato e geografo italiano 1683 – 1765
„Sulla stessa catena di monti è posto Cagiano, terra antica, e ben situata. Il Signor Gatta senza curarsi delle misure, e delle miglia, l'ha presa per la Cesariana d'Antonino, quando leggendosi il di lui itineario, si trova la Cesariana fra Nerulo, e Marcelliana [... ] in modo che non può per qualsisia verso immaginarsi la cosa come egli la pensa. Ma non è questo il più grande abbaglio di lui. Intanto convien sapersi che c'era un forte castello, donde non sono molt'anni, che ne fu tolta certa vecchia artiglieria, per quanto un degnissimo Uomo di queste parti m'ha riferito. Evvi pure un lago, dove si pescano tinche di squisito sapore. (parte II, discorso II, [http://books. google. it/books? hl=it&id=aWMOAAAAQAAJ&pg=PA200 p. 200])“

Lucien Rebatet foto
Lucien Rebatet 7
scrittore e giornalista francese 1903 – 1972
„Fin nelle visioni più drammatiche, si indovina l'ironia latente. Ci piace che la narratrice dettagli il testo con spirito e mordente. Gli strumenti lo avvolgono con la loro poesia insidiosa, lo abbracciano con il loro contrappunto la cui raffinatezza ci abbaglia di nuovo ogni volta che lo risentiamo. Per ogni brano, Schoenberg inventa una nuova disposizione dei suoi timbri, con l'immaginazione di un grande poeta dei suoni. Dopo tre quarti d'ora nell'instabilità, la lancinante sottigliezza del «totale cromatico», l'inconfutabile mi maggiore dell'epilogo posa su queste ultime misure un raggio magico. È l'eleganza e l'indipendenza di un rivoluzionario che sa ritornare al linguaggio consacrato quando quest'ultimo è la più perfetta espressione di quel che sente e di quel che vuole.“


Max Gazzé foto
Max Gazzé 56
cantautore e bassista italiano 1967
„[... ] come una luce | come un abbaglio | o forse era solo uno sbaglio... (da Di Sfuggita)“

Sándor Petöfi foto
Sándor Petöfi 12
poeta e patriota ungherese 1823 – 1849
„Ove trovar si può cosa sì bella e buona | come dal libro tuo scintilla e splende? | Donde e chi sei? Diamante che abbaglia | dal fondo del mar compari ad un tratto. | Altri spoglia l'allor di poche foglie | tu sol coglier ne sai corona intera. (Citato nell'Introduzione alla Toldi, p. 19)“

Mario Andrea Rigoni 58
saggista e scrittore italiano 1948
„Ogni autore, ogni movimento artistico o intellettuale lavora nella presunzione segreta o dichiarata che la propria idea corrisponda non soltanto a una nuova forma poetica, ma alla realtà stessa delle cose. Felice abbaglio, inganno salutare, in assenza del quale non si potrebbe produrre. In realtà, tutte le attività della mente, in qualunque ambito, riposano sul più arbitrario dei fondamenti, l'immaginazione, e sono dunque – ad un tempo – tutte ugualmente giustificate e tutte ugualmente gratuite.“

Gesualdo Bufalino foto
Gesualdo Bufalino 245
scrittore 1920 – 1996
„Ricordo male le donne belle: un viso che abbaglia impedisce l'osservazione tranquilla. (p. 115)“


Italo Alighiero Chiusano foto
Italo Alighiero Chiusano 10
critico letterario, saggista e giornalista italiano 1926 – 1995
„Ma c'è, in Kafka, una nota più peculare. Forse il dono di una speranza tanto più efficace quanto più accuratamente sepolta, di una pulizia morale che abbaglia proprio perché operata con voce spenta e in assoluta umiltà, di un'intelligenza tesa fin quasi a spezzarsi, ma in questo rischio vibrante e lucida come acciaio. (Da C'è un segreto per leggere Kafka ed amarlo, Millelibri, n.° 8, luglio 1988)“

Dániel Berzsenyi foto
Dániel Berzsenyi 1
poeta ungherese 1776 – 1836
„Dio, a te non giunge neppure il genio del saggio: | tu resti, nell'animo mio, desiderio angoscioso: | la tua esistenza c'illumina quale sole radioso | ma gli occhi ci abbagli sì che la stessa tua luce | ci impedisce di mirarti. || [... ] || A te con fervore m'inchino, o glorioso! | Quando sarà liberata l'anima mia | potrò allora, Signore, a te avvicinarmi: | potrò allora placare la mia nostalgia. || Nell'attesa nascondo il mio pianto; | ed avanzo per la via ove tu m'hai chiamato. | Avanzo sull'orme dell'anime buone; | al termine che tu m'hai segnato. || Con fronte ferma contemplo la notte della mia tomba: | è scura, è profonda: però non può essermi avversa | perché anch'essa è opera tua. Anche sulla mia fossa | vi saranno pur sempre, Dio, le tue mani | a ricoprire le mie ossa.“

Alessandro Piccolomini foto
Alessandro Piccolomini 10
scrittore, filosofo e astronomo italiano 1508 – 1579
„L'oro è quello che abbaglia gli occhi delle donne. [fonte 2] (Vergilio: Atto II)“

Hannah Cowley foto
Hannah Cowley 2
poeta, drammaturgo 1743 – 1809
„Ma che cos'è la donna? Soltanto uno dei gradevoli abbagli della Natura. (da Who's the Dupe?, atto II)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 28 frasi