Frasi su accompagnamento

È davvero incredibile come insignificante e priva di senso, vista dal di fuori, e come opaca e irriflessiva, sentita dal di dentro, trascorra la vita di quasi tutta l'umanità. È un languido aspirare e soffrire, un sognante traballare attraverso le quattro età della vita fino alla morte, con accompagnamento d'una fila di pensieri triviali. (§ 58)

Arthur Schopenhauer foto
Arthur Schopenhauer 253
filosofo e aforista tedesco 1788 – 1860

Il dodici dicembre. Si cantò nella chiesa di Santa Lucia il vespro solenne per la sua festa, e v’andò monsignor vescovo accompagnato dal senato e da tutta la nobiltà. La sera di notte si fecero luminarie, ed usci per la città una cavalcata di molti cavalieri con torce, vestiti ne’ oro abiti ordinarii, e vi cavalcava anche infine il senato, che passeggiarono buona pezza per tutte le strade migliori della città. Il tredici dicembre, che era la festa di santa Lucia patrona di Siracusa, la mattina si fece una processione solenne, portandosi per le strade principali l’imagine della santa d’argento, grande quanto il naturale e più, sopra un piedestallo pur d’argento, con accompagnamento di tutto il clero e di tutta la nobiltà. Partì la processione dalla chiesa cattedrale; ed in uscendo la santa imagine dalla porta della chiesa, un cert’uomo, a ciò preparato, dalla cima del campanile si lasciò andar a volo, come dicono, sopra una corda, venendo a cadere in mezzo della piazza, ch’era tutta piena di popolo adunato allo spettacolo. Finì la processione nella chiesa di Santa Lucia fuor della città, dove si cantò la messa solennemente; dopo la quale, lì vicino in un altra chiesuola o cappelletta, chiamata di Sant’Agata, io vidi sotto terra la sepoltura di Santa Lucia, dove da principio fu posta; che ora il corpo suo non v’è, traslato già tempo, altrove.

Pietro Della Valle foto
Pietro Della Valle 5
scrittore italiano 1586 – 1652

Miratelo, un marine: mera ombra e rimembranza d'un essere umano, uomo tumulato vivo e all'impiedi, sepolto sotto le armi, con accompagnamento di marce funebri... (da Disobbedienza civile; citato in Gustav Hasford, Nato per uccidere, traduzione di Pier Francesco Paolini, Bompiani, 1989)

Henry David Thoreau foto
Henry David Thoreau 88
filosofo, scrittore e poeta statunitense 1817 – 1862

Oggigiorno un'automobile forma parte integrante della vita di ciascuno, è l'accompagnamento sonoro e visivo di tanti pensieri, sentimenti, conversazioni e decisioni, che viene ad assumere l'importanza di una delle stanze di casa. E il separarsene, quali che ne siano le deficienze, è come il perdere un elemento del proprio ambiente familiare. (p. 16)

Jan Struther foto
Jan Struther 5
scrittore, poeta 1901 – 1953

Che senso ha morire in corsia, con l'accompagnamento dei gemiti e dei rantoli dei malati inguaribili? Non sarebbe meglio organizzare con quei ventisettemila rubli una bella festa e prendere del veleno, trasferirsi nell'altro mondo al suono della musica, circondato da belle ragazze ebbre e da amici scanzonati? (pag 201, 2005)

Michail Bulgakov foto
Michail Bulgakov 43
scrittore e drammaturgo russo 1891 – 1940

[La disco music] È adatta allo scopo per il quale è stata progettata [... ] Fornire un accompagnamento ritmico alle attività delle persone che desiderano avere accesso agli altri per una potenziale futura attività riproduttiva. (da un intervista sul periodico Oui, aprile 1979; citato in Frank Zappa. For president!)

Frank Zappa foto
Frank Zappa 64
chitarrista, compositore e arrangiatore statunitense 1940 – 1993

Non bisogna però confondere il film parlato con il film musicale. Quest'ultimo, a mio avviso, ha un più sicuro avvenire. [... ] poiché è stato raggiunto un perfetto sincronismo fra musica e azione, sarà sempre possibile produrre dei film che abbiano un loro appropriato commento, [... ] sarebbero così eliminati per sempre gli accompagnamenti musicali arbitrarii e le piccole stridule e fastidiose orchestrine delle sale minori. (citato ibidem)

Louis Jean Lumière foto
Louis Jean Lumière 2
imprenditore e cineasta francesi 1864 – 1948

Non è invecchiato, Beppeviola, morto il 17 ottobre 1982, dopo una telecronaca, infarto o ictus o giù di lì, non che facesse proprio una vita da atleta e neanche da santo, tra svapore e boeri, bianchini e scommesse, Rai e marchettificio, caffè e ammazzacaffè, nonché moglie e quattro figlie che poi ricordano quei quarti d'ora, quegli accompagnamenti, quelle carezze, quegli "ossignùr" da farti venire i brividi per tanto smisurato amore. Beppeviola campava come giornalista, se diciamo sportivo è solo per dare un valore a questo mestiere che non è lavoro, ma intanto scriveva canzoni, sceneggiature, rubriche, libri, testi per cabaret e per il futuro, buoni sempre, anche adesso, anche fra un secolo.

Marco Pastonesi 12
giornalista italiano 1954

La tortora è l'unico animale che quando porta i vermicelli ai suoi piccoli tiene con sé, sotto l'ascella, la bolla d'accompagnamento. (p. 68)

Gene Gnocchi foto
Gene Gnocchi 166
comico, conduttore televisivo e ex calciatore italiano 1955

Io credo che il balletto abbia una sua connotazione musicale specifica, anche se qualche volta la musica originaria viene un po' snaturata dalla tecnica del movimento corporeo, che tende a trasformarla in accompagnamento alla danza.

Jurij Chatuevič Temirkanov foto
Jurij Chatuevič Temirkanov 6
direttore d'orchestra russo 1938

Si dice che questa storia abbia convinto Cleante di Asso, seppur controvoglia, a cedere e a guardarsi dalla tesi erronea – che lui aveva prima avanzato con forza e convinzione – secondo la quale gli animali non partecipano della ragione. Una volta a Cleante capitò di starsene seduto e di prendersi una pausa più lunga del solito, mentre ai suoi piedi c'era un gran numero di formiche. Ebbene, il filosofo a un certo punto vide un secondo gruppo di formiche trasportare una formica morta e condurla nel formicaio dell'altro gruppo che non era della medesima famiglia. Vide quindi che, mentre se ne stavano sulla sponda del formicaio con la formica stecchita, alcune salivano dal basso e si univano alle formiche ospiti come per fare qualcosa di ben preciso. Vide poi che queste stesse scendevano e per giunta per un numero imprecisato di volte. Alla fine le vide portare, come se si trattasse di un riscatto, una larva. Quelle la accettarono, consegnando in cambio la formica morta che avevano portato. Le altre, quindi, accolsero con gioia il corpo della compagna, e le fecero l'accompagnamento come se si trattasse di un figlio o di un fratello. (da De natura animalium, VI, 50; citato in L'anima degli animali, pp. 115-116)

Claudio Eliano foto
Claudio Eliano 1
filosofo e scrittore romano in lingua greca

Dieci cose da sapere per aiutarvi a migliorare come musicisti Blues

1. Dischi di blues
Colleziona molti dischi e trascorri parecchio tempo ad ascoltarli.
2. Piacere e desiderio di tirare tardi nei club
Trascorri tutto il tempo possibile ascoltando buoni musicisti blues dal vivo e sii pronto ad accomodarti al loro tavolo a fine serata, se possibile.
3. Tono
Un gran bel suono di chitarra enfatizza ogni singola nota e può ispirare la creatività nel musicista. Un suono mediocre può rendere ogni nota piatta e senza corpo.
4. Pazienza
La pazienza è una virtù negli assoli blues. Un bravo musicista che costruisce pazientemente l'assolo con tante piccole frasi stuzzicando il pubblico e catturandone l'attenzione, risalta molto meglio di un musicista che mostra le sue carte” già alle prime 12 battute. Il detto “"less is more"” (di meno è di più) è solitamente la chiave per suonare il blues.
5. Stile composito
I musicisti con un solismo abbagliante ma che trascurano le proprie parti ritmiche, perderanno sempre il confronto con coloro che suonano un ottimo accompagnamento e poi fanno assoli nella media. Nel blues, sostenere il cantante o gli altri strumentisti contribuendo a renderne migliore la performance è importante quanto (se non più) il suonare grandi assoli.
6. Emozioni
L'abilità di collegare il Cervello alla Tastiera è la chiave per trasmettere emozioni. La rabbia, il timore, l'amore, la malinconia, la gioia e perfino le pulsioni sessuali sono perfettamente comunicabili nei blues.
7. Teoria musicale
Sebbene non sia un genere musicale noto per la necessità di una grande dose di studi, il blues può trarre giovamento da chi sa il fatto suo in quanto a teoria.
8. Un buon orecchio
I migliori insegnanti sono i musicisti nelle loro registrazioni. E la maniera migliore di imparare quello che stanno facendo è copiarli. Un buon orecchio consente di imparare dalle registrazioni molto più facilmente. Ma avere un buon orecchio è altrettanto importante sul palco. Ascoltare gli altri musicisti che sono con te e tirarsi fuori al momento opportuno, è quello che effettivamente conta suonando dal vivo. Non ascoltare e non prestare attenzione a quello che fanno gli altri sul palco è la strada più veloce per ritrovarsi senza band!
9. Canto
Cantare è il blues, ed è una miniera per imparare i fraseggi, gli abbellimenti ed i riempimenti intorno alla melodia principale. Impara i testi di alcuni blues, anche se non sei un buon cantante. Quando sei solo e nessuno può sentirti, fa’ finta di essere B. B. King, canta e prova a mettere le note giuste al momento giusto. Sul palco cerca di cantare se sei abbastanza coraggioso oppure lascia che lo faccia qualcun altro, in entrambi i casi guadagnerai un miglior rapporto con la musica.
10. Impara e comprendi il music business
Particolarmente importante nel blues. Cerca di sapere chi sono i maggiori artisti locali o nazionali. Cerca di conoscere la loro strumentazione, le chitarre, le corde che usano. Impara anche la Storia del blues... da dove viene? chi erano le persone che hanno portato il blues alla ribalta? ecc. ecc. (sito internet http://www. yearoftheblues. org)

Don Mock 1
musicista

Quanti uomini non si hanno in pregio, quante donne non si dicon belle, per quello che non è loro? Togli via gli accompagnamenti dalle ariette di musica; e vedrai quello che sono. (libro Sopra materie filosofiche e filologiche)

Francesco Algarotti foto
Francesco Algarotti 37
scrittore, saggista e collezionista d'arte italiano 1712 – 1764

Se talvolta trasgrediva gli ordini del Concilio di Trento che proibivano l'uso dei temi profani nella musica religiosa, Palestrina si spinse più lontano delle autorità ecclesiastiche sopprimendo nelle sue opere e nelle esecuzioni delle sue maestrie l'accompagnamento strumentale che il Concilio non proibiva. In questo modo si riallacciava alla tradizione medievale, ed il suo istinto d'artista lo consigliava altrettanto giudiziosamente della sua devozione. Niente meglio della voce umana si addiceva alla sua ammirabile scienza.

Lucien Rebatet foto
Lucien Rebatet 7
scrittore e giornalista francese 1903 – 1972

L’ascolto non è più un’azione di «obbedienza» (dal latino ob-audire), ma di «accompagnamento» che dà non senso ma emozione alle cose che si fanno. L’ascolto crea un ambiente più che comunicare un messaggio. (libro Cybergrace)

Antonio Spadaro foto
Antonio Spadaro 48
gesuita, scrittore e teologo italiano 1966

Le domeniche alle messe cantate e ai vespri, l'accompagnamento musicale del Caramelli divenne di grande, e si diceva anche edificante, richiamo ai fedeli o, se non proprio fedeli, a quanti dotati d'un sentimento di acquiescenza al sacro. Talvolta la chiesetta n'era piena dall'ingresso alla transenna. Di là oltre, tutto lo spazio necessario alla liturgia de' celebranti. In maggioranza la folla, è vero, era di donne, molte fiorentine e forestiere. Con semplicità, dopo le funzioni, sul pratino, davanti alla chiesa, conversava con gli amici che, seppure in modo vario, non mancavan mai. Volentieri, allora, entrava a parlar di personaggi che, tramite la musica e il convento, aveva conosciuto. Primi fra tutti Einstein e il Sabatier.

Nicola Lisi 14
scrittore italiano 1893 – 1975

Mostrando 1-16 frasi un totale di 22 frasi