Frasi su approvvigionamento


Ludwig Hirszfeld foto
Ludwig Hirszfeld 5
biologo polacco 1884 – 1954
„Il quartiere fu recintato con filo spinato e a spese della comunità ebraica si eressero alte mura, in cui furono lasciate soltanto poche aperture per consentire l'approvvigionamento dei viveri. [... ] La porta verso la vita si chiuse alle nostre spalle.“

Nico Perrone foto
Nico Perrone 74
saggista, storico e giornalista italiano 1935
„Il mercato petrolifero era dominato in modo incontrastato dalle "sette sorelle", le quali, pur non essendo legate da un accordo di cartello, si consultavano per dividersi zone di approvvigionamento e mercati, e soprattutto per determinare prezzi e condizioni di acquisto in modo da mantenere una sostanziale condizione di oligopolio. L'Italia [... ] non aveva alcun peso in questo mercato. Se le cose fossero rimaste in quei termini, lo sviluppo italiano sarebbe stato fortemente dipendente. Il disegno di Mattei – sostenuto, con uno strappo alla sua politica, fortemente subordinata agli Stati Uniti, da De Gasperi – concepì la grande holding petrolifera nazionale dell'ENI, che egli dotò, anche attraverso i controllati stabilimenti del Nuovo Pignone, di tecnologia italiana di avanguardia. L'Italia era divenuta capace d'influire sulle condizioni di acquisto, sui prezzi e gli approvvigionamenti del petrolio sul mercato mondiale. (p. 222)“


Nico Perrone foto
Nico Perrone 74
saggista, storico e giornalista italiano 1935
„Mattei ha l'intelligenza di porsi per tempo il problema della estensione all'estero delle ricerche petrolifere: un suo successo avrebbe dato all'Italia la sicurezza dei rifornimenti energetici, intaccando il ruolo egemone delle società americane. Il cammino, per superare il gap, appariva enorme e arduo per l'Italia, ma qualcosa poteva farsi. Il problema tuttavia non è solo questo. Si deve tenere presente che l'esigenza fondamentale di un gruppo petrolifero è quella di disporre di fonti di approvvigionamento. La holding di Stato italiano ne è invece assolutamente carente, e dipende dalla AIOC per alimentare la rete nazionale dell'AGIP. Né si deve dimenticare che questa condizione a Mattei pesa anche per i sentimenti nazionalisti che lo animano. (p. 40)“

Amerigo Vespucci foto
Amerigo Vespucci 8
navigatore italiano 1454 – 1512
„Credo che questi due fiumi siano la causa dell'acqua dolce nel mare. Accordammo entrare in uno di questi grandi fiumi e navigare attraverso di esso fino ad incontrare l'occasione di visitare quelle terre e popolazioni di gente; preparate le nostre barche ed approvvigionamenti per quattro giorni con venti uomini ben armati ci mettemmo nel fiume e navigammo a forza di remi per due giorni risalendo la corrente circa diciotto leghe, avvistando molte terre. Navigando così per il fiume, vedemmo segnali certissimi che l'interno di quelle terre era abitato. Quindi decidemmo di tornare alle caravelle che avevamo lasciato in un luogo non sicuro e così facemmo.“

Nico Perrone foto
Nico Perrone 74
saggista, storico e giornalista italiano 1935
„Il capo della Petroleum Division del Dipartimento di Stato, John A. Loftus, ha tenuto all'università di Pittsburg (30 luglio 1946), ha sostenuto il ruolo fondamentale del petrolio nella futura politica americana […]. Loftus ha sostenuto che gli Stati Uniti debbano "promuovere lo sviluppo" delle riserve petrolifere badando che, dal punto di vista americano, siano "ben situate", sulla base di valutazioni di convenienza "economica in tempo di pace" e di "ubicazione strategica in tempo di guerra". A tal fine, egli afferma: "dobbiamo incoraggiare e facilitare, con criterio, la partecipazione del capitale e delle imprese americane nello sviluppo di tali fonti di approvvigionamento, non semplicemente per il più facile accesso che tale partecipazione può garantirci, ma anche perché è risaputo che il personale specializzato tecnico e manageriale dell'industria petrolifera americana ha una superiore competenza nell'assicurare il pronto ed efficiente sviluppo delle risorse in ogni luogo". (p. 23)“

Robert Laughlin foto
Robert Laughlin 10
fisico statunitense 1950
„Le principali glaciazioni sono esempi spettacolari del cambiamento climatico naturale, che si è verificato durante le ere geologiche. Hanno avuto luogo a intervalli regolari di 100 mila anni e hanno sempre seguito lo stesso strano modello di sviluppo: lento e costante raffreddamento, seguito da un brusco riscaldamento in condizioni simili a quelle di oggi. [... ] I grandi episodi di glaciazione non sono stati gli unici casi di cambiamento climatico naturale, tuttavia. Sei milioni di anni fa, il Mar Mediterraneo venne prosciugato. Novanta milioni di anni fa, alligatori e tartarughe facevano le capriole nell'Artico. Centocinquanta milioni di anni fa gli oceani avevano invaso il centro del Nord America, contribuendo a preservare le ossa di dinosauro. Trecento milioni di anni fa, l'Europa settentrionale venne trasformata in un deserto bruciato e nell'Antartide si formò il carbone. [... ] Nessuno sa perché questi drammatici cambiamenti climatici siano avvenuti nel passato. Le idee che comunemente emergono, comprendono: – perturbazioni dell'orbita terrestre da parte di altri pianeti, interruzioni di correnti oceaniche, l'aumento e la diminuzione di gas a effetto serra, il riflesso del calore sulla neve, la deriva dei continenti, gli impatti di comete, la Genesi, le alluvioni, i vulcani, i lenti cambiamenti nella radiazione del sole. Nessun supporto scientificamente solido è stato trovato, in nessuno di questi suggerimenti. Una cosa che sappiamo per certo è che le persone non sono state coinvolte. Non c'erano abbastanza persone in giro per poter contare, durante le glaciazioni, e non c'erano proprio persone, prima di tali episodi. La storia della geologia, come la conosciamo, ci suggerisce che il clima è una cosa molto più grande dell'energia. L'approvvigionamento energetico è una questione di ingegneria e dobbiamo tenere d'occhio i problemi che possono renderlo più difficoltoso, mano a mano che il tempo passa. Il cambiamento climatico, al contrario, è una questione di tempi geologici, qualcosa che la Terra fa abitualmente da sola, senza chiedere il permesso a nessuno e senza spiegare perché. La Terra non include gli effetti potenzialmente catastrofici della civiltà nella sua pianificazione. Lungi dall'essere responsabile di danneggiare il clima della Terra, la civiltà non potrebbe essere in grado di prevenire nessuno di questi terribili cambiamenti una volta che la Terra abbia deciso di compierli. È stata la Terra a congelare di nuovo il Canada, per esempio, è difficile immaginare di poter fare qualcosa, se non vendere la casa che eventualmente abbiamo la. Se la Terra decide di sciogliere la Groenlandia, potrebbe essere saggio vendere tutto quello che possediamo in Bangladesh. La storia geologica ci suggerisce che il clima non dovrebbe preoccuparci troppo quando stiamo pensando al futuro dell'energia, non perché sia poco importante, ma perché è oltre il nostro potere di controllo.“

Marco Aurelio foto
Marco Aurelio 71
imperatore romano 121 – 180
„Tu puoi, ogni volta che lo desideri, ritirarti in te stesso. Nessun ritiro è più tranquillo né meno disturbato per l'uomo che quello che trova nella sua anima.
<br“

Margherita D'Amico foto
Margherita D'Amico 13
scrittrice e giornalista italiana 1967
„Concepito secondo i più sorpassati dettami, da sempre lo zoo di Napoli offriva a tutti i suoi occupanti spazi angusti e straordinariamente inadatti. Le tigri avevano sempre passeggiato su un pavimento lastricato di ceramiche di Vietri e nemmeno sotto i piedi degli scimpanzé c'era la minima traccia di terra. Lo stesso valeva per i leoni, mentre la coppia di ghepardi si sbrigò a morire. [... ] Durante i disordini del 2003, in cui vennero a mancare anche gli approvvigionamenti di cibo, la cittadinanza tentò generosamente di sostituirsi a un regolare piano alimentare portando ogni giorno viveri da distribuire agli animali. Ma la gestione incongrua dell'emergenza servì a poco. Assurdo sperare di poter improvvisare il pasto di soggetti così diversi fra loro, quasi tutti in condizioni psico-fisiche molto amare e tanto distanti dal proprio ambiente naturale.“

Kristian Vigenin foto
Kristian Vigenin 1
politico bulgaro 1975
„South Stream è molto importante per la Bulgaria e l'Europa sudorientale, oltre che per l'Unione europea. Il progetto costituisce un fattore importante per garantire l'approvvigionamento energetico della Bulgaria e dell'Unione europea. Siamo a favore della costruzione del gasdotto in base alla legislazione europea e speriamo che un dialogo con la Commissione europea aiuti a rilanciare la sua costruzione sul territorio bulgaro.“