Frasi su azzeramento

Lucio Battisti foto
Lucio Battisti 177
compositore, cantautore e produttore discografico italiano 1943 – 1998
„[sull'album Anima latina] Già ne Il nostro caro angelo si avvertiva questa mia ironia verso il Lucio Battisti degli anni precedenti, questa demitizzazione, non per volontà suicida, non per autolesionismo, non per voler rinnegare, ma semplicemente per preparare il terreno all'azzeramento di una personalità monumentale, per azzerarla prima e successivamente umanizzarla al massimo, farla partecipare alla vita degli altri, conversare con gli altri per mezzo della musica […] con cose vere, dette in mezzo agli altri in mezzo alla musica, non falsamente o ipocritamente modeste, solo uguali a quelle di tutti gli altri.“

Giovanni Sartori foto
Giovanni Sartori 70
politologo italiano 1924
„L'azzeramento dei partiti, di questo tipo di partiti, evocato da Grillo nel V-day, è sacrosanto. La situazione dei partiti in Italia è putrefatta, non è curabile, non può andare avanti. I partiti sono pure macchine di potere clientelare, niente di più. E non si riformano: o muoiono o continuano così, perché non c'è nessuna capacità di rimetterli in ordine. (da Annozero, 20 settembre 2007)“


Umberto Bossi foto
Umberto Bossi 101
politico italiano 1941
„Negli anni settanta ci fu una concentrazione statalista totalitaria della finanza pubblica e l'azzeramento della finanza locale, con una conseguente scissione tra il potere di imporre, riservato allo Stato, e il potere di spesa, riservato agli Enti Locali, alle ASL... Tutti sappiamo come è finita: con un debito pubblico disastroso. Quella dell'azzeramento della finanza locale per sviluppare nuove politiche sociali al fine di controllare meglio i flussi di spesa fu un'idea di Aldo Moro e di Enrico Berlinguer. I due sostenevano che i tributi locali erano arbitrari e da sopprimere perché la vecchia imposta di famiglia aveva come presupposto il "tenore di vita" che effettivamente è un'entità non facilmente definibile. (dall'intervista a La Padania del 10 ottobre 2002)“

Andrea Bocelli foto
Andrea Bocelli 34
cantante lirico italiano 1958
„L'azzeramento [del debito] è solo un primo passo, poi si dovrebbe passare agli investimenti, e qui entra in gioco l'illuminazione dei nostri governanti. Noi, club dei bianchi, finché abbiamo una distanza geografica sufficiente a garantire la nostra incolumità, non ci rendiamo conto del pericolo. I popoli che muoiono di fame preannunciano guerre e atrocità. (citato in Bocelli: ma la Chiesa non è una discoteca, Corriere della sera, 1º maggio 2000)“

Aldo Busi foto
Aldo Busi 340
scrittore italiano 1948
„Io nuoto, svuotato dell'amore più duro, sensibile, ritmicamente armonioso nella violenza sincronica e famelica e reciproca che abbia fatto negli ultimi dieci giorni – o dieci anni, non saprei davvero, dimentico così alla svelta, e anche questo azzeramento mnemonico fa parte della memoria del tempo, del mio, dove l'istinto di sopravvivenza, messo universalmente in pericolo oltre ogni dire, ci porta impercettibilmente a far fuori non come prima solo le cose brutte ma anche quelle belle, perché sono davvero troppo poche per avere qualche possibilità di restare a galla nel mare di quelle brutte da far fuori, da dimenticare, da non aver mai vissuto. (pp. 261-262)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 311 frasi