Frasi su banano

Bisogna scrivere sotto la pelle. Bisogna che parole d'amore si fondano con i nervi, che frasi luminose ci illuminino l'encefalo come fuochi d'artificio, che storie d'avventura ci infettino il sistema nervoso e lo stomaco. In una università americana hanno insegnato a scrivere a un "macacus resusu", con le sue mani tozze e maldestre ha vergato con fatica su un foglio una sola parola: banana. Io ogni giorno scrivo banana. Io scrivo poco, perché scrivendo tanto sbaglio. (da Fa un po' male, Einaudi)

Niccolò Ammaniti foto
Niccolò Ammaniti 71
scrittore italiano 1966

Sa quale è la verità? Nel nostro Paese purtroppo non ci sono nemmeno banane. Ci sono soltanto fichi d'India.

Gianni Agnelli foto
Gianni Agnelli 72
imprenditore italiano 1921 – 2003

Questa Tokyo
Pace, guerra, religione, | rivoluzione, non serviranno. | Il seme di questo orrore è nell'agile | pollice e nel piccolo avido cervello | che imparò a prendere banane | con un bastone.

Gary Snyder foto
Gary Snyder 10
poeta, ambientalista e saggista statunitense 1930

In campagna elettorale Agnelli difese Berlusconi dai giornali stranieri: "Devono smetterla di trattarci come una Repubblica delle banane". Aveva ragione: bisognava aspettare che il voto lo certificasse. Adesso possiamo dirlo: siamo una Repubblica delle banane. (giugno 2001; citato in Marco Travaglio, Bananas, Garzanti).

Daniele Luttazzi foto
Daniele Luttazzi 139
attore, comico e scrittore italiano 1961

[ Intervista ad Alberto Sordi]: Ogni volta che vedo i suoi occhi mi ricordo quella canzone: "Ma ando' vai se la banana nun cell'hai" che m'ha fatto cantare quattro volte! Me l'ha fatta cantare quattro volte! Avevo nove anni. (Da Il meglio di Spoleto Festival 2000 dell'8 luglio 2000)..

Roberto Mattioli foto
Roberto Mattioli 97
conduttore televisivo e conduttore radiofonico italiano 1963

Pare che Ratzinger abbia pronta la sua prima enciclica contro le sirene del relativismo e del modernismo, s'intotola: Te audire non possum, musa sapientum fixa est in aure che significa Non riesco a sentirti ho una banana nell'orecchio.

Daniele Luttazzi foto
Daniele Luttazzi 139
attore, comico e scrittore italiano 1961

[Riferendosi agli accordi internazionali sull'ambiente] Rischiano di essere stipulati tra quattro o cinque repubbliche delle banane (con tutto il rispetto per l'Ecuador, che ne risulta il primo produttore al mondo). (da Una rottamazione d'ambiente, intervista a Liberazione del 29 gennaio 1999)

Corrado Maria Daclon foto
Corrado Maria Daclon 10
saggista, giornalista e accademico italiano 1963

[Riferendosi a Banana Yoshimoto] Si è molto discusso sulla sua scelta di adottare un nome d'arte stravagante come 'Banana'. Vi si è voluta vedere addirittura un'intenzione provocatoria nei confronti dell'immagine di impegno rappresentata dal padre. Interrogata in proposito Banana smentisce. Dice di averlo scelto solo perché attratta dalla bellezza dei fiori rossi del bijinshō detto anche red banana flower. È una risposta in perfetto stile giapponese che rievoca l'impegno di Bashō, il grande poeta del diciassettesimo secolo, che prese il nome dall'albero del banano. Nella scelta di questo nome, che contiene lo spirito irriverente dello shōjo manga e l'omaggio alla grande tradizione giapponese, c'è già il sapore acerbo e sapiente di una nuova scrittura.

Giorgio Amitrano foto
Giorgio Amitrano 1
orientalista e traduttore italiano 1957

Cook avrebbe presto scoperto che tra i doni presentati nei panieri [dagli Hawaiani], banane, pesci, maialini di latte e frutti dell'albero del pane, figurava anche qualche bistecca umana e osservò:
«Così, se fossimo stati uccisi, bisognava concludere, ci avrebbero mangiati...»
Ma da inglese pratico nota:
«Ciò naturalmente sarebbe dipeso dal fatto che ci trovassimo in ostilità con loro». (p. 202)

Mario Monti (scrittore) foto
Mario Monti (scrittore) 7
scrittore e editore italiano 1925 – 1999

Gli azzurri a tavola sono impeccabili: Mancini mangia le banane con le posate; De Napoli invece viceversa, ma ha uno stomaco che digerisce tutto. Solo Serena, destinato alla tribuna, sputa nel piatto dove mangia. Ma è l'unico. Tacconi sputa nel piatto di Zenga, Marocchi in quello di Ancelotti e Mancini in quello di Schillaci che, tanto, abituato alle critiche più feroci, manda giù tutto.

Gino e Michele 8
scrittore, autore televisivo e commediografo italiano

Agnelli ha detto che non siamo nella repubblica delle banane, però qualche banana in Italia c'è, perché avvengono cose veramente singolari.

Indro Montanelli foto
Indro Montanelli 413
giornalista italiano 1909 – 2001

L'arte non chiede mai a nessuno di fare nulla, di pensare nulla, di essere nulla. Esiste come esiste l'albero, si può ammirare, ci si può sedere alla sua ombra, si possono coglierne banane, si può tagliarne legna da ardere, si può fare assolutamente tutto quel che si vuole. (da L'artista serio)

Ezra Pound foto
Ezra Pound 168
poeta, saggista e traduttore statunitense 1885 – 1972

Calvin: Vuoi vedere una grande idea in azione? Prima bevi metà del latte del thermos. Ciò fa in modo di creare lo spazio sufficiente per metterci il resto della colazione. Vedi, ci spingo dentro il panino e la banana! Lascia inzuppare per un minuto, poi scuoti il tutto finché diventa bello papposo! Il tuo stomaco non noterà la differenza e preserverai i denti dal logorio!
[Siusi se ne va. ]
Calvin: Nessuno ama le mie grandi idee in azione.

Bill Watterson foto
Bill Watterson 142
fumettista statunitense 1958

[Che Guevara] Uno che lo ha conosciuto dice: «Ricordo uno sguardo limpido come l'alba». È stato un simbolo; in un certo momento, non vi era camera di studente dove non fosse appeso il suo ritratto: un volto bello, incorniciato dalla barba, i capelli folti e ricciuti, gli occhi vividi e ironici.
[... ] nato in una «buona» famiglia argentina è caduto su una montagna boliviana, combattendo. Medico, è andato fra i lebbrosi, ha fatto lo scaricatore di banane, il fotografo ambulante, lo sguattero, l'infermiere.
Di educazione borghese — la madre gli aveva insegnato le lingue e l'amore per la poesia, il padre, ingegnere, il senso della giustizia sociale — era diventato un rivoluzionario.
Da ragazzo, i suoi compagni di gioco erano i figli dei diseredati delle bidonvilles di Cordoba, l'esempio che lo suggestionava di più era quello di Gandhi: ma non credeva che si potesse distruggere il privilegio senza ricorrere alla violenza. (p. 194)

Enzo Biagi foto
Enzo Biagi 222
giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano 1920 – 2007

Barbie è stata uno strumento per insegnare alle donne dalle spalle larghe, dalle gambe corte e dal corpo massiccio, alle donne reali di tutto il mondo, a disprezzare il loro corpo come noi disprezziamo il nostro, così da indurle a spendere quel denaro che potrebbe essere impiegato per acquistare libri o computer o biciclette in prodotti "di bellezza", fabbricati a basso costo e venduti in confezioni costose. Dopo l'implosione dell'Urss, i primi negozi occidentali che aprirono nelle vecchie città sovietiche furono i franchise di prodotti cosmetici, così che, prima di poter comprare un'arancia o una banana, una donna russa poteva acquistare un rossetto di marca. (citato in Loredana Lipperini, Ancora dalla parte delle bambine)

Germaine Greer foto
Germaine Greer 13
scrittrice e giornalista australiana 1939

Non siamo una repubblica delle banane.

Gianni Agnelli foto
Gianni Agnelli 72
imprenditore italiano 1921 – 2003

Mostrando 1-16 frasi un totale di 42 frasi

Articoli

10 Segreti per un matrimonio lungo e felice

Basandosi su quanto ha imparato nei sui trentacinque anni nel settore, Michael Hakimi, dottore in psicologia, alla Loyola University Health System, consiglia questo decalogo per avere un matrimonio riuscito.