Frasi su banchetto

 Platone foto
Platone 151
filosofo greco antico -427 – -347 a.C.
„Né c'è legge che possa assicurare la pace ad uno Stato i cui cittadini si credono in dovere di dilapidare ogni sostanza in spese pazze, e stimando quasi un obbligo l'ozio, interrotto solamente da banchetti, libagioni e piaceri d'amore. È evidente che tali città siano coinvolte in una continua sequela di tirannidi, oligarchie, democrazie, i cui capi non vorranno neppure sentir parlare di una costituzione giusta ed equilibrata.“

Leonida Rèpaci foto
Leonida Rèpaci 16
scrittore 1898 – 1985
„Non sono difficile in fatto di gastronomia e, dovessi fare una scelta, assegnerei a mia sorella Orsa la palma della più saporita cucina del mondo: quella calabrese. Ancora oggi datemi una buona minestra di ceci, quelli che si ammammano, cioè fan da mamma, coi maccheroni, in una saporosa liquescenza; datemi una fetta di pescespada col «sarmuglio», che ci stupiamo di non trovare descritto nei banchetti omerici; datemi, per stimolare l'appetito fino in fondo, un pugnellino di «'mbiscatini», cioè di quei sottaceti che alternano il peperone col cappero, la melanzana con lo zenzero; datemi una ricotta di quelle che il pastorello dell'Aspromonte vi porta fino a casa, facendola colare tiepida dalla fiscella nel piatto; datemi, per consolidare il tutto, un bicchiere di Cirò, un vino che ha il colore rosso cupo delle pupille delle donne malate d'amore e il profumo del vigneto squassato dal vento sulle balze marine: datemi tutto questo e io alzo bandiera ammiraglia sulla mia tavola di calabrese radicato. (p. 218)“


Tullio Dandolo 12
scrittore, storico e filosofo italiano 1801 – 1870
„[Baia (Bacoli)] Silla, Cesare, Pompeo, Ortensio, ogni illustre romano vi tenne ville; i bagni solforosi abbondanti in quel suolo ve li chiamavano in folla, essi che bisognavano di solfo a purgagione delle acredini d'un sangue guasto dalle libidini. Là erano teatri calcati da celebri mimi; là anfiteatri popolati di famosi gladiatori; danze, corse, banchetti quivi non rifinivano: il clima, e la naturale piacevolezza del sito, l'alitar degli zefiri, la fragranza dei fiori, l'allontanamento delle cure, ogni cosa sbandiva di là i pensamenti austeri, ed inclinava i sensi a voluttà. Il mare trasferiva entro gondole dorate dall'uno all'altro lido, dall'una all'altra villa gli effemminati patrizii, le scioperate matrone; il tuffarsi dei remi era ritmo a' canti di amore modulati al suono delle lire, e de' liuti. Mai arrivava a quella spiaggia lo squillo della tromba guerriera romoreggiante ai confini, freno dello Scita, del Parto, terrore del Datavo, del Britanno: i trionfatori si riposavano a Bajà; e mentre i Cesari vi si tuffavano in ebbrezze senza nome, il mondo schiacciato respirava. Properzio non ebbe appena visitata Baja che sospettò Cinzia d'infedeltà: Marziale scrisse di Levina che vi andò Penelope, e ne partì Elena. Fu rimproverata a Marco Tullio la villa che possedea su quel lido; e Seneca affermò essere malsano respirare un giorno solo quell'aria corrompitrice. (da Lettere su Roma e Napoli, p. 35-36)“

Dave Grohl foto
Dave Grohl 6
polistrumentista e cantautore statunitense 1969
„Avevo visto un banchetto con le magliette dei Nirvana: ogni fottuto ragazzo e i loro fratelli compravano la maglietta con la scritta CRACKSMOKIN', FUDGE PACKIN'. Devono aver venduto duecento magliette quella sera ed è una follia per un gruppo punk rock locale.
Non capivo cosa ci facessi io in tutto questo. (citato in Michael Azerrad, Nirvana – Vieni come sei, Arcana Editrice, 1994)“

 Epitteto foto
Epitteto 46
filosofo greco antico 50
„Quando siamo invitati ad un banchetto, prendiamo quel che c'è e se uno domandasse al padrone di casa che, invece di quello che c'è, gli venga servito del pesce o dei dolci, parrebbe uno stravagante. Tuttavia, nella vita, vogliamo dagli dei quello che non ci danno, anche se le cose che ci hanno dato sono molte. (XVII)“

Thomas Merton foto
Thomas Merton 52
scrittore e religioso statunitense 1915 – 1968
„Questo libro è pieno di inviti a bere e godere nel banchetto dell'amore. (p. XII)“

Chilone di Sparta 22
filosofo (uno dei Sette Sapienti greci) 600
„La maggior sapienza è saper frenare la lingua nei banchetti. Non si deve mai sparlare di nessuno; altrimenti siamo esposti a farci dei nemici e ad ascoltare cose spiacevoli.“

 Epicuro foto
Epicuro 48
filosofo greco antico -341 – -269 a.C.
„Perché non sono di per se stessi i banchetti, le feste, il godersi fanciulli e donne, i buoni pesci e tutto quanto può offrire una ricca tavola che fanno la dolcezza della vita felice, ma il lucido esame delle cause di ogni scelta o rifiuto, al fine di respingere i falsi condizionamenti che sono per l'animo causa di immensa sofferenza.“


Valerio Massimo foto
Valerio Massimo 6
storico romano 100
„La buona salute era per così dire figlia della frugalità, la nemica dei banchetti lussuosi, dell'eccesso del bere e dello smodato uso dei piaceri di Venere.“

Sir Walter Scott 14
poeta, scrittore 1903
„Meglio un folle a banchetto che un saggio in guerra. (libro Ivanhoe)“

Élisée Reclus foto
Élisée Reclus 4
geografo e anarchico francese 1830 – 1905
„Non è una digressione menzionare gli orrori della guerra in connessione con il massacro delle bestie ed i banchetti di carne. La dieta degli individui è in stretta relazione con il loro modo di agire. Sangue chiama sangue.“

T. Colin Campbell foto
T. Colin Campbell 40
biochimico statunitense 1934
„Viviamo nel benessere e spesso di benessere moriamo. Mangiamo ogni giorno della settimana come re e regine al banchetto, e finiamo per lasciarci la vita. (libro The China Study: Lo studio più completo sull'alimentazione mai condotto finora)“


Viola Veloce 8
impiegato, scrittore
„Perché non cancellano il Natale dal calendario? A chi potrei chiederlo: a Babbo Natale in persona? E se facessimo un referendum? Mi offro volontaria per raccogliere le firme ai banchetti contro il Natale. (libro Mariti in salsa web)“

John Harington foto
John Harington 5
inventore, poeta e scrittore inglese 1561 – 1612
„Quando tengo un banchetto, vorrei che fossero gli ospiti e non i cuochi ad esserne felici.“

Cicerone 26
giurista, scrittore, filosofo, politico -106 – -43 a.C.
„Il piacere dei banchetti non si deve misurare dalle squisitezze delle portate, ma dalla compagnia degli amici e dai loro discorsi. (libro L'arte di saper invecchiare)“

Nathaniel Hawthorne foto
Nathaniel Hawthorne 55
scrittore statunitense 1804 – 1864
„Molte volte io lo vidi leccarsi i baffi al ricordo di alcuni banchetti, dei quali tutti i commensali, fuorché lui, erano da tempo pasto dei vermi. (libro La lettera scarlatta)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 69 frasi