Frasi su bufera

Fëdor Ivanovič Tjutčev foto
Fëdor Ivanovič Tjutčev 10
scrittore e poeta russo 1803 – 1873
„Stiano alti tutto l'inverno | i pini e gli abeti, | e di neve e bufere | dormano avvolti. | Il loro scarno verde, | come gli aghi di un riccio, | se mai non ingiallisce, | pure non è mai fresco. | Noi popolo lieve, | pure fioriamo e splendiamo | e solo per breve tempo | siamo ospiti dei rami. (da Le foglie)“

Giovanni Pascoli foto
Giovanni Pascoli 79
poeta italiano 1855 – 1912
„Quando brillava il vespero vermiglio, | e il cipresso pareva oro, oro fino, | la madre disse al piccoletto figlio: | Così fatto è lassù tutto un giardino. | Il bimbo dorme e sogna i rami d'oro, | gli alberi d'oro, le foreste d'oro; | mentre il cipresso nella notte nera | scagliasi al vento, piange alla bufera. (Fides)“


William Shakespeare foto
William Shakespeare 200
poeta inglese del XVI secolo 1564 – 1616
„Alle nozze sicere di due anime | impedimenti non so. Non è amore | l'amor che muta se in mutare imbatte | o, rimuovendosi altri, si rimuove, | oh no: è faro che per sempre è fisso | e guarda alle bufere e non dà crollo. (da Sonetto CXVI; 1988)“

Danilo Sarugia 5
giornalista italiano 1939
„Io sono sicuramente di fede interista, sono stato capo ufficio stampa dei nerazzurri negli anni ottanta e ho diretto il mensile dell'Inter e quindi ho una storia personale con questa squadra, ma se mi chiedete che cosa pensi dello scudetto del 2006 per me, come ho detto più volte e lo sottolineo, quello scudetto non è da considerarsi. Quando si è scatenata la bufera su calciopoli nel 2006 pensavo che avrebbe fatto giurisprudenza il precedente del 1927, quando lo scudetto vinto dal Torino gli fu tolto perché in un caso di corruzione era implicato il giocatore granata Allemandi, calciatore che poi avrebbe avuto un'esperienza all'Inter. Allora tolto lo scudetto al Torino non lo passarono alla seconda squadra classificata, che era il Bologna, ma non fu assegnato come d'altronde successe per lo scudetto 2005. Non si capisce perché in circostanze con grosse analogie con quelle del passato, dove lo scudetto revocato non finì a nessun'altra squadra, nel 2006 lo scudetto, invece, fu assegnato all'Inter.“

Jim Morrison foto
Jim Morrison 374
cantautore e poeta statunitense 1943 – 1971
„Vorrei che una bufera venisse & spazzasse via questa merda. O una bomba che bruciasse la Città e lucidasse il mare. Vorrei che mi arrivasse una morte pulita.“

Walter Benjamin foto
Walter Benjamin 29
filosofo e scrittore tedesco 1892 – 1940
„C'è un quadro di Klee che si chiama Angelus Novus. Vi è rappresentato un angelo che sembra in procinto di allontanarsi da qualcosa su cui ha fisso lo sguardo. I suoi occhi sono spalancati, la bocca è aperta, e le ali sono dispiegate. L'angelo della storia deve avere questo aspetto. Ha il viso rivolto al passato. Là dove davanti a noi appare una catena di avvenimenti, egli vede un'unica catastrofe, che ammassa incessantemente macerie su macerie e le scaraventa ai suoi piedi. Egli vorrebbe ben trattenersi, destare i morti e riconnettere i frantumi. Ma dal paradiso soffia una bufera, che si è impigliata nelle sue ali, ed è così forte che l'angelo non può più chiuderle. Questa bufera lo spinge inarrestabilmente nel futuro, a cui egli volge le spalle, mentre cresce verso il cielo il cumulo delle macerie davanti a lui. Ciò che noi chiamiamo il progresso, è questa bufera. (dalle tesi Sul concetto di storia, Einaudi, 1997, pp. 35-7)“

Bobby Sands foto
Bobby Sands 19
attivista e politico nordirlandese 1954 – 1981
„Dico le preghiere – che verme! (E qualcuno potrebbe osservare: hai aspettato l'ultimo minuto.) Ma io credo in Dio e, sarà presunzione, sono convinto che lui e io ci capiamo bene in questa bufera. (p. 98)“

Ferruccio Masini 50
germanista, critico letterario e traduttore italiano 1928 – 1988
„In Ernst Jünger il collezionista, il botanico e l'entomologo s'incontrano con il metafisico: ma mentre i primi sono, per così dire, immersi nella fredda luce diurna, godono di un'ottica smaltata e tersa, sovranamente estranei alla bassura e alle bufere dell'esistenza, il secondo sembra affiorare dai chiarori diafani di un acquario con il silenzio estatico di chi ha percorso le profondità dei processi vitali, seguendo gli avvolgimenti labirintici e le trame sottilmente ambigue di misteriosi orrori e di malvagi destini. (da Guerrieri divini e lanzichenecchi del nulla, p. 199)“


Alda Merini foto
Alda Merini 275
poetessa italiana 1931 – 2009
„Ho conosciuto in te le meraviglie | meraviglie d'amore sì scoperte | che parevano a me delle conchiglie | ove odoravo il mare e le deserte | spiagge corrive e lì dentro l'amore | mi sono persa come alla bufera | sempre tenendo fermo questo cuore | che (ben sapevo) amava una chimera.“

Vittorio Imbriani foto
Vittorio Imbriani 44
scrittore italiano 1840 – 1886
„Questo profondo desiderio della passione era, già, di per sé, la passione stessa: non la bufera, che sconquassa l'animo, anzi la breve pausa di raccoglimento, che precede i cataclismi così orali come fisici. Le scomparve il riso dalle labbra, le si accese un fuoco cupidissimo, negli occhi. Ned osava confessare a sé medesima cosa desiderasse, confessarselo esplicitamente, collocando i titoli sugl'i; non siamo franchi, nojaltri uomini, neppure ne' colloqui con la coscienza nostra. Eppure ch'ella ne convenisse o no, che l'avvertisse o no, pure, la passione le si presentava fatalmente, sotto le forme di quel Maurizio, nel quale, prima di ella l'aveva vista così rigogliosa e potente e (come a lei pareva) sublime. (Allori Edizioni, Ravenna, 2004, p. 108)“

Eugenio Montale foto
Eugenio Montale 60
poeta, giornalista e critico musicale italiano 1896 – 1981
„Folta la nuvola bianca delle falene impazzite | turbina intorno agli scialbi fanali e sulle spallette, | stende a terra una coltre su cui scricchia | come su zucchero il piede [... ] | e l'acqua seguita a rodere | le sponde e più nessuno è incolpevole. (da La primavera hitleriana, in La bufera e altro)“

Walt Whitman foto
Walt Whitman 254
poeta, scrittore e giornalista statunitense 1819 – 1892
„Imperturbabile, a mio agio con la natura, | signore o signora di tutto, sicuro nel mezzo delle cose irrazionali, | impregnato come esse, passivo, ricettivo, silente com'esse, | scopro che le mie preoccupazioni, povertà, fama, debolezze, delitti sono meno importanti di quanto pensavo, | verso il Golfo del Messico, o Mannahatta o il Tennessee, o l'estremo Nord o l'entroterra, | rivierasco, o boscaiolo, o agricoltore in ciascuno di questi stati, o in quelli della costa, o dei laghi o nel Canadà, | ovunque viva la mia vita, oh, essere equilibrato in ogni contingenza, | e confrontare la notte, le bufere, la fame, il ridicolo, gli accidenti, le sconfitte, come sanno le piante e gli animali. (Imperturbabile, pp. 16-17)“


Ki no Tsurayuki foto
Ki no Tsurayuki 4
poeta e scrittore giapponese 866 – 945
„«l'amore che ciascuno nutriva per i fiori (i quali sarebbe andato a cercare in terre inaccessibili e inospitali) ed il coraggio di smarrirsi anche fra una bufera di tenebre per correre a contemplare la luna sorgente in un orizzonte di luce e di poesia». (citato in Arcangeli, p. 51, nota)“

José Saramago foto
José Saramago 208
scrittore, critico letterario e poeta portoghese 1922 – 2010
„Per la gente di mare i travagli non vengono dal suolo, per la gente di mare i travagli si abbattono dal cielo, si chiamano vento e bufera, sono loro che sollevano onde e cavalloni, creano tempeste, strappano la vela, spezzano l'albero maestro, fanno affondare il legno fragile, e il luogo in cui questi uomini di pesca e di navigazione muoiono, veramente, è fra il cielo e la terra, il cielo che le mani non raggiungono, il suolo cui i piedi non arrivano. (p. 261)“

Carlo Emilio Gadda foto
Carlo Emilio Gadda 53
scrittore italiano 1893 – 1973
„Gentilissima Signora, al solito si è venuto accumulando in me, dopo le sue amichevoli, fraterne lettere, il nembo dei rimorsi, sospinto dalla bufera ciclonica della vergogna. [... ] Ho verso di Lei rimorsi infiniti; il senso d'una inciviltà che non mi è abituale, e che si spiega solo con quel corso di oscure angosce e di traumi che neppure avvertiamo, quasi, ma che ci privano d'una persuasione necessaria a compiere gli atti più sostanziali. Vivacchiamo così tra noie ed espedienti, respingendo la verità e la necessità. Perché? Non sono passati forse degli anni senza una pagina? E perché, se la pagina è la cosa più urgente, più mia? Perché andavo ad ogni inezia, a pagar la tassa, a ordinare il vestito, a far risuolare le scarpe, trascurando il «compito» l'unico e il più gradito? Se anche angoscioso. (Milano, 27 giugno 1938)“

Fabio Tombari foto
Fabio Tombari 20
scrittore italiano 1899 – 1989
„Si diceva che nell'orto avessero un albero amaro. Era un mandorlo che a febbraio recinto com'era e difeso dai venti – anche lui di clausura – così chiuso e celato, era il primo a fiorire. Fioriva una luna avanti, si diceva. Quando fuori gli alberi erano grigi, rosi dal mare, al freddo, alle bufere, lui, protetto com'era, si copriva di fiori. Era la terra che saliva a fiorire, quella nera terra di morti; dal profondo dov'era, umida, scura, saliva incontro alla luce. Candida rosea. Ma faceva mandorle amare. (La zuppiera dei nonni)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 167 frasi