Frasi su capodanno

Mennea ha passato più di un terzo della sua vita sui campi d'allenamento, anche a Capodanno. Era un asceta, sopportava carichi di lavoro che altri atleti avrebbero rifiutato prima ancora di cominciare. E durare vent'anni, per uno sprinter, è una specie di miracolo. Ma lo è ancora di più il restare affezionato a una vita ripetitiva, ore e ore d'allenamento per limare qualcosa, ore di isolamento e di sacrifici: dieta perenne, il suo maestro e allenatore Vittori gli vietava anche l'acqua minerale gassata, solo liscia doveva essere. E non parliamo degli altri grandi e piccoli piaceri della vita. Però nessuno ha mai sentito Pietro lamentarsi di quegli anni. Fedele al ruolo che s'era ritagliato: l'atleta-asceta, l'atleta-monaco o fachiro, l'atleta-soldato. Perché era nero dentro e sapeva che nella vita e nello sport, tanto più uno sport come il suo, nessuno ti regala nulla, tutto quello che puoi vincere te lo devi guadagnare col sudore, la fatica, il lavoro. Noi italiani, ci ha fatto pensare di essere i più veloci al mondo. A lui la fatica, a noi la gioia.

Gianni Mura foto
Gianni Mura 61
giornalista e scrittore italiano 1945

Oh, Humbert! Tu per me sei come il pranzo di Natale, come il rutto di Capodanno, come le pulizie di Pasqua!

Luciana Littizzetto foto
Luciana Littizzetto 80
attrice, cabarettista e doppiatrice italiana 1964

[Parlando del caso di stupro avvenuto a Roma a Capodanno] Anche nello stato più militarizzato e poliziesco possibile un caso di questo genere può sempre capitare, quindi non è che si può pensare di mettere in campo una forza tale... dovremmo avere tanti soldati quante sono le belle ragazze italiane, credo che non ce la faremmo mai. (dall'intervista rilasciata al termine di un comizio a Sassari, Berlusconi: "Stupri inevitabili", la Repubblica, 25 gennaio 2009)

Silvio Berlusconi foto
Silvio Berlusconi 727
politico e imprenditore italiano 1936

Stavo uscendo dalla droga e dall'alcol, ad eccezione di un bicchiere di Chateau d'Yquem per accompagnare il foie gras a capodanno, e da una vita da rock and roll. Sono andato molto lontano, ho dovuto fare una scelta vita o morte. Ho scelto la vita e la terapia mi ha molto aiutato a capire il mio lato oscuro. Quello che non ci piace di noi stessi spesso ricopre le nostre paure. (dall'intervista a Elle Quebec del dicembre 2005)

Roy Dupuis foto
Roy Dupuis 127
attore cinematografico e attore televisivo canadese 1963

Si tratta di una di quelle tante illegalità [materiale pirotecnico irregolare e suo utilizzo] che rischiano di essere sottovalutate in un territorio caratterizzato purtroppo da ben più gravi forme di vera e propria criminalità; ma la tolleranza delle illegalità, anche minori (e quella di cui si sta parlando è tutt'altro che minore), non può né deve mai trovare alibi o giustificazioni, perché è la stessa tolleranza generalizzata che apre la strada all'assuefazione del cittadino a ritenere che le regole siano nient'altro che optional volontari. ("Fuochi, più regole non solo a Capodanno", Raffaele Cantone, su Il Mattino di Napoli, ed. naz. di mercoledì 14 settembre 2011; citato nel blog di Contro le mafie).

Raffaele Cantone foto
Raffaele Cantone 16
magistrato italiano 1963

[Su Pietro Mennea] Era un esempio di serietà e d'onore, un uomo che aveva lavorato assiduamente per conseguire i suoi risultati: un record mondiale che resistette per 17 anni, da una parte, e quattro lauree (in scienze politiche, giurisprudenza, scienze motorie e lettere), dall'altra. In una recente intervista, alla domanda sul perché oggi l'Italia non eccella più nell'atletica leggera, come ai suoi tempi, rispose "pacatamente e serenamente". Ricordando che lui, per dieci anni, non aveva mai perso un allenamento, nemmeno nel giorno di Capodanno. E notando che oggi, invece, i giovani sono dei "bamboccioni" che non hanno voglia di sudare né fisicamente, né intellettualmente.

Piergiorgio Odifreddi foto
Piergiorgio Odifreddi 101
matematico, logico e saggista italiano 1950

C'era come un odore di Tempo, Nell'aria della notte. Tomàs sorrise all'idea, continuando a rimuginarla. Era una strana idea. E che odore aveva il Tempo, poi? Odorava di polvere, di orologi e di gente. E che suono aveva il Tempo? Faceva un rumore di acque correnti nei recessi bui d'una grotta, di voci querule, di terra che risuonava con un tonfo cavo sui coperchi delle casse, e battere di pioggia. E, per arrivare alle estreme conseguenze: che aspetto aveva il Tempo? Era come neve che cade senza rumore in una camera buia, o come un film muto in un'antica sala cinematografica, cento miliardi di facce cadenti come palloncini di capodanno, giù, sempre più giù, nel nulla. Così il tempo odorava, questo era il rumore che faceva, era così che appariva. E quella notte – Tomàs immerse una mano nel vento fuori della vettura – quella notte tu quasi lo potevi toccare, il Tempo.

Ray Bradbury foto
Ray Bradbury 62
scrittore statunitense 1920 – 2012

Ogni mattino, quando mi risveglio ancora sotto la cappa dei cielo, sento che per me è capodanno.
Perciò odio questi capodanni a scadenza fissa che fanno della vita e dello spirito umano un'azienda commerciale col suo bravo consuntivo, e il suo bilancio e il preventivo per la nuova gestione. Essi fanno perdere il senso della continuità della vita e dello spirito. Si finisce per credere sul serio che tra anno e anno ci sia una soluzione di continuità e che incominci una novella istoria, e si fanno propositi e ci si pente degli spropositi, ecc. ecc. È un torto in genere delle date. [... ]Aspetto il socialismo anche per questa ragione. Perché scaraventerà nell’immondezzaio tutte queste date che ormai non hanno più nessuna risonanza nel nostro spirito e, se ne creerà delle altre, saranno almeno le nostre, e non quelle che dobbiamo accettare senza beneficio d’inventario dai nostri sciocchissimi antenati.

Antonio Gramsci foto
Antonio Gramsci 84
politico, filosofo e giornalista italiano 1891 – 1937

Ma le case sono, hai voglia!, e la scale | ancora zeppe di gente e di lumi, | e sempre al paese fanno | Natale, Capodanno e Carnevale. | Ed io, che pure me ne sono andato | penso a loro e sono nominato: | amici e compagni, vicini e lontani, | cancelli e amore avevo salutato, | di tutti quanti voi m'ero scordato. | Ma il paese continua la sua storia | "sotto il cielo stellato a foglia a foglia" | per chi parte se vuol ritornare.

Rocco Scotellaro 58
scrittore, poeta e politico italiano 1923 – 1953

Dicono che i fagioli con l'occhio portino fortuna se mangiati a capodanno, e capodanno è anche il periodo dell'anno in cui molte persone diventano vegane, così sarete fortunati non solamente voi, ma anche gli animali!

Isa Chandra Moskowitz foto
Isa Chandra Moskowitz 4
cuoca statunitense 1973

Ero nei guai. Guai grossi.
Cominciò quel Capodanno, l'ultimo giorno del 1972. Dovevo incontrarmi con una chiromante. Ma proprio come quel tizio dell'appuntamento a Samarcanda, cercavo di sfuggire il mio destino evitando l'incontro. Non volevo che una qualsiasi chiromante mi predicesse il futuro. Avevo già problemi a sufficienza nel presente. Era l'ultimo giorno del 1972, e avevo già fatto polpette della mia vita. E avevo solo ventitré anni. (p. 31)


Fare il presepe, addobbare l’albero, scambiarsi i regali, mangiare di magro la vigilia, aspettare l’arrivo di Gesù Bambino, andare alla messa di mezzanotte, l’abbuffata natalizia, il surplus suntuario di Santo Stefano, i botti di Capodanno e last but not least l’attesa della Befana. È un’autentica maratona cerimoniale cui partecipano credenti e non credenti. Per devozione o per tradizione, per consuetudine o per abitudine, per gioco o per forza. Per molti giocoforza. Le motivazioni sono diverse, ma il risultato è comunque un’effervescente recita collettiva, un sussulto calendariale, un fremito prolungato del tempo. (libro Miti d'oggi)

Marino Niola 26
antropologo e accademico italiano 1953

Zuckerberg lo ha capito quando ha chiamato la bacheca «diario», ossia informare gli altri non della straordinarietà, ma della quotidianità delle proprie vite ordinarie. Mi sono svegliato, sono allegro, sono depresso, ho mangiato, ho pisciato. Non si posta una foto perché ci si sta arrampicando come Tom Cruise sul Burj Khalifa, è sufficiente mostrare lo zampone con il cotechino cucinato dalla zia per capodanno.

Massimiliano Parente 10
scrittore italiano 1970

Filastrocca di Capodanno:
fammi gli auguri per tutto l’anno
voglio un gennaio col sole d’aprile;
un luglio fresco, un marzo gentile;
voglio un giorno senza sera;
voglio un mare senza bufera;
voglio un pane sempre fresco;
sul cipresso il fior del pesco;
che siano amici il gatto e il cane;
che diano latte le fontane.
Se voglio troppo, non darmi niente,
dammi una faccia allegra solamente.

Gianni Rodari foto
Gianni Rodari 33
scrittore italiano 1920 – 1980

Ti amo quando hai freddo e fuori ci sono 30 gradi. Ti amo quando ci metti un'ora a ordinare un sandwich. Amo la ruga che ti viene qui quando mi guardi come se fossi pazzo. Mi piace che dopo una giornata passata con te sento ancora il tuo profumo sui miei golf, e sono felice che tu sia l'ultima persona con cui chiacchiero prima di addormentarmi la sera. E non è perché mi sento solo, e non è perché è la notte di capodanno. Sono venuto stasera perché quando ti accorgi che vuoi passare il resto della vita con qualcuno, vuoi che il resto della vita cominci il più presto possibile.
- Ecco... tanto sei il solito imbroglione! Mi dici queste cose... e poi mi spieghi come faccio ad odiarti io?  ... E invece io ti odio... ti odio... ti odio. (Film Harry, ti presento Sally...)

Billy Crystal foto
Billy Crystal 19
attore statunitense 1948

L'unico modo per trascorrere la vigilia di Capodanno è o tranquillamente con gli amici o in un bordello. In caso contrario, quando finisce la serata e la gente se ne va a coppie, qualcuno è destinato a rimanere in lacrime.

Wystan Hugh Auden foto
Wystan Hugh Auden 34
poeta britannico 1907 – 1973

Mostrando 1-16 frasi un totale di 27 frasi

Articoli

10 Segreti per un matrimonio lungo e felice

Basandosi su quanto ha imparato nei sui trentacinque anni nel settore, Michael Hakimi, dottore in psicologia, alla Loyola University Health System, consiglia questo decalogo per avere un matrimonio riuscito.