Frasi su clessidra


Ernst Jünger foto
Ernst Jünger 284
filosofo e scrittore tedesco 1895 – 1998
„L'albero della vita è, come la clessidra, un simbolo dei tempi che si intersecano nell'eterno – è qui la sezione, nel colletto della radice. Qui è il punto che chiamiamo attimo, al di sotto di esso vediamo estendersi il passato, al di sopra il futuro.
Nell'albero ammiriamo la potenza dell'archetipo. (da L'Albero, in L'Albero, p. 13)“

Fabri Fibra foto
Fabri Fibra 282
rapper, produttore discografico e scrittore italiano 1976
„La mia ragazza non è una diva | E il mio stipendio quand'è che arriva? | In televisione la gente mi schiva | E' come vivere in una clessidra. (da Chi Vuole Essere Fabri Fibra?, n.° 1)“


Dargen D'Amico foto
Dargen D'Amico 61
rapper e cantautore italiano 1980
„Preferisco viaggiare per posta | e non lasciare il circondario e girar su me stesso | come il riflesso o l'orario o la gente in vita o la clessidra che impassibile gira sull'asse, | non guarda giù e non ha paura di quello che pensa chi la tormenta, | come vorrei che mi insegnasse a non temere gli sguardi del vicino, | io quando cammino solo sul viale della Centrale! io pur di non incontrare nessuno, sai, inseguo l'ombra che mi sta davanti! e si infila in ogni buco come i guanti, la seguo se temo manometta qualche treno. (da Perché non sai mai (quel che ti capita), n.° 3)“

Andrzej Sapkowski foto
Andrzej Sapkowski 84
scrittore polacco 1948
„Il nostro ultimo incontro ha avuto luogo alla corte di re Idi a Kovir. Ci ero andato per ricevere il compenso per l'uccisione di un'anfisbena che terrorizzava i dintorni. Allora tu e il tuo confratello Zavist avete fatto a gara a chiamarmi 'ciarlatano', 'assurda macchina per uccidere' e, se ben ricordo, 'mangiacarogne'. Alla fine, non solo Idi non mi ha pagato nemmeno un soldo, ma mi ha dato anche dodici ore per lasciare Kovir e, siccome aveva la clessidra guasta, ho fatto appena in tempo. E adesso sostieni di contare sul mio aiuto. Di cosa hai paura, Stregobor? Dici di essere inseguito da un mostro. Se ti raggiungerà, digli che tu i mostri li ami, li proteggi e badi a che nessuno strigo mangiacarogne turbi la loro quiete. Certo, se poi il mostro ti sventrerà e ti divorerà, si dimostrerà terribilmente ingrato. (Geralt di Rivia)“

Lucio Anneo Seneca foto
Lucio Anneo Seneca 174
filosofo, poeta, politico e drammaturgo romano -4 – 65 d.C.
„Diverrò povero? Sarò con la maggioranza degli uomini. Andrò in esilio? Penserò di essere nato là, dove mi manderanno. Sarò messo in catene? E allora? Sono forse ora veramente libero? La natura mi ha già legato a questo grave peso del corpo. Morirò? Porrò cosi fine – dirai tu – alla possibilità di ammalarmi, di esser messo in catene, di morire. [... ] Moriamo ogni giorno: ogni giorno ci viene tolta una parte della vita e anche quando ancora cresciamo, la vita decresce. Abbiamo perduto l'infanzia, poi la fanciullezza, poi la giovinezza. Tutto il tempo trascorso fino a ieri è ormai perduto; anche questo giorno che stiamo vivendo lo dividiamo con la morte. Come la clessidra non è vuotata dall'ultima goccia d'acqua, ma da tutta quella defluita prima, così l'ora estrema, che mette fine alla nostra vita, non provoca da sola la morte, ma da sola la compie; noi vi giungiamo in quel momento, da tempo, però, vi siamo diretti. [... ] «Non viene una sola volta la morte; quella che ci rapisce è solo l'ultima morte». [... ] questa morte che tanto temiamo è l'ultima, non la sola. [... ] la follia umana, è così grande, che alcuni sono spinti alla morte proprio dal timore della morte. [... ] Ci chiediamo: «Fino a quando sempre le stesse cose? Svegliarsi e andare a dormire, mangiare ed aver fame, aver freddo e soffrire il caldo? Nessuna cosa finisce, ma tutte sono collegate in uno stesso giro: si fuggono e si inseguono. Il giorno è cacciato dalla notte, la notte dal giorno; l'estate ha fine con l'autunno, questo è incalzato dall'inverno, che a sua volta è chiuso dalla primavera: così tutto passa per tornare. Non faccio né vedo mai niente di nuovo. Ad un certo punto, di tutto questo si prova la nausea». Per molti la vita non è una cosa penosa, ma inutile. (lettera 24; 1975)“

Gu Kuang 1
725
„Alti nell'aria, da una stanza di giada, canti si librano verso il cielo; le gaie voci delle fanciulle si mescolano al vento. Ma ora tacciono, e s'ode la clessidra gocciolare nel Cortile della Luna. Hanno spalancato le tendine, contemplano il Fiume di Stelle. (Nel palazzo imperiale)“

Federico Rampini foto
Federico Rampini 38
giornalista e scrittore italiano 1956
„È la retrocessione della middle class, l’avvento della “società a clessidra (libro "Non ci possiamo più permettere uno Stato sociale”. Falso!)“

William Seward Burroughs foto
William Seward Burroughs 46
scrittore e saggista statunitense 1914 – 1997
„La noia, che indica sempre una tensione non scaricata, non disturba mai il tossicomane. Egli può fissarsi le scarpe per otto ore, e viene indotto all'azione quando si capovolge la clessidra della droga. (libro Pasto nudo)“


„Io vivo a Roma, ma spesso vado a Todi, dove mi occupo della campagna e dipingo. Ho già fatto varie mostre, e ritengo la pittura una liturgia necessaria per lo scrittore; attraverso un libro non "si vede tutto", in un quadro è invece "tutto" manifesto. Poi, naturalmente, scrivo: il mio ultimo libro La penna e la clessidra (ed. Volpe) è la testimonianza dell'angoscia intellettuale nel mondo contemporaneo, una sorta di diario pubblico.“

Mago Forest foto
Mago Forest 18
comico, showman e conduttore televisivo italiano 1961
„L’amore è una clessidra. Poi piano, col passare del tempo, il cuore si svuota e le palle si riempiono.“

Jean Paul foto
Jean Paul 47
scrittore e pedagogista tedesco 1763 – 1825
„Più sabbia è passata nella clessidra della nostra vita, più chiaro vediamo attraverso essa.“

 Gorgia foto
Gorgia 23
filosofo greco antico -483 – -375 a.C.
„Gli oratori sono simili alle rane: queste, infatti, gracidano nell'acqua; quelli presso la clessidra del tribunale.“


Vinicio Capossela foto
Vinicio Capossela 62
cantautore e polistrumentista italiano 1965
„Questo nome mi incuriosisce, fa pensare a qualcosa che si mescola, è come una specie di shaker, mi dà l'idea di una clessidra, che capovolge il senso delle cose. Questo è un posto all'incontrario, perchè tutti i paesi sono costruiti sulle alture, mentre questo è costruito sul vallone, smebra fatto apposta per essere distrutto da una piena del torrente che l'attraversa, e poi mi piace che sia custodito dalle grotte di Chiafura, da quelle che erano case e sono state anche tombe. Questo è un paese che ha diverse cose che si presentano all'incontrario: il Cristo di Burgos, con la gonna, la Madonna guerriera con la spada, il Risorto da corsa. Quella del "Gioia" è l'unica processione da corsa che abbia visto in vita mia, ecco, tutti questi ingredienti mi hanno incuriosito.“

David Trueba foto
David Trueba 27
regista, scrittore e sceneggiatore spagnolo 1969
„Ecco cosa mi piace delle clessidre: riformulano l’idea di ansia dovuta al trascorrere del tempo e fanno sì che quel processo inevitabile diventi visibile. (libro Blitz)“

Jules Renard foto
Jules Renard 338
scrittore e aforista francese 1864 – 1910
„L'amore è come una clessidra: quando si riempie il cuore, si svuota il cervello.“

Julien Green foto
Julien Green 30
scrittore e drammaturgo statunitense 1900 – 1998
„Rileggere il proprio diario significa rovesciare la clessidra; la sabbia ridiscende, la sabbia è la stessa, la clessidra è la stessa, e tutto è diverso. (dalla nota di diario del 23 giugno 1941, p. 86)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 20 frasi