Frasi su composito


Michele Serra foto
Michele Serra 88
giornalista, scrittore e autore televisivo italiano 1954
„Se ho una sindrome, è una sindrome composita. Multipla. Oltre a darmi decisamente sui nervi i selfie, l’esibizionismo individuale e di gruppo, l’abuso dell’egòfono (per non dire dell’esultanza dei calciatori che in un certo senso riassume tutte le precedenti degenerazioni in brevi sequenze, a loro modo magistrali), comincio a nutrire una inedita diffidenza fisica per gli esseri umani. Non che li trovi brutti. Li trovo ingombranti. (libro Ognuno potrebbe)“

Zygmunt Bauman foto
Zygmunt Bauman 75
sociologo e filosofo polacco 1925 – 2017
„La nostra vita è un'opera d'arte – che lo sappiamo o no, che ci piaccia o no. Per viverla come esige l'arte della vita dobbiamo – come ogni artista, quale che sia la sua arte – porci delle sfide difficili (almeno nel momento in cui ce le poniamo) da contrastare a distanza ravvicinata; dobbiamo scegliere obiettivi che siano (almeno nel momento in cui li scegliamo) ben oltre la nostra portata, e standard di eccellenza irritanti per il loro modo ostinato di stare (almeno per quanto si è visto fino allora) ben al di là di ciò che abbiamo saputo fare o che avremmo la capacità di fare. Dobbiamo tentare l'impossibile. E possiamo solo sperare – senza poterci basare su previsioni affidabili e tanto meno certe – di riuscire prima o poi, con uno sforzo lungo e lancinante, a eguagliare quegli standard e a raggiungere quegli obiettivi, dimostrandoci così all'altezza della sfida. L'incertezza è l'habitat naturale della vita umana, sebbene la speranza di sfuggire ad essa sia il motore delle attività umane. Sfuggire all'incertezza è un ingrediente fondamentale, o almeno il tacito presupposto, di qualsiasi immagine composita della felicità. È per questo che una felicità «autentica, adeguata e totale» sembra rimanere costantemente a una certa distanza da noi: come un orizzonte che, come tutti gli orizzonti, si allontana ogni volta che cerchiamo di avvicinarci a esso. (da L'arte della vita, trad. it., Bari, 2009)“


Gianni Clerici foto
Gianni Clerici 54
giornalista italiano 1930
„Il suo nome, tradotto, significa Orso e Roccaforte, e rende bene l'idea di un difensore inattaccabile, se non da geni della rete, quali McEnroe, o il nostro Panatta. Bjorn fu il primo ad usare racchette composite, legno mescolato a plastica, con uno scheletro di grafite. Pesantissime, oltre le 14 once, che gli consentirono di sviluppare per primo un movimento rotatorio sul diritto, mentre il rovescio gli fu gentilmente offerto dalla pratica giovanile dell'hockey su ghiaccio. Atleta capace di emergere in qualsiasi altro sport, Borg dominò dal 1975 all'81, vincendo non solo 6 Roland Garros, ma 5 Wimbledon, con sbalorditivo adattamento dei suoi gesti a prati. La fine della sua carriera fu causata, al di là di sfortunate scelte umane, dall'arrivo di McEnroe, che lo scoraggiò nella finale di Wimbledon 1981.“

George Lucas foto
George Lucas 19
regista, sceneggiatore e produttore cinematografico stat... 1944
„[Su Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni] L'amore e il male si intrecciano in una struttura composita. Anakin deve proteggere Amidala e se ne innamora. Ho scritto con slancio questo risvolto della storia che ha toni epici. Sebbene il mondo di Guerre Stellari non sia reale, esso suggerisce più che mai in questa puntata una metafora della società del nostro secolo.“

Igor Sibaldi foto
Igor Sibaldi 45
traduttore, saggista e scrittore italiano 1957
„Non è nemmeno un romanzo, d'altronde. Oh, certamente lo è a vederlo da fuori, la superficie è romanzesca e il nome romanzo gli sta benissimo. Ma visto da dentro, da quella profondità e intensità in cui il lettore viene a trovarsi leggendo, questo romanzo non è un romanzo, è un sistema composito, e strano, pieno di "insospettabili ripostigli, bugigattoli svariati e insospettate scale" proprio come la casa in cui Dostoevskij lo ambientò.“

„[Rafael Alberti] Una poesia la sua, di continuo arresa a un'urgenza operartiva incontenibilmente impetuosa, ricca – fino quasi a strariparne – di umori e di fermenti di ognigenere, tali da conferire un volto suggestivamente composito, apparentemente antinomico, in realtà coerente e unificato dalla feracità e autenticità dell'estro, dalla misura per così dire «smisurata» dello stimolo creativo.“

John W. Campbell 6
autore di fantascienza e curatore editoriale statunitense 1910 – 1971
„LA "COSA" DA UN ALTRO MONDO
Quel posto puzzava. Un odore bizzarro e composito, come può esserci soltanto nelle baracche sepolte nel ghiaccio di un accampamento antartico, un misto di fetido sudore umano, e dell'afrore ammorbante d'olio di pesce ricavato dal grasso di foca sciolto. Un vago sentore di lineamento combatteva l'odore muffito delle pellicce infradiciate dal sudore e dalla neve. Il sentore acre del grasso alimentare bruciato, e l'odore animale e non del tutto sgradevole dei cani, diluito dal tempo, aleggiavano nell'aria.“

Federico Caffè foto
Federico Caffè 14
economista italiano 1914 – 1987
„Possibile che, in questo paese, si debba essere d'avviso che prezzi politici, razionamenti, controlli diretti, contingentamenti, noti siano strumenti da utilizzare ai fini di una manovra composita della politica economica? Di certo, l'adozione di misure del genere confida sulla cooperazione di un consapevole spirito pubblico. Ma se lo scetticismo sull'imperativo dello spirito pubblico, che ha indubbiamente matrici più calviniste che cattoliche, è ben comprensibile in taluni ambienti, stupisce che non si facciano energici sostenitori di un maggior uso dei controlli diretti gli ambienti sindacali. Purtroppo, anche in questi ambienti, l'adesione, quando vi sia, è più di facciata che originata da un sincero e combattivo convincimento. (8 aprile 1981: p. 44)“


Mario Pomilio foto
Mario Pomilio 9
scrittore, giornalista e politico italiano 1921 – 1990
„La cattedrale di Teramo è una delle cose più singolari, più composite e insieme più schiette, che possegga l'arte italiana... il ricco portale cosmatesco e l'alta guglia gotica che lo corona slanciandosi al di sopra del cornicione, creano una dimensione nuova e rendono affatto inedita questa singolare facciata. (Da La Cattedrale di Teramo)“

Don Mock 1
musicista
„Dieci cose da sapere per aiutarvi a migliorare come musicisti Blues

1. Dischi di blues
Colleziona molti dischi e trascorri parecchio tempo ad ascoltarli.
2. Piacere e desiderio di tirare tardi nei club
Trascorri tutto il tempo possibile ascoltando buoni musicisti blues dal vivo e sii pronto ad accomodarti al loro tavolo a fine serata, se possibile.
3. Tono
Un gran bel suono di chitarra enfatizza ogni singola nota e può ispirare la creatività nel musicista. Un suono mediocre può rendere ogni nota piatta e senza corpo.
4. Pazienza
La pazienza è una virtù negli assoli blues. Un bravo musicista che costruisce pazientemente l'assolo con tante piccole frasi stuzzicando il pubblico e catturandone l'attenzione, risalta molto meglio di un musicista che mostra le sue carte” già alle prime 12 battute. Il detto “"less is more"” (di meno è di più) è solitamente la chiave per suonare il blues.
5. Stile composito
I musicisti con un solismo abbagliante ma che trascurano le proprie parti ritmiche, perderanno sempre il confronto con coloro che suonano un ottimo accompagnamento e poi fanno assoli nella media. Nel blues, sostenere il cantante o gli altri strumentisti contribuendo a renderne migliore la performance è importante quanto (se non più) il suonare grandi assoli.
6. Emozioni
L'abilità di collegare il Cervello alla Tastiera è la chiave per trasmettere emozioni. La rabbia, il timore, l'amore, la malinconia, la gioia e perfino le pulsioni sessuali sono perfettamente comunicabili nei blues.
7. Teoria musicale
Sebbene non sia un genere musicale noto per la necessità di una grande dose di studi, il blues può trarre giovamento da chi sa il fatto suo in quanto a teoria.
8. Un buon orecchio
I migliori insegnanti sono i musicisti nelle loro registrazioni. E la maniera migliore di imparare quello che stanno facendo è copiarli. Un buon orecchio consente di imparare dalle registrazioni molto più facilmente. Ma avere un buon orecchio è altrettanto importante sul palco. Ascoltare gli altri musicisti che sono con te e tirarsi fuori al momento opportuno, è quello che effettivamente conta suonando dal vivo. Non ascoltare e non prestare attenzione a quello che fanno gli altri sul palco è la strada più veloce per ritrovarsi senza band!
9. Canto
Cantare è il blues, ed è una miniera per imparare i fraseggi, gli abbellimenti ed i riempimenti intorno alla melodia principale. Impara i testi di alcuni blues, anche se non sei un buon cantante. Quando sei solo e nessuno può sentirti, fa’ finta di essere B. B. King, canta e prova a mettere le note giuste al momento giusto. Sul palco cerca di cantare se sei abbastanza coraggioso oppure lascia che lo faccia qualcun altro, in entrambi i casi guadagnerai un miglior rapporto con la musica.
10. Impara e comprendi il music business
Particolarmente importante nel blues. Cerca di sapere chi sono i maggiori artisti locali o nazionali. Cerca di conoscere la loro strumentazione, le chitarre, le corde che usano. Impara anche la Storia del blues... da dove viene? chi erano le persone che hanno portato il blues alla ribalta? ecc. ecc. (sito internet http://www. yearoftheblues. org)“

Vincenzo Consolo 26
scrittore e saggista italiano 1933 – 2012
„Le parole sono pietre — mai titolo di libro fu più felicemente duro e capace di colpire — è il frutto di un viaggio in Sicilia in tre tempi: nel 1951, nel 1952 e nel 1955, anno, questo stesso, in cui fu pubblicato per la prima volta. [... ] Ultimo, allora, di una lunghissima e illustrissima schiera di viaggiatori in Sicilia, viaggiatori che spesso, in questa terra antica e composita, enormemente stratificata, sono stati ingannati o fuorviati da superfici arditamente colorate o da monumentalità incombenti, fino a giungere qualche volta allo smarrimento (come successe a quel povero inglese di nome Newman, divenuto poi cardinale, che dalla Sicilia scappò confuso e febbricitante), ultimo, dicevo, Levi, non ha distrazioni e incertezze. (dalla prefazione a Le parole sono pietre, Giulio Einaudi editore, Torino, 2010, pp. VI-VII)“

Carlo Levi foto
Carlo Levi 58
scrittore e pittore italiano 1902 – 1975
„Le parole sono pietre - mai titolo di libro fu più felicemente duro e capace di colpire - è il frutto di un viaggio in Sicilia in tre tempi: nel 1951, nel 1952 e nel 1955, anno, questo stesso in cui fu pubblicato per la prima volta. [... ] Ultimo, allora, di una lunghissima e illustrissima schiera di viaggiatori in Sicilia, viaggiatori che spesso, in questa terra antica e composita, enormemente stratificata, sono stati ingannati o fuorviati da superfici arditamente colorate o da monumentalità incombenti, fino a giungere qualche volta allo smarrimento (come successe a quel povero inglese di nome Newman, divenuto poi cardinale, che dalla Sicilia scappò confuso e febbricitante), ultimo, dicevo, Levi, non ha distrazioni e incertezze. (Vincenzo Consolo)“


Malachia di Armagh foto
Malachia di Armagh 112
1094 – 1148
„[Su Niccolò III] Rosa composita.“

Primo Levi foto
Primo Levi 132
scrittore, partigiano e chimico italiano 1919 – 1987
„Tutti gli animali inventati dalla mitologia, in tutti i paesi ed in tutte le epoche, sono dei pots pourris, rapsodie di tratti e membra di animali noti. Il più famoso ed il più composito era la chimera, ibrido di capra, serpente e leone, talmente impossibile che il suo nome è oggi equivalente a «sogno vano»; ma è anche stato adottato dai biologi per indicare i mostri che essi creano, o vorrebbero creare, nei loro laboratori grazie a trapianti fra animali diversi. (Inventare un animale, p. 119)“

Franco Fortini foto
Franco Fortini 44
saggista, critico letterario e poeta italiano 1917 – 1994
„Si dissolva quanto è composto, il disordine succeda all'ordine. (da Composita solvantur)“

Gioele Dix foto
Gioele Dix 2
attore e comico italiano 1956
„[Riferito a David Foster Wallace] [Sono rimasto folgorato] Dalla sua intelligenza dissacrante, dalla sua ferocia, dall'architettura linguistica composita dove spesso le note sovrastano il testo principale. E soprattutto dalla sua ossessione per il dettaglio, che sento molto vicina.“