Frasi su cosmetico


Rosalind Russell foto
Rosalind Russell 5
attrice statunitense 1907 – 1976
„La gioia di vivere è il miglior cosmetico per una donna.“

Isabel Allende foto
Isabel Allende 90
la città delle bestie 1942
„Era capace di trasformare una donna dall'aspetto insignificante, valendosi della cornice di una chioma vaporosa e dell'artificio dei cosmetici sapientemente combinati, ma, soprattutto, riusciva a dare a ognuna la sicurezza del proprio fascino, perché in ultima istanza la bellezza altro non è che un atteggiamento.“


James Hillman 22
psicoanalista, saggista e filosofo statunitense 1926 – 2011
„Invecchiando, io rivelo il mio carattere, non la mia morte. [... ] Per il bene dell'umanità, bisognerebbe proibire la chirurgia cosmetica e considerare il lifting un crimine contro l'umanità. (da La forza del carattere; citato in Umberto Galimberti, Facciamo un lifting alle nostre idee, in L'espresso n. 20 anno LIII, 24 maggio 2007, p. 199)“

Amélie Nothomb foto
Amélie Nothomb 162
scrittrice belga 1966
„Lei è un pazzo furioso. – – Questa mania di dare del pazzo a quelli che non si comprendono! Che pigrizia mentale! (da Cosmetica del nemico, Voland)“

Khaled Hosseini foto
Khaled Hosseini 62
scrittore e medico statunitense 1965
„Donne, attenzione: Dovete stare dentro casa a qualsiasi ora del giorno. Non è decoroso per una donna vagare oziosamente per le strade. Se uscite, dovete essere accompagnate da un mahram, un parente di sesso maschile. La donna che verrà sorpresa da sola per la strada sarà bastonata e rispedita a casa. Non dovete mostrare il volto in nessuna circostanza. Quando uscite, dovete indossare il burqa. Altrimenti verrete duramente percosse. Sono proibiti i cosmetici. Sono proibiti i gioielli. Non dovete indossare abiti attraenti. Non dovete parlare se non per rispondere. Non dovete guardare negli occhi gli uomini. Non dovete ridere in pubblico. In caso contrario verrete bastonate. (libro Mille splendidi soli)“

Max Beerbohm foto
Max Beerbohm 12
scrittore inglese 1872 – 1956
„La maggior parte delle donne non sono giovani come le dipingono. (libro Elogio dei cosmetici)“

Amélie Nothomb foto
Amélie Nothomb 162
scrittrice belga 1966
„Quando si è destinati a diventare colpevoli, non è necessario avere qualcosa da rimproverarsi. Il senso di colpa si aprirà un varco con qualsiasi mezzo. (libro Cosmetica del nemico)“

Will Tuttle foto
Will Tuttle 56
1953
„Molti notano come il passaggio a una dieta a base di alimenti vegetali non solo li abbia aiutati a perdere peso, ma abbia anche donato loro una pelle dall'aspetto più luminoso e giovane, riducendo il bisogno di utilizzare cosmetici. (p. 85)“


Satyaraja Dasa 2
autore (leader degli Hari Khrisna) 1955
„Invece di mostrare compassione, l'umanità usa il suo dominio sugli animali per rinchiuderli in infami prigioni, per prenderli al laccio, a colpi di mazza, arpionarli, avvelenarli, mutilarli e sottoporli a traumi in nome della scienza, per ucciderli a milioni o accecarli lentamente tra atroci sofferenze per testare cosmetici.“

Hans Hermann Kersten 1
aforista 1928 – 1986
„La cosmetica è l'arte di fare di necessità verginità.“

Amélie Nothomb foto
Amélie Nothomb 162
scrittrice belga 1966
„Più che i problemi metafisici, sono le contrarietà senza significato a rivelare l'assurdità dell'esistenza. (libro Cosmetica del nemico)“

Charles Haskell Revson foto
Charles Haskell Revson 1
imprenditore (dell'industria cosmetica) 1906 – 1975
„In fabbrica facciamo cosmetici, in negozio vendiamo speranze.“


Amélie Nothomb foto
Amélie Nothomb 162
scrittrice belga 1966
„La cosmetica è la scienza dell’ordine universale, la morale suprema che determina il mondo. (libro Cosmetica del nemico)“

Yves Saint Laurent foto
Yves Saint Laurent 8
stilista francese 1936 – 2008
„Il trucco migliore per una donna è la passione. Ma i cosmetici sono più facili da comprare.“

Loredana Lipperini foto
Loredana Lipperini 51
giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica italiana 1956
„Ulteriore questione: all'interno dello stereotipo di genere – interno, a sua volta, a quello dell'età – si trova, come in una scatola magica, uno stereotipo ancora più sottile, ma non meno insidioso. Quello della negazione. Occorrerebbe Goethe per spiegarlo. Occorrebbe il suo Faust, quando esclama. "Nemmeno un cane potrebbe vivere più a lungo così!". Certo che puoi, certo che devi, gli verrebbe risposto oggi. Il parmigiano reggiano – quello che propone come esempio di buona crescita un gruppo di bambini dove i maschi sono esploratori e scienziati e le femmine fanno le infermiere – mette accanto due donne e ammicca: "Ti scambiano per tua figlia?". Ecco: lo scambio madre figlia è il più frequente nelle campagne rivolte alle donne: che si tratti di creme o di prodotti dietetici, di cosmetici o di abiti, il parallelo viene ripetuto impietosamente. È la versione aggiornata e consumista della fiaba di Biancaneve, laddove a Grimilde viene proposto non di vivere come è stata fino a quel momento e come continua ad essere, semplicemente con alcuni anni in più, ma di vendicarsi, infine e una volta per tutte, della figliastra. Non serve avvelenarla, puoi essere lei. Per una madre, dovrebbe essere una proposta terribile: ma risulta seducente come la più fatale delle tentazioni di Mefistofele.“

Giovanni Orsina 1
politologo e storico italiano 1967
„Che cos'è l'indignazione cosmica? È quell'indignazione che, malgrado all'inizio sia stata generata da fatti specifici, poi li ha trascesi, e s'è trasformata in una sorta di condizione dello spirito: uno stato d'animo autosufficiente, pervasivo e permanente; che non ha più bisogno della realtà per sostenersi ma, al contrario, determina il modo in cui la realtà viene letta; e che in breve tempo si dilata a dismisura e inghiotte qualsiasi avvenimento, cosa o persona. Che inghiotte, alla fine, l'intero Paese. [... ] L'indignazione cosmica serve a soddisfare l'indignato, non a migliorare il mondo. Teme il cambiamento, anzi - di che cosa potrebbe più indignarsi se le cause dell'indignazione fossero rimosse – e quando mai quello dovesse avvenire lo riterrebbe senz'altro insufficiente, cosmetico, ipocrita. L'indignazione cosmica colloca le sue pretese ad altezze siderali: maggiore sarà la distanza fra le cose come sono e come dovrebbero essere, maggiore potrà essere l'indignazione. Così facendo l'indignazione cosmica diseduca alla realtà – a portare pazienza di fronte alle sue inevitabili (e benedette) imperfezioni.“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 21 frasi