Frasi su cromosoma

Per salvare la nozione di responsabilità individuale, bisognerebbe, credo, arrivare fino ad ammettere che si sia responsabili dei propri cromosomi.

Jean Rostand foto
Jean Rostand 65
aforista, filosofo, biologo 1894 – 1977

Ero una specie di hippy, le mie forme evocavano quelle di una chitarra basso, ma a parte questo ero passabile. Non avevo cicatrici né cromosomi Y, e il mio sorriso perfetto era il risultato di anni di ortodonzia correttiva. (p. 13)

Diablo Cody foto
Diablo Cody 15
sceneggiatrice e scrittrice statunitense 1978

Nel secolo scorso e nei primi decenni del Novecento, nelle società più progredite [... ] due cromosomi X rappresentavano una barriera insormontabile per entrare alle scuole superiori e poter realizzare i propri talenti. (pag. 43)

Rita Levi-Montalcini foto
Rita Levi-Montalcini 87
neurologa e senatrice a vita italiana 1909 – 2012

La pallacanestro, per Róka, era essenzialmente un modo per disseminare cromosomi in giro per il paese. La pallacanestro, come qualsiasi attività che lo portasse fuori dalle mura domestiche, fungeva da ponte fra sé e i membri dell'altro sesso. Superate le ventiquattr'ore di astinenza sessuale, Róka diventava estremamente agitato e si lanciava, per esempio, in frenetiche corse sul posto, accompagnate da ululati. Persino in un ambiente come il vagone del Lokomotive, dove la conversazione verteva essenzialmente sulle donne, la dedizione di Róka per le circonvoluzioni gamiche era notevole. (p. 10)

Tibor Fischer foto
Tibor Fischer 7
scrittore britannico 1959

Crediamo di essere liberi, mentre la biologia ci dimostra che siamo delle macchine chimiche completamente condizionate dai cromosomi e dall'ambiente che ci circonda. [... ]. Le nostre idee e il nostro comportamento non sono affatto scelti liberamente, ma sono il risultato di un'azione combinata dell'eredità e dell'ambiente.
Quanto alle dittature (e alle ideologie), esse non hanno bisogno di ricorrere ai farmaci o agli elettrodi per provocare cambiamenti biochimici e cerebrali: sono sufficienti i discorsi e la propaganda.
La biologia mostra infatti che la parola e il farmaco hanno un'azione sostanzialmente simile nel cervello: entrambi inducono cambiamenti biochimici e molecolari nell'organizzazione cerebrale. (premessa, pp. 7-8)

Piero Angela foto
Piero Angela 111
divulgatore scientifico e giornalista italiano 1928

Vi siete mai chiesti perché l'uomo e la donna possiedono ognuno soltanto una metà dell'organo di riproduzione? E debbono impegnare tanto tempo (e energie) per mettere insieme le loro due parti? La risposta, ovviamente, è che questa riproduzione a due ha permesso di rimescolare i cromosomi e quindi di ridistribuire le mutazioni favorevoli che altrimenti sarebbero rimaste separate in individui diversi.
Così ognuno di noi, attraverso i riti del corteggiamento e dell'accoppiamento (con tutto quello che ciò comporta: investimenti, stratagemmi, emozioni, magari anche poesie e musiche), diventa strumento inconsapevole di quell'esigenza fondamentale della natura che è la produzione di diversità. (cap. I, p. 13)

Piero Angela foto
Piero Angela 111
divulgatore scientifico e giornalista italiano 1928

Quanto più la mia vita viene spiegata sulla base di qualcosa che è già nei miei cromosomi, di qualcosa che i miei genitori hanno fatto o hanno omesso di fare e alla luce dei miei primi anni di vita ormai lontani, tanto più la mia biografia sarà la storia di una vittima. (libro Il codice dell'anima)

James Hillman 22
psicoanalista, saggista e filosofo statunitense 1926 – 2011

Il cromosoma maschile è un cromosoma femminile incompleto. In altre parole, il maschio è un aborto che cammina, abortito allo stadio genetico. Essere maschio è essere deficiente, emozionalmente limitato: la mascolinità è una malattia di deficienza e i maschi sono storpi emotivi.

Valerie Solanas 11
scrittrice, attrice e attivista statunitense 1936 – 1988

Gli assassini e i criminali congeniti sono in possesso non di uno ma di due cromosomi Y, essendo così portatori di una dose doppia, per così dire, di maschilità geneticamente indesiderabile. (libro Il primo sesso)

Elizabeth Gould Davis 3
1910 – 1974

Sì, Swann prova a dimenticarsi del proprio giudaismo ogni tanto, così come Saint-Loup fa di tutto affinché gli altri si scordino che lui è, anzitutto, un Guermantes. Ma evidentemente l'ebraismo così come la discendenza aristocratica hanno una forza tale da sovrastare il singolo individuo. Swann e Saint-Loup nulla possono contro la schiavitù dei cromosomi. Ecco perché il viso di Swann, alla fine della sua vita, diventa tragico e affilato come quello di Shylock, così come il fondoschiena di Saint-Loup si allarga fino quasi a sovrapporsi a quello non meno illustre di suo zio Charlus.

Alessandro Piperno 2
scrittore italiano 1972

Chimicamente, nel nostro corpo, gli elettroni sono organizzati in coppie, con un'unica eccezione: quelli dell'ossigeno. È l'unica molecola che presenta elettroni individuali chiamati "radicali liberi". Ma, come tutti gli scapoli, non hanno che un'unica idea: accoppiarsi! Quindi cercano di fissarsi al DNA dei cromosomi e ai lipidi delle membrane cellulari, alterandoli. Le pareti cellulari diventano più rigide e si ossidano, un po' come una piastra di ferro attaccata dalla ruggine. (p. 48)

Michel Montignac 12
1944 – 2010