Frasi su cronometro

[Raccontando il suo record di 9" 72 sui 200 m] Ero come un viaggiatore che stava per partire. Ogni corsa è un viaggio. Mi chiedevo: ho preso tutto? Ero alla ricerca di un tempo, troppe volte perduto. Pensai fosse la volta buona. Remai un po' in curva, controllai la sbandata all'entrata del rettilineo, non smisi di spingere, stavo andando a trentasei chilometri all'ora con le mie gambe. Corsi i primi cento in 10" 34 e i secondi in 9" 38. Arrivai con sei metri di vantaggio. Il pubblico urlò, ma io non ero sicuro. Non c'erano tabelloni elettrici, allora. Mi girai. L'unico cronometro era alla partenza. Guardai le cifre, forse avevano sbagliato anno? Eravamo nel '79 non nel '72, mi vennero tutti addosso, ci fu una grande confusione, non riuscivo più a respirare.

Pietro Mennea foto
Pietro Mennea 44
atleta e politico italiano 1952 – 2013

Avrei potuto ribattere il mio record dopo Mosca, valevo 19"60, me lo confermò lui, cronometro alla mano, ma credeva che ne sarei stato troppo appagato.

Pietro Mennea foto
Pietro Mennea 44
atleta e politico italiano 1952 – 2013

Adesso era diverso, adesso aveva paura della paura. Quella che sostituisce il ragionamento all'istinto, che ti fa staccare il piede dall'acceleratore un attimo prima del necessario e che un attimo prima del necessario ti fa cercare il pedale del freno. Quella che di colpo ti rende muto e parla soltanto attraverso un cronometro, mentre spiega quanto sia veloce un secondo per un uomo comune e quanto sia lento invece per un pilota.

Giorgio Faletti foto
Giorgio Faletti 247
scrittore italiano 1950 – 2014

Abbiamo perso un grandissimo uomo di sport e un pezzo della storia dell'atletica mondiale. Ma soprattutto, un esempio eccezionale di tenacia, forza e voglia di vivere. Sono profondamente commosso per la sua scomparsa. Con lo stesso stile che lo ha contraddistinto sulla pista, Pietro Mennea ha spinto fino all'ultima falcata anche nella vita lasciando un segno indelebile che dovrà guidare sia chi sfida il cronometro o gli avversari, sia chi si misura ogni giorno con le avversità dell'esistenza.

Antonio Rossi foto
Antonio Rossi 1
canoista e politico italiano 1968

Come vedi, nella Metro è quasi sempre notte e non ha senso cronometrare il tempo in maniera tanto meticolosa. Libera le ore e vedrai che il tempo si trasformerà, è molto interessante. Muterà a tal punto che non lo riconoscerai nemmeno. Smetterà di essere frammentato, diviso in sezioni composte da ore, minuti e secondi. Il tempo è come il mercurio: se lo spargi, si riunisce di nuovo, ritrova la sua integrità e la sua indeterminatezza. L'uomo è riuscito a domarlo, a rinchiuderlo in orologi da taschino e cronometri e, per coloro che tengono il tempo alla catena, questo scorre senza intoppi. Ma se lo liberi, vedrai: scorre in maniera diversa a seconda delle persone. (Khan)

Dmitrij Gluchovskij foto
Dmitrij Gluchovskij 10
scrittore e giornalista russo 1979

Nella nostra cultura ad orientamento individuale, molti di noi ora vivono distanti dallo scorrere naturale del tempo, conducendo le proprie vite in spazi interiori dove calibrano il passaggio del tempo con l’orologio o il cronometro.

Fenton Johnson foto
Fenton Johnson 1
scrittore 1953

Ho fatto tutto il possibile per arrivare qui a livello ottimale: ora basta a rincorrere tempo, alla fobia del cronometro: penserò al resto, al Natale a casa, alla settimana bianca, a riprendere l’università, imparare l’Inglese. Continuo a nuotare, ci mancherebbe: gare corte, preparo le staffette. Mi farà male non fare le mie gare. Ma meno penso al nuoto e meglio è...

Federica Pellegrini foto
Federica Pellegrini 7
nuotatrice italiana 1988

Avendo portato vittoria macchina con maestra esperienza confermoti asso come pronosticai quando all'inizio conobbi tue doti. Bravo valoroso camerata tuo rivale est stato il cronometro. Sono certo di altre affermazioni che attendo per l'automobilismo italiano. (Tazio Nuvolari)

Nino Farina foto
Nino Farina 5
pilota automobilistico italiano 1906 – 1966

Mi sono svegliato nel Duemila e ho avuto paura perché Berlusconi aveva comprato tutto. Perfino la Costituzione aveva fatto riscrivere. Da Mike Bongiorno. Il primo articolo diceva: - L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro? Avete venti secondi per rispondere. Via al cronometro.

Paolo Rossi foto
Paolo Rossi 8
attore, cantautore e comico italiano 1953

Avendo portato vittoria macchina con maestra esperienza confermoti asso come pronosticai quando all'inizio conobbi tue doti. Bravo valoroso camerata tuo rivale est stato il cronometro. Sono certo di altre affermazioni che attendo per l'automobilismo italiano. (Telegramma inviato a Nino Farina dopo la vittoria nella Coppa Ciano del 1939)

Tazio Nuvolari foto
Tazio Nuvolari 2
pilota motociclistico e pilota automobilistico italiano 1892 – 1953

Via al cronometro!

Mike Bongiorno foto
Mike Bongiorno 17
conduttore televisivo, conduttore radiofonico e partigia... 1924 – 2009

Ultimi 40 secondi, Jordan va subito a canestro, appoggia al vetro anche con contatto e segna in un amen, riportando a -1 Chicago. Discrepanza di circa 13 secondi tra il cronometro dei 24 e quello della partita, Chicago non vuole prendere un gioco da tre punti, vuole eventualmente la palla anche se segna Utah, per il pareggio a sua volta con un gioco da tre punti.. LA RUBA JORDAN, E SE LA PRENDE, direttamente dalle mani di Malone, ultimi 15 secondi, meno uno Chicago. Il palleggio, per Michael Jordan, che ha spazio, tutti lo aspettano, può essere l'ultima azione della sua carriera NBA, arresto, tiro, JORDAN, JORDAN! MICHAEL... JEFFREY... JORDAAAAN!!!

Flavio Tranquillo foto
Flavio Tranquillo 48
giornalista e scrittore italiano 1962

A quanto pare, nella vita tutto accade secondo una specie di cronometro invisibile; non si può «decidere» nulla nemmeno un attimo prima, ma soltanto quando le cose e le situazioni si sono già decise da sole… Agire diversamente è soltanto una forzatura, è insensato, disumano, forse anche immorale… È la vita a decidere, in modo sorprendente e meraviglioso… e allora tutto diventa semplice e naturale.

Sándor Márai foto
Sándor Márai 134
scrittore e giornalista ungherese 1900 – 1989