Frasi su discrimine


 Eminem foto
Eminem 46
rapper, attore e produttore discografico statunitense 1972
„Hitler non è morto. Hitler è in ogni uomo che discrimina un uomo gay, uno di colore o uno di un'altra religione.“

„È esperienza di ogni giorno: si richiede la santità agli altri, per tenere tranquilla la coscienza, nel momento i cui ci si accorge che non sono santi. Ma nel momento in cui ci si accorge che lo sono, li si consacra. La consacrazione li discrimina, li cataloga: li rende innocui, e anche un po' ridicoli e ufficiali. (Pier Paolo Pasolini)“


Giorgio Antonucci foto
Giorgio Antonucci 18
medico e psicanalista italiano 1933
„Lombroso discrimina i popoli e gli individui riferendosi essenzialmente a caratteristiche anatomiche. In seguito si cercherà la discriminazione su basi fisiologiche, poi su basi biochimiche, ora si cerca anche di utilizzare la moderna biologia molecolare, sempre nel tentativo ridicolo di dare contenuti scientifici ai pregiudizi“

„La squadra mi accetta e c'è rispetto tra noi, è parte della nostra cultura. Quando vado in campo mica penso se sono una donna, un uomo o altro, piuttosto mi concentro e mi impegno per rappresentare il mio paese. Che è un grande paese perché non discrimina quelli come me: possiamo fare ciò che vogliamo, lavorare in ogni settore della società, praticare ogni sport. (ibidem)“

Pier Paolo Pasolini foto
Pier Paolo Pasolini 144
poeta, giornalista, regista, sceneggiatore, attore, paro... 1922 – 1975
„È esperienza di ogni giorno: si richiede la santità agli altri, per tenere tranquilla la coscienza, nel momento i cui ci si accorge che non sono santi. Ma nel momento in cui ci si accorge che lo sono, li si consacra. La consacrazione li discrimina, li cataloga: li rende innocui, e anche un po' ridicoli e ufficiali. (7 dicembre 1968)“

Kyra Sedgwick foto
Kyra Sedgwick 3
attrice statunitense 1965
„Hollywood discrimina le persone in base al sesso e all'età.“

 Zhuangzi foto
Zhuangzi 26
filosofo 369 – -289 a.C.
„La grande intelligenza abbraccia. La piccola discrimina.“

Marcello Pera foto
Marcello Pera 18
filosofo e politico italiano 1943
„La sinistra odia la nostra cultura e la nostra civiltà a tal punto che è disposta a consegnarla, come la sta consegnando, all'Islam. La sua politica estera è l'acquiescenza con i paesi e gruppi terroristici; la sua politica interna è l'ingresso libero a tutti gli immigrati e la cittadinanza a buon mercato; la sua politica sociale è il multiculturalismo; perciò la sua politica urbanistica è chiudere la base americana di Vicenza! Ieri, oggi, sempre contro l'Occidente. E siccome Occidente vuol dire anche e soprattutto Cristianesimo, la sinistra, per essere antioccidentale ha scelto l'anticristianesimo, cioè il laicismo. Questa è la nuova frontiera, il nuovo discrimine, la nuova linea di divisione fra noi e la sinistra. (da Libero, 3 febbraio 2007)“