Frasi su facezia


Benedetto Croce foto
Benedetto Croce 115
filosofo, storico e politico italiano 1866 – 1952
„Chiamare contrasto di religione l'odio e il rancore che si accendono da un partito che nega ai componenti degli altri partiti il carattere d'italiani e li ingiuria stranieri, e in quest'atto stesso si pone esso agli occhi di quelli come straniero e oppressore, e introduce così nella vita della Patria i sentimenti e gli abiti che sono propri di altri conflitti; nobilitare col nome di religione il sospetto e l'animosità sparsi dappertutto, che hanno tolto perfino ai giovani dell'Università l'antica e fidente fratellanza nei comuni e giovanili ideali, e li tengono gli uni contro gli altri in sembianti ostili: è cosa che suona, a dir vero, come un'assai lugubre facezia.“

Pievano Arlotto 19
sacerdote italiano 1396 – 1484
„Non tòrre la roba d'altri, né la fatica, né il sudore di persona, massime de' poveri uomini. (Facezia XLVII: motto della santa elemosina)“


R. Kern 30
scrittore
„Un giovane molto timido scrisse un giorno ad abba Sisoès: “Reverendo abate, con questa mia ti chiedo di poter entrare nel tuo monastero. Quanto ne sarei felice! Se la tua risposta è sì, scrivimi, ti prego. Se è no, non aprire neppure questa lettera (libro Arguzie e facezie dei padri del deserto)“

Arrigo Cajumi 39
giornalista, scrittore e critico letterario italiano 1899 – 1955
„Qualche pennivendolo infatuato torna a sputacchiare quelle anime che tranquille hanno la colpa di pensare d'essere venute al mondo, non per servire a esperienze altrui, ma per passare nel modo meno ingrato la loro esistenza, facendo perno sul proprio io. A dar retta a certa gente, tutti dovrebbero ridursi al livello dei conigli da laboratorio, ai quali peraltro non si chiede di manifestare la loro soddisfazione e il loro entusiasmo per ciò che li attende.
Ora la fonte di tali pensamenti è religiosa, clericale. […] Il credente – sia cristiano, che ebreo, o musulmano… – e sempre chiamato a servire anima e corpo un feticcio, e la congrega che utilizza quest'ultimo. Per cui, la cattura, l'abdicazione, l'abiezione dell'individuo sono – per chi bada ai fatti e non alle facezie – integrali. (p. 161)“

R. Kern 30
scrittore
„Abba, nessuno mi comprende – si lamentò un novizio col suo superiore.
Questi rispose:
- Ci si crede incompresi nella misura in cui si comprendono meno gli altri. (libro Arguzie e facezie dei padri del deserto)“

Piovano Arlotto 27
sacerdote italiano 1396 – 1484
„Quale è la parola dello uomo, tale è lui. (libro Facezie, motti e burle del piovano Arlotto)“

Andrea Perrucci foto
Andrea Perrucci 13
drammaturgo, librettista e gesuita italiano 1651 – 1704
„Le facezie ridicole consistono negli spropositi, o deformità della natura, nei volti contraffatti, caricature di naso, fronti aguzze, calvizie, orecchie lunghe, storpi di gambe, i quali difetti, contraffacendosi con maschere e con abilità, tanto sono compatibili e commiserabili nel vero, tanto sono ridicoli nella finzione. Ridicolissimo sarà uno Zanni con occhi piccini, volto nero e ciglia irsute, buffo in tutte le posture; così come un Pulcinella tutto un pezzo, sgarbato di persona e sciocco in tutti i gesti.“

Piovano Arlotto 27
sacerdote italiano 1396 – 1484
„Più inconveniente è gittare parole vane che sassi. (libro Facezie, motti e burle del piovano Arlotto)“


James Boswell foto
James Boswell 6
scrittore, giurista e aforista scozzese 1740 – 1795
„Da parte mia penso che nessun tipo innocente di arguzia o facezia debba essere soppresso: e che una buona freddura può venire ammessa tra le piccole eccellenze di una conversazione vivace.“

R. Kern 30
scrittore
„- “Ho perso la memoria” – disse un giorno un anziano di cent’anni ad uno della sua stessa età.
- “Hai perso cosa?” – chiese questi, ch’era sordo.
- “Non lo ricordo più (libro Arguzie e facezie dei padri del deserto)“

Pievano Arlotto 19
sacerdote italiano 1396 – 1484
„Chi scrive non tiene a memoria. (Facezia sesta fatta per il Piovano dinanzi al re Alfonso in Neapoli)“

R. Kern 30
scrittore
„Così disse un anziano: “Se date ai maiali e ai fratelli tutto ciò che vogliono, avrete dei buoni maiali e dei cattivi fratelli (libro Arguzie e facezie dei padri del deserto)“


R. Kern 30
scrittore
„Poiché un monaco si lamentava col suo superiore del gran numero di emigranti che affluivano in Egitto attraversando il Mar Rosso, abba Filocolo disse:
- Perché ti lamenti? Siamo tutti discendenti di emigranti, da quando Adamo ed Eva han dovuto lasciare il Paradiso… (libro Arguzie e facezie dei padri del deserto)“

R. Kern 30
scrittore
„Perché, abba, calzi un paio di sandali così stretti? Hai tutti i piedi gonfi! Lo fai per penitenza? – chiese un monaco a un anziano. - Certo. Ma anche perché la sera, quando me li tolgo, provo una grande felicità. (libro Arguzie e facezie dei padri del deserto)“

Piovano Arlotto 27
sacerdote italiano 1396 – 1484
„Chi vòle fare adirare uno suo amico, adoperi d’essere molto buono. (libro Facezie, motti e burle del piovano Arlotto)“

Pievano Arlotto 19
sacerdote italiano 1396 – 1484
„L'uomo è il più falso animale che sia, né mai si può conoscere. (Facezia sesta fatta per il Piovano dinanzi al re Alfonso in Neapoli)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 68 frasi