Frasi su grafico


Augusto Daolio 10
cantante e attivista italiano 1947 – 1992
„Ho molti amici pittori, scultori, grafici. Ognuno di loro mi regala qualcosa, mi fa entrare nell'intimità degli studi odorosi d'olio di lino e di acquaragia, mi fa partecipe di quella strana magia alchemica. Ho pochi amici cantanti e musicisti, e non so perché. Forse per la loro poca passione per i fatti della vita, quando sembrano preoccupati solo del successo, dell'ultimo album, e quando non sono al centro dell'attenzione dormono moltissimo, come le ballerine. Cosa che mi distingue da loro decisamente.“

„Il design grafico è comunicazione; un design di successo trasmette un messaggio al pubblico che le parole da sole non sono in grado di comunicare. Il design è in grado di evocare atmosfere ed emozioni, creare umori e sollecitare risposte. (p. 48)“


Ettore Sottsass foto
Ettore Sottsass 98
architetto e designer italiano 1917 – 2007
„La storia delle Edizioni East 128 e di Pianeta Fresco – 1967
... nel frattempo la creatività di Sottsass si era concretizzata in una "firma" e la rivista si era affermata per quello che era, uno choc grafico che andava all'unisono con un documento poetico e ideologico a tutt'oggi respinto dall'establishment.“

Eiji Aonuma foto
Eiji Aonuma 4
1963
„Il concetto alla base dei giochi della serie di Zelda è di sorprendere il giocatore in modi sempre differenti, e anche Twilight Princess non sfugge a questa regola. Il nuovo stile grafico dipende dall'età di Link: ora che è più adulto abbiamo deciso di usare una grafica più realistica, in modo da rappresentarlo con un taglio più verosimile. Un altro dei concetti alla base di Zelda è la maturazione del personaggio e del giocatore nel corso nel gioco, ma in questo caso, dato che Link inizia già da adulto, non c'era molto spazio per farlo maturare ulteriormente. Da qui ho avuto l'idea di trasformarlo, di prenderlo nella sua condizione adulta e di riportarlo a uno stato più infantile: in forma di lupo Link perde le abilità che ha quando è adulto e c'è di nuovo margine per una crescita.“

Ettore Sottsass foto
Ettore Sottsass 98
architetto e designer italiano 1917 – 2007
„La storia del giornalino East 128 Chronicle – 1962
... Ne stampammo tre numeri: erano messaggi d'amore e invenzioni fragili e precorritrici come tutto quello che ha sempre fatto Sottsass. I brevi testi erano inseriti in pagine di collage di figure tratte da pagine di giornale dove si vedevano pezzi di carne e di formaggio, ventilatori, camicie da notte, reggiseni, insomma tutti i prodotti in vendita nei supermercati americani. Questi collage precedevano di molto la grafica pop: erano un esempio di preistoria della cultura pop...“

Giuseppe Antonio Borgese foto
Giuseppe Antonio Borgese 26
scrittore, giornalista e critico letterario italiano 1882 – 1952
„Lei dice "chiunque intenda quella stessa lingua", "le parole sono segni di cose", e invece non vivono due persone che parlino la stessa lingua, né ci sono due momenti in cui una parola individui la stessa cosa, παντα ρει. […] la lingua della poesia e della vita non è né una lingua morta, né una lingua concettuale – sostituibile vale a dire, con un complesso di segni grafici senza suono […]. Il significato emozionale della parola varia da uomo a uomo, ed ogni sillaba è colorata dal tono del suo spirito (Lettera a Giovanni Alfredo Cesareo, p. 318)“

Ernst Jünger foto
Ernst Jünger 284
filosofo e scrittore tedesco 1895 – 1998
„[Sull'opera grafica di Alfred Kubin] Ciò che vediamo qui riflessa è la fine della vecchia Austria, di cui si avverte la traccia dolorosa, ad esempio nella lirica di Trakl. Ma questa fine non è descritta là dove appare sullo scenario della storia universale, là dove è sancita sui campi di battaglia. [... ] È molto più sconvolgente il fatto che la rovina, l'aggressione implacabile del tempo vengano colte in luoghi minimi e nascosti: là dove si ode il ticchettio dell'oriolo della morte, dove la muffa lentamente si allarga e le tarme rodono i tessuti. La morte penetra nelle stanze borghesi; saggia con le dita il ciarpame delle frange e delle stoffe, stacca dalla parete una fotografia ingiallita per osservarla, si diverte a girare la chiavetta di un carillon di epoca Biedermeier, getta lo sguardo nei salotti impolverati col fare di un cameriere che nel bel mezzo di un'orgia sfrenata prepari con indifferenza il conto. (da I demoni della polvere, pp. 97-98)“

Alberto Sordi foto
Alberto Sordi 61
regista, attore, doppiatore, cantante 1920 – 2003
„[L'incontro con Benito Mussolini] Io avevo intorno ai tredici anni, era il 1933. [... ] Ci sembrò un sogno. Una mattina alle 9, a Palazzo Venezia, l'usciere Navarro ci fa entrare nella mitica Sala del Mappamondo. Era immensa e lustra come uno specchio. Mi tremavano le gambe. Il Duce ci aspettava dietro un grande tavolo. Salutiamo romanamente nelle nostre divise fiammanti. Poi il Duce parla con voce rotonda: "Camerati, vi ascolto". Al che il veterano si slancia in avanti: "Eccellenza, Duce, ecco il mio piano laborioso. Darà lavoro a centinaia di persone". E gli porge alcuni fogli con mappe e grafici. Passano cinque, dieci secondi, sufficienti perché Mussolini intuisca tutta l'inconsistenza del progetto. "Mi vorreste alla posa della prima pietra? No – dice –, vi do tempo. Verrò all'ultima". Così ci licenzia, e noi usciamo dal palazzo come cani bastonati. [... ] Mi è servito in seguito. Non ho più raccomandato nessuno. Quando c'è qualcuno che insiste, gli dico: guarda, mi è andata male perfino con il Duce.“


Leo Ortolani foto
Leo Ortolani 99
autore di fumetti italiano, creatore di Rat-Man 1967
„Unisce capacità grafica e narrativa con una naturalezza sbalorditiva.“

Enrico Brizzi foto
Enrico Brizzi 83
scrittore italiano 1974
„Ancora non sapevo che i nuovi computer americani di cui si era rifornito il Dipartimento di Storia, scocche beige ravvivate da una piccola mela multicolore, erano destinati a cambiare il mio modo di pensare alla scrittura, alla grafica, allo stivaggio di informazioni e, un giorno, persino alla musica, alla corrispondenza e alla vita sociale in genere. (libro La legge della giungla)“

David Carradine foto
David Carradine 4
attore e artista marziale statunitense 1936 – 2009
„Trovo che tutta la filosofia che circonda i super eroi sia affascinante. Prendi il mio super eroe preferito: Superman. Non un grandissimo fumetto - la grafica è mediocre! - ma la filosofia... la filosofia non è soltanto eccelsa: è unica. L'elemento fondamentale della filosofia dei supereroi è che abbiamo un supereroe e il suo alter ego. Batman è di fatto Bruce Wayne, l'Uomo Ragno è di fatto Peter Parker. Quando quel personaggio si sveglia al mattino è Peter Parker: deve mettersi un costume per diventare l'Uomo Ragno. Ed è questa caratteristica che fa di Superman l'unico nel suo genere. Superman non diventa Superman: Superman è nato Superman. Quando Superman si sveglia al mattino, è Superman. Il suo alter ego è Clark Kent. Quella tuta con la grande "S" rossa è la coperta che lo avvolgeva da bambino quando i Kent lo trovarono. Sono quelli i suoi vestiti. Quello che indossa come Kent, gli occhiali, l'abito da lavoro, quello è il suo costume! E' il costume che Superman indossa per mimetizzarsi fra noi. Clark Kent è il modo in cui Superman ci vede. Quali sono le caratteristiche di Clark Kent? È debole, non crede in se stesso ed è un vigliacco. Clark Kent rappresenta la critica di Superman alla razza umana. (Film Kill Bill - Volume 2)“

Max Klinger foto
Max Klinger 2
pittore e scultore tedesco 1857 – 1920
„il disegnatore modella le condizioni naturali secondo la sua capacità di esprimerle; [... ] il grafico non rappresenta il mondo, lo interpreta. (citato in I saperi integrati, p. 257)“


Terisio Pignatti 1
critico e storico dell'arte italiano 1920 – 2004
„Il gusto contemporaneo predilige nuovamente le minuziose e vivaci telette dei pittori di vedute veneziane, tra i quali non v'è dubbio che Canaletto emerga, come già dominava ai suoi tempi. È una visione lieta e solare, quella della Venezia canalettiana, espressa da un linguaggio che piega il gioco delle luci reali all'espressione di una vitalità fantastica sempre ripetuta e sempre nuova. A quel segreto si riferisce anche tutta la produzione grafica dell'artista, dalle incisioni ai numerosissimi disegni. Di questi conosciamo tutti i tipi possibili: dai rapidi cenni a matita agli schizzi prospettici, dagli studi di macchiette ai disegni "finiti", da vendere a carissimo prezzo. L'immagine grafica, per Canaletto, non è più solamente un mezzo per giungere alla espressione poetica, ma è spesso addirittura l'espressione poetica stessa [... ]. Crediamo che non vi siano molti altri disegni (tolti forse quelli contemporanei del Tiepolo) che sappiano suggerire analoghi profondissimi squarci di luminosità, di biancore solare. (da Il quaderno di disegni di Canaletto alle Gallerie di Venezia, 1958)“

George Santayana foto
George Santayana 40
filosofo, scrittore e poeta spagnolo 1863 – 1952
„Il disegno grafico è il paradiso di individualità, eccentricità, eresia, anormalità, passatempi e umorismo.“

Benjamin Graham foto
Benjamin Graham 39
economista e imprenditore statunitense 1894 – 1976
„Il grafico mostra un'ascesa e un tremendo declino che spiccano rispetto a tutte le altre fluttuazioni. Tale periodo è comunemente definito la "nuova era" del 1927-33. La cosa evidente di questo fenomeno fu che la nuova era esisteva soltanto nella mente degli speculatori. L'intero episodio, in retrospettiva, sembra oggi una di quelle rare manifestazioni di follia finanziaria di massa che si studiano nei libri di scuola tipo la "Bolla dei Mari del Sud" o la "Bolla del Missisippi".“

Laura Lenghi 8
doppiatrice italiana 1968
„Io pensavo di fare la grafica pubblicitaria. Ho iniziato da bambina, per caso. Dopo aver fatto altri piccoli lavori ho cominciato ad amare il doppiaggio e adesso sono contenta del mio lavoro; se potessi tornare indietro lo risceglierei. Ed oggi più che un lavoro è diventata una passione.“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 25 frasi