Frasi su inquilino


Gianni Brera foto
Gianni Brera 78
giornalista e scrittore italiano 1919 – 1992
„La vis polemica si sgonfia non appena s'incontra con Scetticillo, mio arguto inquilino con il nome in capo. Scetticillo mi ha convinto che argomentare di pedate è inutile come cercar di governare l'Italia secondo Benitone da Predappio. Scrivo di calcio da oltre mezzo secolo. Molti che scrivono usano tranquillamente i modi miei ma non se ne accorgono affatto; vedono il calcio con occhi miei ma si guardano bene dall'essermi riconoscenti. O se lo sono... non me lo danno a vedere.“

Luigi Einaudi foto
Luigi Einaudi 29
2º Presidente della Repubblica Italiana 1874 – 1961
„Gli inquilini uscenti negoziano la casa di cui sono in possesso e se ne vanno via quando dall'inquilino nuovo, all'insaputa del proprietario, abbiano potuto ottenere una mancia sufficiente. Tutto questo mercato clandestino che si è andato formando ha fatto che le case per gli inquilini nuovi salgono i prezzi sempre più inaccessibili. (pp. 45-46)“


Muriel Barbery foto
Muriel Barbery 108
scrittrice francese 1969
„La funzione del gatto è di essere un totem moderno, una specie di incarnazione emblematica e protettrice del focolare, un riflesso benevolo di quello che sono gli inquilini della casa.“

Rino Gaetano foto
Rino Gaetano 207
cantautore italiano 1950 – 1981
„Antonio aveva già bevuto e faceva un ruttino quando passò un inquilino (quando uno è poeta la rima spontanea gli viene). Antonio corse appresso all'inquilino e gli recò un prezioso messaggio, questi mancì (diede la mancia) di ben duecento lire. Aprendo il messaggio scoprì che aveva diritto a comprare una scatola di detergente con lo sconto di cinquanta lire e felice corse a dare la buona notizia alla moglie. (da Via Cimone. Amori e glorie di una via a senso unico, p. 133)“

Teo Mammucari foto
Teo Mammucari 5
conduttore televisivo e attore italiano 1964
„Quando tornavo dai villaggi turistici dove guadagnavo pochissimo aiutavo le signore a scaricare la macchina e poi mettevo la spesa nell'ascensore e mio cugino lo chiamava dall'alto. Quando l'ascensore tornava giù la spesa era scomparsa. Mangiavamo per giorni. Gli inquilini del condominio erano tanti.“

Anna Banti foto
Anna Banti 10
scrittrice e traduttrice italiana 1895 – 1985
„Un mezzanino compresso come la groppa di un burocrate servile, un imperioso piano nobile, tronfio di architettoniche ostentazioni, il terzo piano per il rentier borghese che ama il decoro e il risparmio; in cima le mansarde, concesse con sopportazione ai decaduti, agli studenti, agli artisti, gente tenuta d'occhio e congedata alla prima scadenza d'affitto non corrisposta. Io abito al terzo piano, ma nel concetto del guardaportone in giamberga non debbo ispirare maggior fiducia degli inquilini delle soffitte. Siamo "napoletani", noi, soggetti da guardarsene, da sorvegliare, qualcosa di mezzo fra il brigante e l'imbroglione. (2010, p. 15)“

Dino Risi foto
Dino Risi 77
regista italiano 1916 – 2008
„Mi sento come un inquilino abusivo. Sono rimasto senza amici. Erano tutti più giovani di me e se ne sono andati prima di me, Gassman, Fellini, Zapponi, Lapegna, Tognazzi, Mastroianni, Sordi, Manfredi. Non so più con chi parlare. Il linguaggio dei giovani è insopportabile. I miei nipoti vanno avanti a "puntocom" e "vuvuvu". Io non ho nemmeno il coso, come si chiama, il fax. Imbuco sempre le lettere nella cassetta.“

Michele Valori 26
urbanista e architetto italiano
„Alle ore 2 e mezzo appuntamento con Ludwig Mies van der Rohe. Abita al numero 230 della Ohio Street. Una brutta casa ottecentesca di mattoni color vino e pietra bianca. Leggo con una certa commozione e tenerezza il suo nome sulla lista degli inquilini, insieme a tanti altri. È un uomo alto, un po' grasso, zoppica da una gamba, ha gli occhi leggermente strabici. Parla lentamente, arrotando le parole, si sente il tedesco dietro il suo inglese. Ha un'aria stanca, un po' impaurita, ma serena e distaccata. Mi colpisce il suo abbigliamento povero, porta un vestito blu scuro a doppio petto, lustro, una camicia bianca con un colletto informe, scarpe gialle dalla grossa suola e calzini di lana grigi pesante, nonostante il caldo soffocante. Nel taschino il fazzoletto bianco e matite gialle. Parlando si passa ogni tanto la mano destra sui radi capelli, e durante la nostra visita fumerà un sigaro. Non ricordo bene che domande abbiamo fatto e cosa ci ha risposto. Ricordo solo che ha detto ad un certo punto. "Mi piace l'acciaio": L'ha detto con una semplicità ed una naturalezza straordinaria. "I like the steel". E quegli "L" erano così liquidi da fare pensare subito alle pareti trasparenti dei suoi edifici.“


Stefano Borgonovo 2
allenatore di calcio ed ex calciatore italiano 1964 – 2013
„[... ] la SLA [... ] il mio inquilino ingiusto e maleducato (abita dentro di me ma l'affitto glielo pago io).“

Marc Levy foto
Marc Levy 38
scrittore francese 1961
„Nessuno possiede la felicità, talvolta si ha la fortuna di averla in affitto e di essere l’inquilino. (libro Se solo fosse vero)“

 Quino foto
Quino 48
fumettista 1932
„Mafalda': Tu non senti a volte come se avessi dentro un inquilino che ti dice delle cose?'Mamma': Certo. Ma non è un inquilino, è la voce della coscienza che parla a tutti come parla a te.'Mafalda': Come a me? Figurati!... Credi che la coscienza di un generale oserebbe dargli del tu? (p. 9)“

Vittorio Giovanni Rossi foto
Vittorio Giovanni Rossi 22
giornalista e scrittore italiano 1898 – 1978
„I gatti sono gli inquilini del sole: dove c'è il sole, c'è un gatto.“


Virginia Raffaele foto
Virginia Raffaele 14
attrice, comica e imitatrice italiana 1980
„Franca e Agnese Pallotta, ricordatevi: voi rimarrete sempre due inquiline insulse in una casa terrificante, mentre a vivere nell'attico della vita c'è Roberta Bruzzone, che sta in televisione. (da Quelli che il calcio e..., Rai2 )“

Victor Hugo foto
Victor Hugo 200
scrittore francese 1802 – 1885
„Dalla conchiglia si può capire il mollusco, dalla casa l'inquilino.“

José Ortega Y Gasset foto
José Ortega Y Gasset 63
filosofo e saggista spagnolo 1883 – 1955
„Le città sono piene di gente. Le case piene di inquilini. Gli alberghi pieni di ospiti. I treni pieni di viaggiatori. I caffè pieni di consumatori. Le strade piene di passanti. Le anticamere dei medici piene di ammalati. Gli spettacoli pieni di spettatori [... ] La moltitudine, improvvisamente, s'è fatta visibile [... ] Prima, se esisteva, passava inavvertita, occupava il fondo dello scenario sociale; adesso c'è avanzata nelle prime linee, è essa stessa il personaggio principale. Ormai non ci sono più protagonisti: c'è soltanto un coro.“