Frasi su manina

Manina chiusa, che nel sonno grande | stringi qualcosa, dimmi cosa ci hai! | Cosa ci ha? cosa ci ha? Vane domande: | quello che stringe, niuno saprà mai. (Morto, da Creature)

Giovanni Pascoli foto
Giovanni Pascoli 100
poeta italiano 1855 – 1912

In quel momento, alcune acqueforti appese alle pareti, e che non avevo notato nella prima visita [nella stanza di Nemo] mi colpirono. Erano ritratti di quei grandi uomini della storia la cui esistenza non è stata dedicata che a una grande idea umana. Kosciusko, l'eroe caduto al grido Finis Poloninniae; Botzaris, il Leonida della Grecia moderna; O' Connell, il difensore dell'Irlanda; Manin, il patriota italiano; Lincoln, caduto sotto la palla di uno schiavista, e infine quel martire della liberazione della razza negra, John Brown, appeso al patibolo, come l'ha terribilmente disegnato la penna di Victor Hugo.

Jules Verne foto
Jules Verne 39
scrittore francese 1828 – 1905

[Su Boris Becker] Nato per errore fuori dalla Gran Bretagna, non fu meno volleatore di Edberg. Più precoce, vinse Wimbledon a diciassette anni, e raggiunse per sette volte la finale. Soprannominato Bum Bum da cronisti incompetenti, ebbe, oltre al vigore, manina fatata.

Gianni Clerici foto
Gianni Clerici 54
giornalista italiano 1930

Per un'attrice Lars è il migliore dei registi, quello che offre le parti più interessanti. Mi sono affidata a lui con aperta vulnerabilità. (citato in Giuseppina Manin, Delirio di Lars von Trier: «Hitler? Lo capisco», Corriere della sera, 19 maggio 2011)

Kirsten Dunst foto
Kirsten Dunst 21
attrice statunitense 1982

Quando il Dio-Bambino, che nelle sue Manine teneva il Mondo intero, le protese compassionevole alla Madre, terra e cielo si fermarono in somma venerazione. Quando colui che era venuto a scaldare con il suo amore tutte le creature assiderate dal freddo della morte si scaldava al fiato del bue e dell'asino legati nella stalla, anche gli alberi vegliavano.

Pavel Aleksandrovič Florenskij foto
Pavel Aleksandrovič Florenskij 31
filosofo, matematico e religioso russo 1882 – 1937

Le primedonne erano altre: le Proclemer, le Brignone, le Morelli... La mia generazione ha avuto un'altra sorte. Oggi sono lieta di stare qui, in una compagnia stimolante, in un teatro finalmente diretto da una donna. Mimma Gallina è anche un'amica: insieme si va a fare spese. Con Strehler non sarebbe mai successo. Insomma, non sono diventata una star ma ho avuto le cose giuste al momento giusto: sono cresciuta con grandi personaggi, ho fatto splendidi incontri. (dall'intervista di Manin Giuseppina, La mia Medea è la riscossa per il teatro delle donne, Corriere della sera, p. 35, 13 ottobre 1994)

Ottavia Piccolo foto
Ottavia Piccolo 3
attrice italiana 1949

Il bel movimento del 1848 scoppiò; e se molti uomini, come il Guerrazzi, commisero la colpa imperdonabile di non credere all'opportunità dell'unione delle provincie italiane; molti però, come Garibaldi e Manin, fecero conoscere all'Europa meravigliata, che l'Italia non mancava totalmente di soldati e di magistrati, che tutto tentavano, onde far prendere una forma materiale a quell'idea di unità che principiava ad animare il pensiero delle masse. (p. 13)

Virgilio Estival 15
patriota e scrittore francese 1835 – 1870

Il mio sogno sarebbe un harem con 15 fidanzati e nessun marito. (citato in Giuseppina Manin, "Col partito delle bacchettone non ci sto", Corriere della sera, 9 settembre 1994, p. 35)

Sabrina Ferilli foto
Sabrina Ferilli 10
attrice italiana 1964

[Su Andy Murray] Nato, per cominciare, in una Scozia vivamente regionalista, capace lui stesso di rivendicarne la diversità, è stato spesso considerato nei giorni neri "Scozzese", in quelli felici "Inglese". Figlio di mamma ciecamente determinata alla sua affermazione (insomma, un mammo), ha trascorso gli anni formativi in Spagna, uscendone con uno stile certo più simile ad un arrotino che ad un giardiniere. Nato con un manina benedetta, non manca certo di lucidità tattica, di qualità che lo portarono, lo scorso anno, ad una finale dello US Open in cui l' accumulo di stanchezza non gli consentì di competere con Federer.

Gianni Clerici foto
Gianni Clerici 54
giornalista italiano 1930

Se l'Autria trionfò dopo i fatti di Carlo Alberto, anche il popolo italiano trionfò di sé stesso, facendo scuola dei suoi errori, e comprendendo che la terribile divisione che per tanti secoli aveva fatto la sventura d'Italia deveva sparire per sempre dal pensiero di tutti. Da quel giorno, i terribili risultati di questa divisione fecero comprendere a tutti gli uomini politici che i loro sforzi non dovevano rimanere isolati, e dimenticando le rivalità che nascono sempre dalla differenza del pensare; essi si accostarono tutti col pensiero e coll'occulto operare alla bandiera del Piemonte, intorno alla quale, lo stesso Manin avea raccomandato di radunarsi. (p. 14)

Virgilio Estival 15
patriota e scrittore francese 1835 – 1870

Tanto per cominciare deve costare poco ne siamo fatte un'altra l'anno venture come si chiamò... Pallida... la mia signora? Vi presenta la mia signora pallida... La manina, come cazz' si chiamava... – Centoventimilioni centosessanta se non vi vado errando quell'era provvisoria come il titolo quella era un altro per l'arreda è fatte sempre cose di litterature sono comunguo... Porca... non me ricorde che fa così poooortoooil mantearrighe e fa l'avvocato che poi al secondo tempo pure lui fa il notaio che poi lei muore... perché era malata ahhaaa era pallide aaaahaaa; pallida, pallide! pallide!!! [... ] (pag. 231)

Carmelo Bene foto
Carmelo Bene 203
attore, drammaturgo e regista italiano 1937 – 2002

[Fabio Fazio] Anche lui è rosso, un ciliegione che non ha eguali neppure nella vermiglia Rai Tre. Però ama interpretare il ruolo opposto. Quello dell'abatino innocente senza parrocchia, amico di tutti e nemico di nessuno. In realtà, nella Rai odierna frantumata in sultanati, non c'è nessuno più fazioso di lui. Ha la manina avvolta nel velluto grigio, ma dentro vi nasconde lo stiletto avvelenato. È con questa lama che Fazio pratica una censura inflessibile. [... ] Fazio aveva invitato Pietro Ingrao [... ]. In preda a vuoto di memoria, il vecchio capo comunista sostenne che il Pci aveva preso aspre distanze dall'invasione sovietica dell'Ungheria, nel 1956. Un falso totale, come ci insegna la storia. Ma Fazio, e il pubblico invitato, si guardarono bene dall'obiettare. Nemmeno un mormorio, un colpo di tosse, un'occhiata di sbieco. Come mai? Edmondo Berselli, un intellettuale libero scomparso da poco, lo spiegò così sull'Espresso: «Perché in quel momento si stava celebrando l'apoteosi senescente, ma non senile, di un comunismo impossibile, l'utopia, il grande sogno, l'assalto al cielo. E quindi tanto peggio per i fatti, se i fatti interrompono le emozioni». A Fazio la verità dei fatti non interessa. Soprattutto quando traccia un quadro della storia e della realtà italiana che fa a pugni con il suo ristretto orizzonte politico. (da Saviano non fidarti di Fazio, 30 ottobre 2010)

Giampaolo Pansa foto
Giampaolo Pansa 38
giornalista, saggista e scrittore italiano 1935

Uno di questi intelletti, ch'era la gioia sua, la sua delizia, si è il Conte Francesco Algarotti Viniziano, giovine col quale come la fortuna fu abbondevole di grandi averi, così fu d'ingegno la natura, che tanto gliene diè quanto era in suo potere, ed è da tutti amato, e stimato, e della sua dottrina, e vena poetica ha dato al mondo chiarissime prove. (da Vita del Manfredi; citato in Domenico Michelessi, Memorie del Conte Francesco Algarotti, in Francesco Algarotti, Opere Vol. I, p. VI, Lorenzo Manini, Cremona 1778)

Giampietro Zanotti foto
Giampietro Zanotti 3
pittore, storico dell'arte e poeta italiano 1674 – 1765

Uomo adorabile, elegante nei modi e nell'animo. Un artista di grande intelligenza, oltre che un autore di farse e commedie tuttora di grande freschezza. (citato in Giuseppina Manin, Duemila, i fratelli De Filippo ancora faccia a faccia, Corriere della sera, 25 gennaio 2000)

Aroldo Tieri foto
Aroldo Tieri 5
attore italiano 1917 – 2006

E chi è questo pupo in vestina? | Ma è Adolfino, il figlio dei signori Hitler! | Diventerà forse un dottore in legge | o un tenore dell'opera di Vienna? | Di chi è questa manina, di chi, e gli occhietti, il nasino? | Di chi il pancino pieno di latte, ancora non si sa: | d'un tipografo, d'un mercante, d'un prete? | Dove andranno queste buffe gambette, dove? | Al giardinetto, a scuola, in ufficio, alle nozze | magari con la figlia del sindaco? (da La prima fotografia di Hitler; 1998)

Wisława Szymborska foto
Wisława Szymborska 39
poetessa e saggista polacca 1923 – 2012

[... ] il male lo afferrò proprio nel cuore | come succede con il primo amore | e lei allora lo prese tra le braccia | con le manine gli accarezzò la faccia | così per sempre si addormentò per riposare | come un bambino stanco di giocare. (citato in Gino Paoli, Festa con Polemica di Elisabetta Malvagna, ansa. it)

Gino Paoli foto
Gino Paoli 29
cantautore e musicista italiano 1934

Mostrando 1-16 frasi un totale di 17 frasi