Frasi su masso

Friedrich Hölderlin foto
Friedrich Hölderlin 67
poeta tedesco 1770 – 1843
„Voi errate in alto, nella luce | su molle suolo, geni beati! | Splendenti aure divine | vi sfioran lievi, | come le dita dell'artista | sfioran le sacre corde | Sciolte dal fato, come il dormiente | poppante respirano i celesti; | pudico avvolto | in boccio timido | fiorisce eterno | a lor lo spirito | e gli occhi beati | guardano in calma chiarezza eterna. | Ma a noi è dato | in nessun luogo posare; | scompaion, cadono | soffrendo gli uomini | ciecamente | di ora in ora, | com'acqua da masso | a masso lanciata | senza mai fine, giù nell'ignoto. (p. 181-182)“

Ugo Ojetti 59
scrittore, critico d'arte e giornalista italiano 1871 – 1946
„Sul masso di granito che chiuse la salma in nero: «Garibaldi». Ecco, mi torna all memoria che in quella stampa di quando ero bambino si vedeva presso la sua casa lui stesso in piedi, di faccia, appoggiato alle sue grucce.“


Sandro Veronesi foto
Sandro Veronesi 26
scrittore italiano 1959
„Un bimbo che cerca di sollevare un masso davanti alla madre; ci prova e ci riprova, accanitamente, con tutte le sue forze ma non ci riesce; allora dice alla madre: "Non ce la faccio mamma" e la madre gli dice: "Usa tutte le forze che hai a disposizione, e vedrai che ci riuscirai". Il bambino le dice che l'ha già fatto, ce le ha già messe tutte, le sue forze, e la madre gli risponde: "No tesoro, non le hai ancora usate tutte. Non mi hai ancora chiesto di aiutarti".“

Khaled Hosseini foto
Khaled Hosseini 62
scrittore e medico statunitense 1965
„Se un giorno, attraversando una distesa immensa, fosse stato preso dalla disperazione, si sarebbe fermato, avrebbe chiuso gli occhi e avrebbe pensato alla piuma di falco che Pari aveva trovato nel deserto. Avrebbe immaginato il momento in cui la piuma si era staccata dall'uccello, in alto tra le nubi, mezzo miglio al di sopra della terra, piroettando e volteggiando, trascinata da violenti correnti, scagliata per miglia e miglia di deserto e di montagne da furiose folate di vento per attrarre infine, a dispetto di tutto, in quell'unico posto, ai piedi di quel masso, perché sua sorella la raccogliesse. Allora si sarebbe meravigliato che cose simili potessero accadere e questo gli avrebbe dato speranza. E, pur non facendosi illusioni si sarebbe rincuorato, avrebbe aperto gli occhi e avrebbe ripreso il suo cammino.“

Teresa Sensi 6
scrittrice e giornalista italiana 1900 – 1993
„Quando fu sola, il pensiero di Lucio s'impossessò ancora di lei. Nascose la testa tra le braccia abbandonate sulla tavola. Udiva giungere boati di piroscafi che lasciavano il porto, passi e voci che si smorzavano nella calle. Anche dalla sua immobilità, ogni cosa pareva partirsi, perdersi in lontananze oscure, E si sentiva annullata, sola, con tutto l'amore che anelava dentro.
«Non dovevo restare. Perché sono restata?»
E le pareva che più niente rispondesse a quella interrogazione, e che tutti seguissero una loro strada, un loro destino.
«Neppure Stefano avrà bisogno di me, se comincia a tradire se stesso. Vuol salire, arrivare. È giusto: ma il punto d'arrivo è diverso, e sarà per lui un inganno.»
Il pensiero di Lucio tornò ad avere il sopravvento. Si concretò nel nome di quella via sconosciuta: «Gergenstrasse, Georgenstrasse...». Anch'esso le suggeriva giri di ruote, rumore di veicoli in corsa. E lei rimaneva ferma, immobile, come il masso levigato contro cui si frangono e passano oltre le acque di un torrente.“

Antonia Pozzi foto
Antonia Pozzi 16
poetessa italiana 1912 – 1938
„Vedi la falda erbosa da cui balza | questo zampillo estatico di rupi | somiglia a un camposanto sconfinato, | con le sue pietre bianche. | Io mi vorrei tuffare a capofitto | nella fluidità vertiginosa; | vorrei piombare sopra un duro masso | e sradicarlo e stritolarlo, io, | con le mie mani scarne. (Vertigine)“

Aleardo Aleardi foto
Aleardo Aleardi 14
poeta e politico italiano 1812 – 1878
„Nata all’opaco | Seno d’un masso che le ruba i soli, | Le rame allunga sottilmente e piega | La tremula alberella. Urto di brezza, | Che assidua spiri, non la spinge a quelle | Curve insolite a lei; ma sì la tira | Un istinto di sole, un indefesso | Desiderio di luce. (da L'immortalità dell'anima)“

Terry Pratchett foto
Terry Pratchett 204
scrittore e glottoteta britannico 1948 – 2015
„Le briglie sarebbero state utili quanto un timone su un masso.“


Johnny Hart 8
fumettista statunitense 1931 – 2007
„[Thor sta scolpendo in un masso l'effigie di Peter, quando B. C. si complimenta con l'artista. ]
B. C. : La somiglianza con Peter è straordinaria. Si può sapere come fai?.
Thor : Semplice! Prendi un masso qualsiasi, poi, con lo scalpello, togli via tutto quello che non assomiglia a Peter.
(da L'antichissimo mondo di B. C. delle edizioni Mondadori, registrato nel 1968)
[Nota: c'é un nesso con la poetica di Michelangelo Buonarroti, il quale sostiene che il compito dello scultore sia di liberare dalla pietra le figure che vi sono intrappolate. ]“

Eugenio Finardi foto
Eugenio Finardi 14
cantautore italiano 1952
„Ma io mi sento come Vil Coyote | che cade ma non molla mai | che fa progetti strampalati e troppo complicati | e quel Bip Bip lui non lo prenderà mai. | Ma siamo tutti come Vil Coyote | Che ci ficchiamo sempre nei guai | Ci può cadere il mondo addosso, finire sotto un masso | Ma noi non ci arrenderemo mai. (da Vil Coyote, n.° 7)“

Evelina Cattermole foto
Evelina Cattermole 3
scrittrice e poetessa italiana 1849 – 1896
„La riviera, palpitante di lumi, si incurvava davanti a loro lontano, fino a Resina. Il grande occhio di fuoco del Vesuvio lampeggiava e si spegneva, a intervalli eguali, sull'orizzonte. Più in qua, il faro brillava di una luce più languida, ora bianca, ora verde, sempre diversa. E tra la riva e il Castel dell'Ovo, che torreggiava a poche braccia di distanza come un gran masso ciclopico, le onde si querelavano mugghiando cupe e venivano irose a urtare sulla spiaggia sassosa, levando alti sprazzi che talvolta, ricadendo sui marciapiede, giungevano fino ai due amanti. Leona dava un piccolo grido e si ritraeva.“

Camillo Boito foto
Camillo Boito 29
architetto e scrittore italiano 1836 – 1914
„[Da una lettera al fratello il 16 dicembre 1861] Se tu chiedessi che cosa è questo pesantissimo masso ch'io mi sento legato a' piedi, ond'io batto le ali e mi dimeno senza poter volare, non ti saprei chiaramente rispondere: forse nella mente mi difetta la fantasia, forse nel cuore mi manca la volontà prepotente, ardita, disprezzatrice e vincitrice di ogni ostacolo, dalla quale possono uscire le opere grandi e durature. (p. XXVIII)“


Elio Augusto Di Carlo foto
Elio Augusto Di Carlo 4
medico, ornitologo, storico e naturalista italiano 1918 – 1998
„Dall'uomo qui cecidit ex arbore cerasae o perito sotto la caduta di un masso nel fosso di S. Martino; dal pastore di Retrosi in transumanza verso l'Agro romano, ucciso da un colpo di archibugio nelle gole del Velino presso Antrodoco, al prete di ritorno dalla Cona a Capricchia, assalito dai briganti ai piedi del Castellone; dalla vedova inconsolabile quae decipit post mortem viri sui, alla nubile quae peperit a quodam deflorata. Poi le procelle, gli uragani e i colpiti dal fulmine, le carestie con uomini e bambini morti ob ingentem famem, i terremoti ricordati con un triste tempore magni terremoti (1703). (da Alle pendici della Laga)“

François Lenormant foto
François Lenormant 13
assiriologo e numismatico francese 1837 – 1883
„In nessuna parte si vide uno sconvolgimento maggiore di quello di Terranova; in nessuna parte avvenne una distruzione più completa, accompagnata da circostante più singolari. […] Questa città era edificata al disopra di tre profonde gole, alla estremità di una pianura dominata da una montagna. Nella prima scossa del 5 febbraio, una parte del suolo della città scivolò sul pendìo di una di queste gole e trascinò le case che vi eran su; gli avanzi di pietre e di travi confusi al terreno dislocatosi, ingombrarono la valle. Su di un altro punto della città il terreno venne diviso per tutta la sua altezza da una fenditura perpendicolare; una delle due metà si distaccò e cadde come un sol masso nella gola che le si aprì al disotto; onde le case furono così precipitate perpendicolarmente in una voragine di cento metri di profondità, che le loro macerie colmarono in parte. Su duemila abitanti che contava Terranova, millequattrocento furono schiacciati o seppelliti sotto le rovine. […] Terranova fu letteralmente capovolta: nelle tre valli in parte colmate dal rovesciamento del suolo e dagli avanzi dei materiali cadutivi sopra, ciò che si trovava in alto sprofondò, e ciò che era in basso, invece, sembrò innalzarsi pel crollo delle colline circostanti. (pp. 246-247)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 137 frasi