Frasi su montaggio

 Pif foto
Pif 25
conduttore televisivo e scrittore italiano 1972
„Questo programma equivale per me al sabato sera di Raiuno. Curo tutto, anche il montaggio. Privilegio l'immediatezza più che la qualità dell'immagine. "Il testimone" fatto con una troupe sarebbe diverso. Cogli cose che altrimenti non succederebbero proprio. Metto rec e registro.“

Ferruccio Masini 50
germanista, critico letterario e traduttore italiano 1928 – 1988
„[... ] Cornell, grande artista. Il gusto raffinato dell'archeologia fantastica, del reliquiario metafisico. Ogni oggetto è incastonato in altri oggetti: avvolto nel reticolo esiguo e impalpabile di un orafo dell'immaginario, trasferito dallo scrigno della memoria a quello di una visione così preclusa e sottile da sembrare ironicamente esoterica. Ecco così le palline, le pipe di gesso dalla lunga imboccatura esile, le cassettine minuscole, i collages dipinti con velature artificiali, rifrazioni di specchi, vibrazioni azzurrine. Come in un'icona sono conservate più che le immagini consunte dell'arte, i loro pallidi riflessi, le loro fantasmagorie imprigionate in una goccia d'ambra, in un cubetto di porfido, nella preziosa enigmaticità di un idolo. L'invenzione delle associazioni e del montaggio obbedisce al rigore di una geometria metafisica. In un'età in cui l'arte è morta, essa viene sfidata a nascere nel modo in cui sono contemplati i suoi frammenti, le sue scaglie iridescenti, nel modo in cui sono filtrate e decantate le sue nascoste tavole pitagoriche. Cornell raccoglie, da grande, insuperato maestro, la cenere dell'aura. (p. 43)“


Daniele Barbieri foto
Daniele Barbieri 12
semiologo, saggista e poeta italiano 1957
„Credo che un giovane autore che volesse scrivere o disegnare fumetti di supereroi dovrebbe usare Rat-Man come testo di studio, come una specie di trattato dei luoghi comuni che fanno riconoscere il genere, non solo quelli tematici ma anche per il montaggio e il ritmo delle scene.“

Joseph Cornell 2
artista statunitense 1903 – 1972
„Cornell, grande artista. Il gusto raffinato dell'archeologia fantastica, del reliquiario metafisico. Ogni oggetto è incastonato in altri oggetti: avvolto nel reticolo esiguo e impalpabile di un orafo dell'immaginario, trasferito dallo scrigno della memoria a quello di una visione così preclusa e sottile da sembrare ironicamente esoterica. Ecco così le palline, le pipe di gesso dalla lunga imboccatura esile, le cassettine minuscole, i collages dipinti con velature artificiali, rifrazioni di specchi, vibrazioni azzurrine. Come in un'icona sono conservate più che le immagini consunte dell'arte, i loro pallidi riflessi, le loro fantasmagorie imprigionate in una goccia d'ambra, in un cubetto di porfido, nella preziosa enigmaticità di un idolo. L'invenzione delle associazioni e del montaggio obbedisce al rigore di una geometria metafisica. In un'età in cui l'arte è morta, essa viene sfidata a nascere nel modo in cui sono contemplati i suoi frammenti, le sue scaglie iridescenti, nel modo in cui sono filtrate e decantate le sue nascoste tavole pitagoriche. Cornell raccoglie, da grande, insuperato maestro, la cenere dell'aura. (Ferruccio Masini)“

Sergio Marchionne foto
Sergio Marchionne 8
dirigente d'azienda italiano 1952
„[... ] il costo del lavoro rappresenta il 7-8 per cento e dunque è inutile picchiare su chi sta alla linea di montaggio pensando di risolvere i problemi. Se avessi tagliato metà dei dipendenti, a parità di volumi, non avrei riportato Fiat Auto al pareggio. Quando si perdono 3 milioni di euro al giorno, come succedeva fino a due anni fa, e uno pensa che sia colpa degli operai vuol dire che ha saltato qualche ponte sulla sua strada. Questi sono metodi che forse possono andar bene nel sistema anglosassone, ma che da noi non funzionano.“

Stephanie Zacharek 2
critica cinematografica e giornalista statunitense 1963
„Déjà Vu di Tony Scott, in parte storia d'amore, in parte spazzatura sul tema della curva spaziotemporale, si posiziona tra le pellicole più contenute del regista: ci sono relativamente poche esplosioni, e il folle montaggio a mosaico a cui Scott è generalmente così affezionato è stato ridotto almeno un pochino. Ma quando si tratta di dare un senso alla trama, ecco che una semplice sospensione dell'incredulità – uno strumento pratico e attivabile a comando che permette di sospendere il giudizio e godere di un lavoro immaginario non plausibile – non riesce a fare il trucco.“

Riccardo Freda foto
Riccardo Freda 4
regista e sceneggiatore italiano 1909 – 1999
„Uno o nasce regista o non lo diventerà mai. Oh Dio, sotto un certo aspetto, fare il regista cinematografico è il mestiere più facile del mondo. [... ] Un buon copione, un operatore che sappia collocare la macchina al punto giusto e conosca i raccordi tra un quadro e l'altro, una musica suggestiva e un perfetto montaggio fanno di chiunque un regista, il quale a volte, con un po' di fortuna o con un forte partito politico alle spalle, potrebbe persino ricevere un premio dello Stato per l'opera prima, soprattutto se il suo film è una noiosa disamina della miseria e della degradazione morale di qualche dimenticata regione italiana. Con un pizzico di antifascismo, poi, ci scapperà anche qualche grolla d'oro.“

Bruce Springsteen foto
Bruce Springsteen 143
musicista e cantautore statunitense 1949
„Per tutto il giorno hai lavorato alla catena di montaggio, ora stanotte te la spasserai per un po“


Graham Greene foto
Graham Greene 34
scrittore, drammaturgo e sceneggiatore inglese 1904 – 1991
„Vivere all'Avana era come vivere in una fabbrica che producesse bellezza umana su una catena di montaggio. (p. 153)“

Karel Reisz foto
Karel Reisz 5
regista cecoslovacco 1926 – 2002
„L'arte del montaggio sta nel conservare la sua innocenza. Il regista conosce talmente il suo materiale che gli occorre un modo per restare aperto, disponibile davanti al suo film. C'è molta ebbrezza nel montaggio. Perché il film cresce, balza in avanti molto più che nelle tappe assai laboriose della stesura della sceneggiatura, della preparazione del film e delle stesse riprese. In moviola si ritrova la libertà. (p. 4)“

„Con la combinazione di due rappresentabili diviene così la notazione di qualcosa che graficamente è irrapresentabile... Ma questo è il montaggio! (citato in Paolo Bertetto, Introduzione alla storia del cinema, UTET, 2002)“

Liv Ullmann foto
Liv Ullmann 2
attrice, regista e sceneggiatrice norvegese 1938
„L'unico modo in cui è possibile collaborare con Ingmar Bergman è tenerlo a distanza, fino a montaggio ultimato. (citata in Dizionario degli attori: Gli attori del nostro tempo)“


Wim Wenders foto
Wim Wenders 16
regista tedesco 1945
„In un film, che classicamente si divide in tre tappe, scrittura, riprese, montaggio, preferisco quello che c'è prima della scrittura, quello stato in cui si cerca l'inizio di un film, in cui si viaggia per trovare un paesaggio nel quale si sa che si potrà fare il film... Ancora non c'è niente, ci sono solo elementi frammentari, piccole storie che si sono viste, o un paesaggio di cui ci si ricorda, o un attore con il quale si ha voglia di lavorare. E poi tutto il resto, quello che viene dopo, soprattutto la scrittura, mi fa veramente paura e non mi piace affatto. Non mi piacciono neanche le riprese, sono troppo angoscianti. Al contrario, il montaggio è magnifico. Ma fra il montaggio finale e questa libertà del punto di partenza in cui ancora non c'è niente, io non sono a mio agio. (pp. 35-36)“

Mario Tozzi foto
Mario Tozzi 18
geologo, divulgatore scientifico e giornalista italiano 1959
„Già nel 1830, in Ohio, le pressanti richieste di un capitale sempre più aggressivo avevano portato al brevetto della disassembly line, la catena di smontaggio: il maiale veniva appeso per uno stinco ancora vivo e poi sventrato in 120 secondi da 126 macellai che lavoravano in mezzo metro di sangue e liquami, spesso ferendosi con i coltelli e con le orecchie assordate dal «grugnito dell'universo». Le Stock Yards di Chicago trattavano 20 milioni di animali all'anno. Henry Ford avrebbe preso esempio da lì per inventare la sua assembly line, la catena di montaggio, che avrebbe dato un impulso fondamentale alla ricerca del profitto. (p. 99)“

Carmelo Bene foto
Carmelo Bene 200
attore, drammaturgo e regista italiano 1937 – 2002
„La mia frequentazione cinematografica è ossessionata dalla necessità continua di frantumare, maltrattare il visivo, fino talvolta a bruciare e calpestare la pellicola. M'è riuscito filmare una musicalità delle immagini che non si vedono, per di più seviziate da un montaggio frenetico“

Silvio Muccino foto
Silvio Muccino 1
attore cinematografico, regista e sceneggiatore italiano 1982
„Travolgente, perfetto in tutte le sue componenti: regia, recitazione, ambienti, costumi. Un montaggio magistrale.“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 158 frasi