Frasi su movenza


Charlie Chaplin foto
Charlie Chaplin 108
attore, regista, sceneggiatore, compositore e produttore... 1889 – 1977
„[Sulla cosa più bella che avesse visto] Le movenze di Helen Wills mentre gioca a tennis.“

Yukio Mishima foto
Yukio Mishima 100
scrittore, drammaturgo e saggista giapponese 1925 – 1970
„Il mondo di certo finirà in rovina, però prima che ciò avvenga per alcuni attimi si materializzeranno splendide movenze che in un altrettanto breve intervallo scompariranno" pensò. (p. 1252)“


Antonio Rezza foto
Antonio Rezza 56
attore, regista e scrittore italiano 1965
„Cala il silenzio, ci limitiamo a riflettere su come può un corpo svilire quando la mente è altrove. Tra persone intelligenti basterebbe parlare. E invece spesso ci si spoglia e ci si mette in pose strane che se non fossero legate all'impeto sembrerebbero le movenze di un pazzo. (pag. 124)“

Pietro Selvatico foto
Pietro Selvatico 13
architetto, critico d'arte e storico dell'arte italiano 1803 – 1880
„Chi abbia veduta una sola fra le opere del Politi deve accorgersi come egli non cercasse mai, né fra i dipinti giotteschi, né fra quelli dell'Angelico e del Perugino, i tipi e le movenze che si domandano dai religiosi soggetti.“

Peter Bogdanovich foto
Peter Bogdanovich 64
regista, attore e sceneggiatore statunitense 1939
„[Su Cary Grant] Ed era un fascino che non si può descrivere con le parole: come descrivere la scintilla di gioia malandrina e pericolosa che traluceva da tutto il suo atteggiamento? Le sue movenze da gatto? I suoi occhi umidi d'allegria? (p. 147)“

Mario Soldati foto
Mario Soldati 64
scrittore e regista italiano 1906 – 1999
„L'attore, in tutti i paesi e le epoche, resta sempre un attore anche quando è fuori dalla scena o dal teatro di posa. [... ] Non esistono uomini la cui professione sia più facilmente riconoscibile, a colpo d'occhio, incontrandoli nella vita. E si capisce. La loro professione è di lavorare, di creare con la propria persona: coi propri occhi, col proprio viso, colla propria voce, colle proprie movenze, col proprio corpo. La loro persona è lo strumento del loro mestiere. Inevitabile che questa persona porti il segno del continuo sfruttamento. (p. 70)“

Umberto Eco foto
Umberto Eco 211
semiologo, filosofo e scrittore italiano 1932 – 2016
„Vidi la pecora, che "ovis" è detta "ab oblatione" perché serviva sin dai primi tempi ai riti sacrificali [... ] E le greggi erano sorvegliate dai cani, così chiamati da "canor" a causa del loro latrato. [... ] E coi buoi uscivano in quel momento dalle stalle i vitellini che, femmine e maschi, traggono il loro nome dalla parola "viriditas" o anche da "virgo", perché‚ a quella età, essi sono ancora freschi, giovani e casti, e male avevo fatto e facevo, mi dissi, a vedere nelle loro movenze graziose una immagine della fanciulla non casta. (Quarto giorno, Terza)“

Alfred Edmund Brehm foto
Alfred Edmund Brehm 40
biologo e scrittore tedesco 1829 – 1884
„La favola o la leggenda scelgon sempre forme adatte: un animale di cui vengono spacciate e credute tante meraviglie, deve avere nella sua forma alcun che di particolare. Le iene confermano questo fatto. Somigliano ai cani, eppur ne sono diverse per ogni riguardo; fanno parte della famiglia, eppure si stanno isolate. Il loro aspetto non è per nulla gradevole, anzi è decisamente ributtante. Tutte le iene sono brutte perchè sono soltanto abozzi d'una forma che conosciamo assai più perfezionata. Alcuni naturalisti le considerano come membri in transizione fra il cane ed il gatto. Ma non possiamo adottare questo modo di vedere, poichè le iene hanno per se stesse una forma affatto particolare [... ] Il collo tozzo, rigido in apparenza, la coda folta che non giunge all'articolazione del calcagno, il pelame lungo, ruvido, che si prolunga sulla schiena a mo' di criniera setolosa, il colore finalmente oscuro, notturno del pelo, tutto si riunisce per renderne affatto sgradevole l'impressione totale. Inoltre tutte le iene sono animali notturni, hanno spiacevole voce, discordante, stridula o sghignazzante, sono ingorde, voraci, diffondono intorno un pessimo odore, ed hanno movenze ignobili, come sciancate, e qualche cosa di affatto particolare nel complesso; insomma sarebbe cosa impossibile il dirle belle. (p. 501)“


Ildefonso Falcones foto
Ildefonso Falcones 22
scrittore e avvocato spagnolo 1959
„Una di fianco all’altra, madre e figlia si sorridevano quando i loro sguardi si incrociavano e, accompagnate dalla chitarra e dal canto flamenco, ancheggiavano e giocavano con il proprio corpo, impegnate in movenze sensuali. (libro La regina scalza)“

Areteo di Cappadocia foto
Areteo di Cappadocia 34
medico greco antico
„L'apoplessia, la paraplegia, la parèsi, la paralisi, son tutte dello stesso genere. Imperocchè in tutte si tratta di difetto o di moto, o di tatto, o di entrambe queste facoltà: spesso vi difettano ancora, e la mente e gli altri sensi. Ma nell'apoplessia, e senso, e ment, e movenza di tutto il corpo restano offesi. Niun potere giunge a dissipare una forte apoplessia, e non è facile svellere una debole. (capitolo VII; pp. 31-32)“

Luigi Pintor 64
giornalista, scrittore e politico italiano 1925 – 2003
„Nessuno è più reazionario di un rivoluzionario pentito, di un operaio che diventa padroncino, di chi assapora il privilegio dopo aver patito gli stenti. Cambia tutto di sé, ogni movenza, non solo la cravatta.“

Armando Ceroni 67
giornalista svizzero 1959
„… giocatore dalle movenze speedygonzaleggianti.“


Franca Sozzani foto
Franca Sozzani 5
giornalista e editore italiana 1950
„Ma l'eleganza è innata. L'eleganza è un atteggiamento, non è legata ad un capo di vestiario! Si può imparare ad essere vestiti bene, ma non necessariamente si impara ad essere eleganti. Ci si muove in un certo modo, ci si siede in un certo modo. Le mani, il viso hanno un atteggiamento elegante nelle movenze.“

Umberto Saba foto
Umberto Saba 105
poeta italiano 1883 – 1957
„Tu questo hai della rondine:
le movenze leggere;
questo che a me, che mi sentiva ed era
vecchio, annunciavi un'altra primavera. (da A mia moglie)“