Frasi, citazioni e aforismi su nazismo

Domenico Petrini 2
critico letterario italiano 1902 – 1931
„Tutta questa produzione lirica, uscita dal ritorno umanistico ai classici e dal rinsaldamento della personalità del Rinascimento, andrà guardata non con a fronte l'ideale d'una poesia in cui un sentimento si crei intorno la commossa e pur conclusa risonanza della parola che si fa canto ma come un'espressione a volta a volta agitata ed eloquente di un'umanità che esprime per essa il suo ideale di vita: come oratoria e non come poesia. Un'oratoria il cui continuo pericolo, ma anche spesso evitato, è di finire letteratura: ma che talora, spesso, ha una voce sua.Guardiamo Chiabrera: in lui tutto il gusto dell'età sua: nelle canzoni, mitologia avant toute chose: ma anche Bibbia, come voleva Tasso e come aveva fatto Herrera per Lepanto e come farà Filicaia per Vienna; la vita contemporanea, levata al livello dell'antico ha un'esaltazione eroica in cui l'umano perde ogni original forma di vita e si difà nel mito. (in Binni e Scrivano, p. 601)“

Pietro Anastasi foto
Pietro Anastasi 27
calciatore italiano 1948
„Per tutti ero Pietro 'u turcu perché d'estate diventavo nero come la pece.“


Dario Fo foto
Dario Fo 39
drammaturgo, attore, scrittore, paroliere e scenografo i... 1926
„Il riso è sacro. Quando un bambino fa la prima risata è una festa. Mio padre, prima dell'arrivo del nazismo, aveva capito che buttava male; perché, spiegava, quando un popolo non sa più ridere diventa pericoloso. (da la Repubblica del 20 novembre 2006, p. 42)“

Michel Houellebecq foto
Michel Houellebecq 15
scrittore, saggista e poeta francese 1956
„Giovinezza, bellezza, forza: i criteri dell'amore fisico sono esattamente gli stessi del nazismo. (da La possibilità di un'isola)“

„Ernst Bloch deve al nazismo la sua fama di fiolosofo. Costretto ad emigrare andò in America, dove nella libertà democratica delle università statunitensi poté sviluppare il suo pensiero e «portarlo alle estreme conseguenze.“

Matthieu Baumier foto
Matthieu Baumier 5
scrittore, saggista e romanziere francese 1968
„A pagina 171 del suo saggio, dopo aver liquidato in poche righe striminzite le radici razziste, irrazionali e pagane del nazismo [... ] l'autore del Trattato di ateologia passa all'argomento successivo come se niente fosse. E qual è l'argomento successivo? Le radici cristiane del nazismo. Nientemeno. [... ] Michel Onfray scrive, senza pudore né scrupoli di storico, che Hitler sarebbe stato nientemeno che..."un discepolo di San Giovanni". Altro che teorie razziste dei nazisti. Largo al nazismo cristiano.“

Angela Pellicciari foto
Angela Pellicciari 12
saggista e insegnante italiana 1948
„Dopo le catastrofi di comunismo e nazismo, si è smesso di idolatrare lo stato, l'idolatria è stata trasferita sul singolo ed i suoi desideri.“

Giorgio Antonucci foto
Giorgio Antonucci 18
medico e psicanalista italiano 1933
„[... ] in questo periodo [nazismo] e in questa situazione si sviluppano interpretazioni arbitrarie della biologia che vorrebbero stabilire che alcuni popoli sono superiori e altri inferiori (il razzismo) e che alcuni individui sono superiori e altri inferiori (la psichiatria).“


Joachim von Ribbentrop foto
Joachim von Ribbentrop 2
politico tedesco 1893 – 1946
„In questo anno, 1939, si è raggiunta una svolta epocale: io e il ministro degli esteri dell'URSS Molotov siamo giunti ad un accordo storico tra le due ideologie di Nazismo e Comunismo.   citazione necessaria“

Carlo Ginzburg foto
Carlo Ginzburg 9
storico, scrittore e saggista italiano 1939
„Mauss approvava pienamente la connessione suggerita da Halévi tra bolscevismo da un lato e fascismo e nazismo dall'altro, segnalando l'importanza, in questo contesto, degli scritti di Sorel, a cui si erano richiamati Lenin, Mussolini e indirettamente (rifacendosi a Mussolini) anche Hitler. (p. 228)“

Gianni Baget Bozzo foto
Gianni Baget Bozzo 15
sacerdote, politico e giornalista italiano 1925 – 2009
„L'occidente, il concetto nato nella lotta contro il nazismo e il comunismo... è la versione laica e liberale della Cristianità soprattutto grazie agli Stati Uniti... opponendosi agli Stati Uniti a tutti i livelli la Chiesa lotta contro la Cristianità di cui l'occidente è il frutto (p. 144 ).“

Dwight David Eisenhower foto
Dwight David Eisenhower 14
34º presidente degli Stati Uniti d'America 1890 – 1969
„Konrad Adenauer [... ] è stato una delle poche figure politiche del suo Paese che ebbe il coraggio di opporsi a Adolf Hitler. Anche dopo che il nazismo ebbe conquistato il potere, egli continuò a propugnare fermamente e apertamente i principi della democrazia, il che lo portò a passare un periodo di tempo in carcere.“


Aldous Huxley foto
Aldous Huxley 141
scrittore britannico 1894 – 1963
„1984, di George Orwell era un'ottima proiezione nel futuro di un presente che conteneva lo stalinismo, e di un passato prossimo che aveva visto il fiorire del nazismo. Il nuovo mondo fu scritto prima che Hitler salisse al potere in Germania, e quando il tiranno russo non si era ancora avviato sulla sua strada. (p. 238)“

Franco Cardini 15
storico e saggista italiano 1940
„Come si fa a parlare del sistema nato dal sistema illuministico come il migliore dei mondi possibili, quando sappiamo tutti che anche il comunismo e il nazismo sono figli dei Lumi? Si può anche dire che sono figli degeneri, va bene: ma quando si ha una casistica storica che ci mostra come non esistano sistemi ottimali, con quale ottica si continua a percorre questa strada? (citato in L'illuminismo dei cattolici, Avvenire, 6 settembre 2011)“

Simone Weil foto
Simone Weil 204
1909 – 1943
„Stante la circolazione internazionale del capitale, non si comprendono gli antagonismi tra le nazioni e meno che mai l'opposizione tra nazismo e comunismo: non esistono due nazioni strutturalmente così somiglianti tra loro come la Germania e la Russia, che pure si minacciano reciprocamente.“

„Chi ha assistito alle celebrazioni del cinquantennale della fine dell'ultima guerra ha potuto avvertire i residui di questa bellicosità che, in maniera forse meno pomposa, fa ancora da cemento all'identità. Quello che si celebra non è la sconfitta del fascismo e del nazismo, ma la vittoria della Gran Bretagna in Europa: persino i barboni, nel chiedere l'elemosina, sventolavano la triste "Union Jack. (p. 169)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 180 frasi