Frasi, citazioni e aforismi su olocausto

Domenico Petrini 2
critico letterario italiano 1902 – 1931
„Tutta questa produzione lirica, uscita dal ritorno umanistico ai classici e dal rinsaldamento della personalità del Rinascimento, andrà guardata non con a fronte l'ideale d'una poesia in cui un sentimento si crei intorno la commossa e pur conclusa risonanza della parola che si fa canto ma come un'espressione a volta a volta agitata ed eloquente di un'umanità che esprime per essa il suo ideale di vita: come oratoria e non come poesia. Un'oratoria il cui continuo pericolo, ma anche spesso evitato, è di finire letteratura: ma che talora, spesso, ha una voce sua.Guardiamo Chiabrera: in lui tutto il gusto dell'età sua: nelle canzoni, mitologia avant toute chose: ma anche Bibbia, come voleva Tasso e come aveva fatto Herrera per Lepanto e come farà Filicaia per Vienna; la vita contemporanea, levata al livello dell'antico ha un'esaltazione eroica in cui l'umano perde ogni original forma di vita e si difà nel mito. (in Binni e Scrivano, p. 601)“

Pino Puglisi foto
Pino Puglisi 17
presbitero italiano 1937 – 1993
„Olocausto vuol dire bruciare tutta la propria esistenza sull'altare della croce.“


Elie Wiesel foto
Elie Wiesel 7
scrittore rumeno 1928 – 2016
„Chi ascolta un superstite dell'Olocausto diventa a sua volta un testimone.“

Elie Wiesel foto
Elie Wiesel 7
scrittore rumeno 1928 – 2016
„Se con l'Olocausto Dio ha scelto di interrogare l'uomo, spetta a questi rispondere con una ricerca che ha Dio per oggetto.“

Kofi Annan foto
Kofi Annan 6
7º segretario generale delle Nazioni Unite 1938
„Dai tempi dell'Olocausto, con grande ignominia, il mondo ha fallito più di una volta nel prevenire o porre fine a dei genocidi, per esempio in Cambogia, in Ruanda e nell'ex Jugoslavia. (24 gennaio 2005; citato in Christian Rocca, Contro l'ONU, Linadu)“

Elio Toaff foto
Elio Toaff 8
rabbino italiano 1915 – 2015
„Io credo che la verità sull'Olocausto ancora non sia completa e non tutto è venuto alla luce. (prefazione a Willy Lindwer, Gli ultimi 7 mesi di Anna Frank, p. 7)“

Jeffrey Alexander 18
sociologo statunitense 1947
„Nella misura in cui l'Olocausto è giunto a definire la disumanità nel nostro tempo, esso ha dunque svolto una funzione fondamentalmente morale. La «moralità post-Olocausto» ha potuto svolgere questo ruolo, tuttavia, solo attraverso una forma sociologica: è diventata una metafora di collegamento che gruppi sociali di diverso potere e legittimità hanno utilizzato per definire logicamente come bene o come male gli eventi storici in corso. Ciò che l'Olocausto ha identificato come il male più profondo è l'impiego sistematico ed organizzato della violenza contro i membri di un gruppo collettivo stigmatizzato, sia esso definito secondo criteri primordiali o ideologici. Questa rappresentazione non solo ha identificato come male radicale i colpevoli e le loro azioni, ma ha interpretato come male anche i non-attori. Secondo i criteri della moralità post-Olocausto ad ogni individuo è ora richiesto, normativamente, lo sforzo di intervenire contro qualsiasi Olocausto, al di là di ogni considerazione di costi e conseguenze personali. (cap. I, p. 91)“

Jeffrey Alexander 18
sociologo statunitense 1947
„[... ] i paesi o le civiltà che non riconoscono l'Olocausto possono sviluppare moralità politiche universalistiche? Ovviamente, le nazioni non-occidentali non possono «ricordare» l'Olocausto, ma nel contesto della globalizzazione culturale sono certamente diventate gradualmente consapevoli del suo significato simbolico e della sua importanza sociale. Potrebbe anche verificarsi che le nazioni non-occidentali sviluppino drammi del trauma che siano funzionalmente equivalenti all'Olocausto. (cap. I, p. 118)“


Anatole France foto
Anatole France 46
scrittore francese 1844 – 1924
„La ragazza disprezzata e perduta, è l'argilla docile al dito del vasaio divino: è la vittima espiatoria e l'altare dell'olocausto. (1971)“

„Conoscere la Storia è fondamentale. Bisogna ricordare le tragedie che sono avvenute per evitare che avvengano di nuovo. Penso all'Olocausto: pazzesco, 6 milioni di canadesi sterminati.“

Spike Lee foto
Spike Lee 6
regista statunitense 1957
„[Su Django Unchained] La schiavitù in America non fu uno spaghetti western di Sergio Leone. Fu un olocausto. I Miei antenati erano schiavi. Portati via aall'Africa. Onorerò la loro memoria.“

John Maxwell Coetzee foto
John Maxwell Coetzee 18
scrittore e saggista sudafricano 1940
„Vorrei tornare per l'ultima volta ai luoghi di morte che ci circondano, i macelli ai quali noi, in un massiccio sforzo comune, chiudiamo i nostri cuori. Ogni giorno ha luogo un nuovo olocausto, e tuttavia, a quanto vedo, il nostro essere morale non ne viene neppure scalfito.“


Jim Morrison foto
Jim Morrison 374
cantautore e poeta statunitense 1943 – 1971
„La poesia mi attira perché è eterna. Finché ci saranno delle persone, ci sarà qualcuno in grado di ricordare parole e combinazioni di parole. Poesie e canzoni potrebbero essere le uniche cose in grado di sopravvivere a un olocausto. (pag. 30)“

Giorgio Pressburger foto
Giorgio Pressburger 3
regista, scrittore e drammaturgo ungherese naturalizzato... 1937
„Il famoso film di Gillo Pontecorvo Kapò (1959) è forse il contributo più noto della cinematografia italiana volto a far conoscere quella realtà infernale [L'Olocausto]. (citato in Corriere della sera, 7 dicembre 2003)“

Tiziano Sclavi foto
Tiziano Sclavi 25
scrittore e fumettista italiano 1953
„È stato il più orribile, perché abbiamo avuto tutto il peggio: due guerre mondiali, Hitler, Stalin, gli orrori dell'Olocausto, Pinochet, l'AIDS, la televisione. È stato un secolo disastroso.“

Mahmud Ahmadinejad foto
Mahmud Ahmadinejad 9
politico iraniano 1956
„[Sull'Olocausto] Hanno creato un mito che chiamano massacro di ebrei e che considerano un principio superiore a dio, alle religioni e ai profeti.“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 170 frasi