Frasi su pallino

Stefano Benni foto
Stefano Benni 143
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano 1947
„Il pianeta più strano di cui ho sentito raccontare è il pianeta della Sacra Merda. In esso la merda è la più grande ricchezza, la moneta con cui si compra tutto. Gli abitanti non hanno portafogli: ma grossi vasi che portano in giro, e più sono grossi e puzzano e più si vantano. Le banche sono dei giganteschi pozzi neri, guardati a vista da poliziotti e vigilantes. Qua si effettuano i versamenti. Dai più piccoli, alla vecchina che viene a consegnare due palline da coniglio, tutti i suoi risparmi, al commerciante che viene a portare l'incasso della giornata, una carriolona ben odorosa. Naturalmente, nelle case non si dice "vado nel bagno", ma si dice "metto nel salvadanaio". Ogni bambino ha il suo vasino fatto a maialino. Ahimè! Anche in questo paese c'è chi vende anima e corpo, per diventare merdoso a dismisura! C'è chi rapina, e sotto la minaccia di una pistola ti obbliga a depositare lì, per strada, tutto il malloppo che hai in pancia! Se qualcuno, incautamente, si ferma in un prato per fabbricare un po' di contante, stia attento che nel breve tempo che si tira su i pantaloni, qualcuno gli avrà già sottratto il suo bene. Per non parlare degli esibizionisti: quelli che quando entrano al ristorante, eccoli mettere merda qua e là in mano ai camerieri: e lasciano come mancia uno stronzo come un cotechino: e dicono, non per vantarmi, ma ho tanta merda che non so più dove metterla! L'economia in questo pianeta è naturalmente soggetta agli sbalzi di questo genere primario: qui la mancanza di investimenti si chiama stipsi, e l'inflazione si chiama diarrea. Speriamo di mantenere il tetto della diarrea sotto il dieci per cento, dicono i governanti. E poi scoppiano gli scandali, e si scopre che segretamente i governanti prendevano quintali di merda dagli industriali e chiudevano un occhio sul contrabbando di merda all'estero. Esistono anche le cambiali, uno può acquistare una macchina, ad esempio, prendendo dieci purganti al momento dell'acquisto: ma poi se la cambiale andrà in protesto, sarà dichiarata panciarotta. E ci saranno perquisizioni e a volte anche sequestri da parte di chirurghi-finanzieri. Ma questo capita ai pochi sfortunati: questo pianeta è ricco. Tutti i mesi, ogni giorno sei, San Libero, si fa la festa della Santa Merda. I più grandi merdoni del paese convengono con grandi macchine color crema e marron, e riempiono saloni pieni di lampadari e bei quadri e porcellane da bagno. Le signore sono vestite tutte di bianco e i signori in rosa. Si sente dire: lo vedi quello? Ha fatto la merda con le bische: è un parvenù. Quello invece: uh, è di sangue blu, la sua famiglia è sempre stata un letamaio. E tutti ballano, e soprattutto scorreggiano, per mostrare la loro ricchezza. Le grosse signore scorreggiano in tonalità di bordone gonfiando come vele i vestitoni stretti di raso, le giovani signori scorreggiano deliziosamente con virtuosismi di flauto e clarinetto, i ricchi commercianti petano come cannoni scambiandosi pacche sulle spalle, gli intellettuali sfiatano con grande sofferenza, spiegando che la merda non è poi tutto al mondo, i giovani brillanti tirano bronze pungenti che alzano le falde dei loro frac in eleganti impennate, i vecchi nobili brontolano e spetazzano e non raramente nel far ciò cade nelle loro mutande qualche spicciolo, i bambini trillano ventini, i neonati pigolano e il padrone di casa, apparendo sulla soglia rosso e trionfale, spara un peditone storico con fremente interminabile premito che scrolla le cristallerie e a voce alta dice: "Il pranzo è servito!" E tutti vanno a lavarsi le mani.“

Andy Roddick foto
Andy Roddick 46
tennista statunitense 1982
„[Riferito a un giornalista in conferenza stampa alle WTF 2010] Scusami, non riuscivo a vederti perché mi sembravi una pallina da tennis!“


Fabio Caressa foto
Fabio Caressa 54
giornalista e conduttore televisivo italiano 1967
„Fa rimbalzare in avanti la pallina davanti al suo piede sinistro, stira bene i muscoli della schiena, uno sguardo alla rete, fa oscillare in avanti il braccio, la mano sinistra tocca la pallina, il manico della sua racchetta tenuto in saldo con la destra. 6-4, 4-6, 3-6, 7-5, 5-3, 40-15, è l'Open d'Italia, è il match ball. L'Inter alza la pallina, è pronta a battere! [presentazione Torino-Inter, 20 aprile 2008]“

Jim Fiebig 10
giornalista
„L'età non diminuisce l'estremo dispiacere di vedere una pallina di gelato cadere dal cono.“

Paola Mastrocola 27
scrittrice italiana 1956
„Il mare è dove la terra finisce: per questo abbiamo sempre ogni volta quella sensazione forte di inizio. (libro Palline di pane)“

Paola Mastrocola 27
scrittrice italiana 1956
„Le parole servono all'umanità quando ne vale la pena. Le parole hanno un alto valore: sono il segno che noi abbiamo qualcosa in più rispetto agli animali. Per questo non dobbiamo sprecarle. (libro Palline di pane)“

Paola Mastrocola 27
scrittrice italiana 1956
„L'arte di rimandare le scelte, possibilmente di non farle mai: sottile convinzione, deliziosa, che poi all'ultimo qualcosa o qualcuno intervenga a provocarla la scelta, a renderla in qualche modo obbligatoria. (libro Palline di pane)“

James Joyce foto
James Joyce 71
scrittore, poeta e drammaturgo irlandese 1882 – 1941
„Esempio gli appassionati. Tutt’orecchi. Non si perdono una biscroma. Occhi chiusi. Testa che annuisce a tempo. Suonati. Non osare muoverti. Pensare è severamente proibito. Sempre a parlare del loro pallino. A baloccarsi con le note. (libro Ulisse)“


E. E. Cummings foto
E. E. Cummings 17
poeta, pittore e illustratore statunitense 1894 – 1962
„Piccolo silenzioso albero di Natale... Guarda: i lustrini che tutto l'anno dormono in una scatola buia, le palline, le catenelle rosso-oro, i fili di lana... alza le tue piccole braccia e te li darò tutti: ogni dito avrà il suo anello e non ci sarà più un solo posto buio d'infelicità. E noi ci prenderemo per mano, con gli occhi incantati sul nostro bell'albero. Danzeremo, canteremo: 'Natale! Natale!“

Paola Mastrocola 27
scrittrice italiana 1956
„Non so perché ci portiamo sempre così tanta roba in vacanza. E' perché ogni volta pensiamo che la vacanza sia una vita, una piccola vita in miniatura, in cui bisogna avere l'occorrente. Per tutto quello che potrebbe capitare, non si sa mai quale avventura, quale storia, quale passione. (libro Palline di pane)“

Paola Mastrocola 27
scrittrice italiana 1956
„Ormai, per amor del quieto vivere, non facciamo più nessuno sforzo per pensarla a modo nostro. (libro Palline di pane)“

Paola Mastrocola 27
scrittrice italiana 1956
„È incredibile come il fare sacrifici nella vita poi, in qualche modo, ti chieda in cambio delle vittime. (libro Palline di pane)“


Paola Mastrocola 27
scrittrice italiana 1956
„Il mare al mattino presto ha un segreto, che poi a mano a mano perde, perché la giornata nel suo farsi glielo ruba. E noi sempre lì a cercare di prenderlo quel segreto, prima che sia tardi. (libro Palline di pane)“

Paola Mastrocola 27
scrittrice italiana 1956
„E' che non è vero che i figli hanno la loro vita, hanno anche la nostra vita, e noi abbiamo la loro. [... ] Ma noi non chiediamo più nulla ai figli, neanche "come stai". Abbiamo paura di disturbare. Di interrompere il loro sonno chiamato giovinezza. Quando gli chiediamo di studiare, siamo patetici. Glielo chiediamo così, perché si fa, perché ci è rimasto dalla tradizione che un figlio deve studiare, ma non lo sappiamo neanche più bene noi perché; e loro lo sentono che glielo chiediamo senza scopo, sentono che dietro quella richiesta c'è il vuoto. Perché in fondo non c'è più niente che vogliamo da loro. (libro Palline di pane)“

„Il decalogo del partner perfetto

1. Gli uomini non sono irresistibili e non tutte le donne hanno il pallino del sesso.
(I bravi amatori iniziano ben prima della camera da letto, quindi prima di ogni incontro galante, fatevi una bella doccia. Ognuno suda, alcune donne amano l’odore del sudore, altre no: ma a nessuna piace la puzza di sudore stagnante!)
2. La "ginnastica" a letto non è sempre un toccasana.
(Saltare di qua e di là, cambiare posizione e tecniche può far calare l’eccitazione sessuale della donna. Pompare per ore senza venire non ti rende un latin lover. Ciò la rende annoiata e dolorante).
3. Non pensare che il tuo partner sia contento del proprio corpo.
(Almeno una donna su 10 spegne la luce prima di spogliarsi. La donna media spende parecchio tempo a sbattersi per il proprio peso ed aspetto. La nudità aumenta la vulnerabilità, quindi sii sensibile e considera le sue insicurezza. Se pensi che il tuo partner sia bello, per l’amor di Dio, diglielo!).
4, Il sesso è molto più che premere il bottone giusto.
(Gli uomini hanno scoperto che la chiave per l’orgasmo femminile è la stimolazione del clitoride e adesso, molti strofinano la lampada piuttosto che giocarci intorno. In realtà le donne hanno più orgasmi del passato, ma l’aumento della manipolazione genitale, per alcune è diventato meccanico. Andando dritti alle zone erogene è l’equivalente di mettere il "fast forward". Gli uomini che si soffermano sul seno sinistro, poi quello destro e quindi i genitali, rendono la donna un mero insieme di parti del corpo).
5. Sii educato.
(Non forzare la tua partner verso le tue parti basse. Durante la fellatio, avvisala quando stai per avere un orgasmo. Negli orgasmi, sii sempre cavaliere).
6. Assicurati che la tua partner conosca quanto la trovi attraente, prestando attenzione a baciarla, complimentarti e, in senso generale, a viziarla. Non trascurare i seni e le altre zone erogene).
7. Sebbene l’orgasmo clitorideo sia facile da raggiungere, molte donne vogliono sperimentare l’orgasmo vaginale.
(Il rapporto è il miglior modo di unire un uomo ed una donna, e la sensazione di pienezza è un piacere immenso).
8. Le donne devono essere riscaldate.
(Ci vuole di più per farle eccitare ed avere lo stesso piacere, se non di più, dalla tenerezza, baci e abbracci. Sebbene il sesso veloce trova sempre un posticino, per le donne soprattutto, più l’atto sessuale dura a lungo, meglio si sentono. Se l’eccitazione cresce lentamente, scorre all'interno dell’intero corpo invece di restare confinata nell'area genitale, ed un orgasmo ritardato è infinitamente più potente di uno indotto da cinque minuti di "manipolazioni").
9. Metti una piccola X nel sesso che fai.
(Vedere dei film erotici con il tuo partner, aumenterà la possibilità di successo).
10. Ricordati - sempre - di toglierti i calzini. (quotidiano The Sunday Times)“

Paola Mastrocola 27
scrittrice italiana 1956
„A me piacerebbe che la realtà fosse esattamente quella che si vede e niente di più. Che il suo lato nascosto rimanesse nascosto: una montagna sommersa e noi quassù piccoli e senza strumenti ottici, né maschera sub, né cannocchiale, niente. Impossibile vedere. Una sorta di invisibilità del mondo, ecco. Mica per niente Omero era cieco; lo sapeva, lui, che è meglio non vedere, che solo così il mondo si allarga a dismisura e diventa veramente grande. Degno di viverci, insomma. (libro Palline di pane)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 51 frasi