Frasi su parvenza


Umberto Eco foto
Umberto Eco 211
semiologo, filosofo e scrittore italiano 1932 – 2016
„Aveva ragione lei. Qualsiasi dato diventa importante se è connesso a un altro. La connessione cambia la prospettiva. Induce a pensare che ogni parvenza del mondo, ogni voce, ogni parola scritta o detta non abbia il senso che appare, ma ci parli di un Segreto. Il criterio è semplice: sospettare, sospettare sempre. Si può leggere in trasparenza anche un cartello di senso vietato. (cap. 66)“

Dargen D'Amico foto
Dargen D'Amico 61
rapper e cantautore italiano 1980
„Prima di uscire cambio l'ordine dei mobili per dare una parvenza di novità. | Mi sbarbo e recupero la mia decenza. (da Malpensandoti, n.° 4)“


Eugéne Ionesco foto
Eugéne Ionesco 58
scrittore e drammaturgo francese 1909 – 1994
„Noi siamo qui con i nostri quadri, le nostre musiche, le nostre poesie, i nostri libri alla ricerca di una parvenza di immortalità.“

Publio Cornelio Tacito foto
Publio Cornelio Tacito 80
storico, oratore e senatore romano 56 – 120
„[Riferendosi alle azioni di Tiberio] Tutte cose speciose a parole, ma in realtà inutili e subdole; destinate a sfociare in una tirannia tanto più implacabile, quanto più si mascheravano sotto parvenza di libertà. (p. 63; 1974)“

Henri Michaux foto
Henri Michaux 7
scrittore, poeta e pittore belga 1899 – 1984
„L'aggressività, questa meschina parvenza d'audacia. (da Brecce, traduzione di D. Grange Fiori, Adelphi, 1984).“

Roberto Mattioli foto
Roberto Mattioli 97
conduttore televisivo e conduttore radiofonico italiano 1963
„Questo ragazzo di campagna ha seco qualche parvenza di rocker [Definizione di Gianni Drudi]. (Da Prima che sia troppo tardi- SMtv San Marino del 16 aprile 1996)“

Arthur Rimbaud foto
Arthur Rimbaud 98
poeta francese 1854 – 1891
„Nelle ore d'amarezza immagino sfere di zàffiro, di metallo. Sono padrone del silenzio. Perché mai una parvenza di spiraglio dovrebbe illividire all'angolo della volta? (da Infanzia, 1972)“

Friedrich Nietzsche foto
Friedrich Nietzsche 491
filosofo, poeta, saggista, compositore e filologo tedesco 1844 – 1900
„L'albero della conoscenza. – Verosimiglianza, ma non verità: parvenza di libertà, ma non libertà – è per questi due frutti che l'albero della conoscenza non può venir scambiato per l'albero della vita. (1)“


 Anassagora foto
Anassagora 29
filosofo greco antico -496 – -428 a.C.
„Le parvenze fenomeniche, infatti, sono l'aspetto visibile delle [cose] non appariscenti. (frammento 21a)“

Karl Marx foto
Karl Marx 139
filosofo, economista, storico, sociologo e giornalista t... 1818 – 1883
„Scuotendosi di dosso il giogo politico, la società civile si scuote di dosso i lacci che avvincevano il suo spirito egoista. L'emancipazione politica fu contemporaneamente l'emancipazione della società civile dalla politica, dalla parvenza stessa di un contenuto universale. (da La questione ebraica: 1955-89, vol. I, p. 369)“

Alfredo Accatino foto
Alfredo Accatino 113
autore televisivo e sceneggiatore italiano 1960
„L'Italia va a rotoli. L'economia boccheggia, l'egoismo è divenuto regola, la corruzione consuetudine, la violenza linguaggio, il disprezzo legge. Cosa ci resta in cui sperare? Cosa può ancora accendere in noi la parvenza di un sorriso? Nulla. Tranne, forse, che un giorno un meteorite fiammeggiante, squarciando le nubi, riesca a centrare in pieno Vittorio Sgarbi.“

Publio Cornelio Tacito foto
Publio Cornelio Tacito 80
storico, oratore e senatore romano 56 – 120
„Tiberio […] offriva al senato […] parvenze di libertà. (p. 60; 1974)“


Teresa di Lisieux foto
Teresa di Lisieux 236
religiosa e mistica francese 1873 – 1897
„Io fragile bimba, nel ciborio vedo | solo il color del latte e la parvenza. | Ma s'addice il Latte dell'infanzia appunto | e l'Amor di Gesù è senza eguali. | O tenero Amore, potenza insondabile, | l'Ostia mia candida è il Latte Verginale!“

Massimo Colesanti 2
scrittore, critico e saggista italiano 1926
„È in queste «memorie» che nasce lo scrittore Flaubert, che la scrittura, la poesia, la creazione letteraria, divengono per lui croce e delizia, disdetta e compenso, luogo in cui perdersi per ritrovarsi e comprendersi, opera diversa e altra dalla vita e in cui la parvenza del sogno può almeno tentare di ricrearsi e fissarsi. (p. 11)“

Raoul Vaneigem foto
Raoul Vaneigem 7
scrittore e giornalista belga 1934
„La religione rientra in un accordo privato fra chi la pratica e la creatura extraterrestre da lui deputata a governare il suo destino. È inammissibile che essa s'imponga sotto le parvenze di un'istituzione ecclesiastica o statale, di fronte alla quale ci si deve inchinare. La libertà di credere e di praticare dei riti non può essere confusa con il potere arbitrario di prescriverli a quanti non la condividono. (cap. 2, p. 19)“

Andrea Cortellessa foto
Andrea Cortellessa 3
critico letterario italiano
„L'ultimo Raboni presenta [... ] se stesso e le proprie parvenze come "spoglie del futuro.“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 35 frasi