Frasi su rassegna

Io sono camaleontico, chimerico, incoerente, inconsistente. Qualunque mio sforzo verso l'unità riuscirà sempre vano. Bisogna omai ch'io mi rassegni. La mia legge è in una parola: NUNC. Sia fatta la volontà della legge. (Andrea: cap. XII, p. 364)

Gabriele D'annunzio foto
Gabriele D'annunzio 112
scrittore, poeta e drammaturgo italiano 1863 – 1938

Se vedi uno stregone con un copricapo di piume di ororoko che cammina sopra i tetti, fa volare le edicole e fa cadere polvere d'oro sui passanti, può darsi che la tua vita stia per cambiare, ma molto più probabilmente stai vedendo un video musicale.
Se vedi una persona che non si rassegna alle cerimonie dei tempi, che prezioso e invisibile aiuta gli altri anche se questo non verrà raccontato in pubbliche manifestazioni, che non percorre i campi di battaglia sul bianco cavallo dell'indignazione, ma con pietà e vergogna cammina tra i feriti, ecco uno stregone.
Quando non c'è più niente da imparare, vai via dalla scuola.
Quando non c'è più nulla da sentire, non ascoltare più.
Se ti dicono: è troppo facile starne fuori, vuole dire che loro ci sono dentro fino al collo.
Vai lontano, con un passo solo.

Stefano Benni foto
Stefano Benni 143
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano 1947

La maggioranza che si rassegna è colpevole. La minoranza ha il diritto di richiamarla. (citato in Giuseppe Galzerano, Giovanni Passannante, p. 383)

Giovanni Passannante foto
Giovanni Passannante 9
anarchico italiano 1849 – 1910

Tale che non è riuscito ad esser genio, si rassegna a fare il santo.

Ugo Bernasconi foto
Ugo Bernasconi 41
pittore, scrittore e aforista italiano 1874 – 1960

Amor non cerca di compiacer se stesso | Né per se stesso ha cura | Ma per un altro ogni favor rassegna | E il Cielo erige in un oscuro inferno.

William Blake foto
William Blake 77
poeta, incisore e pittore inglese 1757 – 1827

Non si creano né i partiti né le rivoluzioni. Si dirigono i partiti e le rivoluzioni, nella unificazione delle utili esperienze rivoluzionarie internazionali. (da Partito e azione di classe, in Rassegna Comunista, anno 1, n. 4, 31 maggio 1921)

Amadeo Bordiga foto
Amadeo Bordiga 8
politico italiano 1889 – 1970

Curioso come a questo mondo vi sia poca gente che si rassegni a perdite piccole; sono le grandi che inducono immediatamente alla grande rassegnazione.

Italo Svevo foto
Italo Svevo 91
poeta, scrittore 1861 – 1928

I migliori momenti dell'amore sono quelli di una quieta e dolce malinconia dove tu piangi e non sai di che, e quasi ti rassegni riposatamente a una sventura e non sai quale. (142, 27 giugno 1820; 1898, Vol. I, p. 247)

Giacomo Leopardi foto
Giacomo Leopardi 205
poeta, filosofo e scrittore italiano 1798 – 1837

Così si rassegnò a vivere in perenne indigenza economica. Lui diceva che ciò gli aveva quanto meno riservato un privilegio sottile: svegliarsi quando cavolo gli pareva, ogni mattina. [Riferito a Walter Benjamin]

Alessandro Baricco foto
Alessandro Baricco 350
scrittore e saggista italiano 1958

L'eroe è colui il quale fa da solo ciò che altri dovrebbero fare: è dunque l'espressione del paese che si rassegna, delle genti in cui la coscienza individuale è debole ; che non sono ancora entrate nella civiltà, o che vi sono entrate male. (p. 13)

Francesco Saverio Nitti foto
Francesco Saverio Nitti 43
economista, politico e saggista italiano 1868 – 1953

Volevo ritagliare l'azzurro del cielo. (Carlo Scarpa, lezione sulla Gipsoteca di Possagno, 13 gennaio 1976, trascritta in "Rassegna", VII, luglio 1981, pp. 81-84).

Carlo Scarpa foto
Carlo Scarpa 5
architetto, designer e accademico italiano 1906 – 1978

La differenza tra il cittadino e il suddito sta in questo: che al cittadino sono imposti pochi obblighi e pochi divieti, rispettati i quali è un uomo libero; il suddito è un sogetto a cui sono imposti milioni di obblighi e di divieti la cui violazione è abitualmente tollerata, ma se alza la testa gli fanno la lista di tutte le violazioni che ha fatto fino a quel momento. (da Forum Guido Monzani - "Rassegna di incontri con l'autore", Modena, 13 Marzo 2012)

Piercamillo Davigo foto
Piercamillo Davigo 20
magistrato italiano 1950

Lo stupido non si rassegna all'esistenza dell'insolubile: falso problema o problema risolvibile domani, questo è il suo dilemma.

Nicolás Gómez Dávila foto
Nicolás Gómez Dávila 349
scrittore, filosofo e aforista colombiano 1913 – 1994

È il suo paradosso quello di poter essere superficiale pur sapendo di essere mortale. Se l'individuo in quanto tale si rassegna a non essere più nulla, perché non dovrebbe accettare anche l'epilogo del processo storico, la fine della specie? Egli tuttavia continua come se niente fosse: nessuno, d'altronde, fa tanti progetti quanti un moribondo. (Fascinazione della cenere )

Emil Cioran foto
Emil Cioran 536
filosofo, scrittore e saggista rumeno 1911 – 1995

La storia è una rassegna di rivoluzioni. (da Rules for Radicals, 1971)

Saul Alinsky foto
Saul Alinsky 3
attivista e scrittore statunitense 1909 – 1972

La Juventus è come una malattia che uno si trascina dall'infanzia. Alla lunga ci si rassegna.

Giuseppe Prisco 36
avvocato e dirigente sportivo italiano 1921 – 2001

Mostrando 1-16 frasi un totale di 52 frasi