Frasi su ricongiungimento


Albert Camus foto
Albert Camus 172
filosofo, saggista e scrittore francese 1913 – 1960
„Il gran desiderio d'un cuore inquieto è di possedere interminabilmente la creatura che ama o di poterla immergere, quando sia venuto il tempo dell'assenza, in un sonno senza sogni che non possa aver termine che col giorno del ricongiungimento.“

 Björk foto
Björk 23
musicista, cantante e compositrice islandese 1965
„Siamo fortunati a vivere l'inizio di una rivoluzione umanistica, il nostro ricongiungimento con la Natura grazie alla tecnologia.“


Silvio Berlusconi foto
Silvio Berlusconi 727
politico e imprenditore italiano 1936
„Con il ricongiungimento del Pds a Rifondazione si è ricostituito il vecchio Pci. Il Pds ha cambiato nome, ha modificato il simbolo, ma il segretario, il suo vice, la sede e le idee sono rimasti gli stessi. Hanno una mentalità statalista. Come possono presentarsi come nuovi quando non c'è stata legge di spesa che negli ultimi anni non sia stata approvata con l'appoggio o almeno l'astensione del Pci Pds? (ibidem)“

Lorenzo Cesa foto
Lorenzo Cesa 4
politico italiano 1951
„Si parla tanto di costi della politica, ma al parlamentare bisognerebbe dare di più e consentire il ricongiungimento familiare. Perché la vita del parlamentare è dura, la solitudine è una cosa molto seria. (citato in Gian Antonio Stella, Un'indennità contro le tentazioni, Corriere della sera, 31 luglio 2007, p. 1)“

 Björk foto
Björk 23
musicista, cantante e compositrice islandese 1965
„Non c'è mai stata separazione tra "techne" e la Natura. Il fuoco è prodotto insieme dall'uomo e dalla Natura. La rivoluzione industriale è stato il punto di maggiore distacco tra i due elementi, ma ora con una tecnologia tanto sofisticata siamo arrivati a un passo dal totale ricongiungimento, se manteniamo sempre alto il livello di guardia, cioè il senso di colpa, possiamo, dobbiamo, costruire un secolo fantastico. Io stessa mi accorgo che guardo la luna in un modo nuovo, con una grande purezza poetica.“

Paola Mastrocola 27
scrittrice italiana 1956
„Odio i treni che partono. Anche quelli che arrivano. Non sopporto le partenze; ma nemmeno gli arrivi e i ricongiungimenti, perché vuol dire comunque che un distacco c'è stato: mi prende un groppo in gola, forse più ancora se il treno arriva, che non se sta partendo. Mi commuove ancora di più il ritrovarsi, perché mi cade addosso tutto il dolore di essere stati divisi, lontani. Non sopporto che due persone che si amano possono stare lontane. Tutto mi sembra brutto e si stacca, si divide, si saluta. Il mio mondo perfetto è essere uniti sempre, vicini stretti. Una follia. (da Più lontana della luna)“