Frasi su ristagno

Antonio di Padova foto
Antonio di Padova 9
religioso e presbitero portoghese 1195 – 1231
„Lago di miseria e di lurido fango è il mondo. Il lago è una massa d'acqua che ristagna. non defluisce. Le acque corrotte del mondo sono superbia, lussuria, bramosia di denaro, e mai defluiscono, anzi di giorno in giorno s'accresce il loro livello.“

Diego De Silva foto
Diego De Silva 50
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano 1964
„Non sopporto le persone che rispondono a monosillabi e poi non dicono più una fetente di parola. Roba che, dopo un po' che quel silenzio di merda ristagna fra te e loro, ti viene voglia di dirgli: «Ehi, vaffanculo».
Io questa gente qua la odio, sul serio.“


Luciano Ligabue foto
Luciano Ligabue 353
cantautore italiano 1960
„Quanto più è profondo il pozzo meno arrivano gli spruzzi quanto più ristagna il tuo disprezzo. (La Verità è una Scelta, n. 5)“

Reinhold Messner foto
Reinhold Messner 23
alpinista italiano 1944
„Chi smette di fare esperienze ristagna. E chi fa esperienze di seconda mano è un consumatore. (libro Spostare le montagne: Come si affrontano le sfide superando i propri limiti)“

Fidel Castro foto
Fidel Castro 35
rivoluzionario e politico cubano 1926
„Il peggiore dei sacrilegi è il ristagno del pensiero.“

Federico Fellini foto
Federico Fellini 46
regista e sceneggiatore italiano 1920 – 1993
„È la storia di un uomo come ce ne sono tanti: la storia di un uomo giunto a un punto di ristagno, a un ingorgo totale che lo strozza. Io spero che dopo i primi cento metri lo spettatore dimentichi che Guido è un regista, cioè un tipo che fa un mestiere insolito, e riconosca in Guido le proprie paure, i propri dubbi, le proprie canagliate, viltà, ambiguità, ipocrisie: tutte cose che sono uguali in un regista come in un avvocato padre di famiglia.“

Eduardo Marquina foto
Eduardo Marquina 3
giornalista, poeta, scrittore, traduttore e drammaturgo ... 1879 – 1946
„Basilissa – La fontana è come uno specchio di quel che succede in paese; e non c'è paura che il suo riflesso dica che è cattiva e brutta a quella che è bella e buona! Desiderata – (In piedi presso la fontana) Giusto: basta però che tu te ne stia qui, dove l'acqua ti rispecchia come sei, senza ombre false e, anzi, facendoti più bella col suo bagno d'argento... (A Quiteria) Ma non dove si siedon loro a dire quella famosa messa... L'altare non lo guardan nemmeno! E un'imperfezione da nulla s'ingrandisce e cresce, aumentata dalla malizia e dall'astuzia... E l'acqua che ristagna ai piedi della fontana, calpestata da tanti piedi, è troppo sudicia per guardarcisi! (atto II, La fontana, pp. 76-77)“

Ettore Paratore 1
latinista italiano 1907 – 2000
„Noi ci persuadiamo come il magistrale studioso della decorazione neoclassica e dell'arte decadente, come il gran signore che trascorre dal tempestoso dramma elisabettiano alle plurivalenti costruzioni sonore del suo D'Annunzio aneli al Biedermeier solo come pausa, come attimo di confortante ristagno, ma sia artigliato nell'intimo dal fremito lancinante che trascinava i suoi poètes maudits verso i più tenebrosi dessous della psiche, nella piena consapevolezza di vivere in un'età di disfacimento che fa trascolorare dolorosamente tutti i sogni più delicati.“


Areteo di Cappadocia foto
Areteo di Cappadocia 34
medico greco antico
„Il ventricolo destinato all'officio del digerire, ammorbando, altera cotesto officio medesimo; e ne segue un profluvio dell'alvo d'inconcotte e liquide materie detto dai Greci Diarrea. Sennonché cotesto profluvio, secondo che la causa prossima è recente o permanente può affacciarsi o nell'un giorno, o nell'altro. Oltreché si impossessa di tutto l'organismo la debolezza, non essendo il corpo nutrito, e ne segue la malattia cronica detta flusso Celiaco, che latinamente potrebbe dirsi morbo ventricolare, per la imbecillità del calore digestivo, e la frigità del ventricolo. E nel vero liquefatto l'alimento dal calore, ma non concotto né convertilo in succo nutritivo, ristagna indigesto e imperfetto, e non avendo attinto quel grado di perfezione necessaria rimane crudo e si trasforma in modo nocevole sì nel colore, che nell'odore, e nella consistenza. Fetidi e fangosi sono gli escrementi, liquidi e disciolti per l'indebolita azione configurativa, e traenti con se fuori la virtù e il principio assimilatore. (capitolo VII; p. 55)“

Jean-Patrick Manchette 2
scrittore, sceneggiatore e critico letterario francese 1942 – 1995
„La caratteristica di chi ha raggiunto una data posizione è di volerci restare. E perché nulla cambi, è necessario che tutto ristagni. (p. 136)“

Giuseppe Flaiani foto
Giuseppe Flaiani 2
chirurgo e anatomista italiano 1741 – 1808
„Cotesta malattia denominata Broncocele, e dal volgo distinta col nome di gozzo è quel tumore che nasce, ed a gradi si accresce nell'anterior parte del collo formato ordinariamente da un ristagno di viscidi linfatici umori nella glandola tiroidea, o nella cellulare, che la circonda. (p. 275)“

Emil Cioran foto
Emil Cioran 536
filosofo, scrittore e saggista rumeno 1911 – 1995
„Secondo la Bhagavadgītā, è perduto, per questo mondo e per l'altro, colui che è «preda del dubbio», quello stesso dubbio che il buddismo da parte sua cita fra i cinque ostacoli alla salvezza. Perché il dubbio non è approfondimento, bensì ristagno, vertigine del ristagno...“


Anacleto Verrecchia foto
Anacleto Verrecchia 98
filosofo italiano 1926 – 2012
„Dove comincia la critica cessa la creatività, così come quando si fanno troppi inventari vuol dire che la produzione ristagna.“

André Louf 29
monaco cattolico belga, eremita, scrittore di libri di s... 1929 – 2010
„L'impressione, e persino la quasi certezza, che non si avanzi più, che si ristagni disperatamente, non ha nessunissima importanza. Basta essere in grado di discernere il senso che Dio intende dare a ciò che appare come uno scacco ed al sentimento di frustrazione che ne nasce.“

Stefano Benni foto
Stefano Benni 143
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano 1947
„E ci sono periodi molto maperò nella vita. Il fiume degli eventi ristagna e non si sa quale direzione prenderà, e andiamo alla deriva in acque torbide. Poi l'acqua diventa limpida, il torrente scorre, e tutto torna trasparente. Così fu la mia vita, da quel mattino.“

Gianluca Nicoletti foto
Gianluca Nicoletti 112
giornalista, scrittore e conduttore radiofonico italiano 1954
„Da oggi sono "testa d' argento"! Cassiodoro avrei preferito, comunque mi rado con platinum plus. Ho umore plumbeo, volontà di ferro. Nel ricordo ristagno. Sono conduttore come il rame, spero di avere al mio funerale suono di ottoni, mi sarà più lieve la bara zincata. (spontana produzione di Haikù a fronte di un' amica che lo chiamò "testa d' argento")“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 22 frasi