Frasi su sballo

Franco Califano foto
Franco Califano 49
cantautore, poeta e scrittore italiano 1938 – 2013
„Trovato il paese, poi dopo fai presto, per l'auto al parcheggio, c'è un povero cristo, trapassa la piazza imbocca il viale, finché non incontri una rampa di scale, 300 gradini e arrivi al mio nulla, mi vedi trascino la mente che sballa, un sorso di mare, una lama di sole, per l'ultima spiaggia di un uomo animale, laggiù, dove mi hai spinto tu, sto io che aspetto il turno mio, ormai dal tempo anitco dell'addio, ho solamente una gran voglia di morire, la solitudine, morire in solitudine (L'ultima spiaggia)“

Anthony Kiedis foto
Anthony Kiedis 120
cantante statunitense 1962
„Se lei parlasse con mio padre, dopo cinque minuti si renderebbe conto di che persona sia quell'uomo, il cui migliore amico è stato un cantante come Sonny Bono, che frequentava Marlon Brando e i grandi della musica anni '70, quando droga e sballo erano considerati una cosa bella. Mi portava in giro in California con la sua "Austin Healey cabrio". È stato un uomo psichedelico.“


 Caparezza foto
Caparezza 313
cantautore e rapper italiano 1973
„Il pregiudizio ti sballa più degli acidi che assumi. (da Ti sorrido mentre affogo n.° 16)“

Francesco Alberoni foto
Francesco Alberoni 69
sociologo, giornalista e scrittore italiano 1929
„Lo "sballo" è una perdita della coscienza di sé, un abbandonarsi all'eccitamento collettivo fino all'annullamento estatico. (p. 63)“

Neil Gaiman foto
Neil Gaiman 92
fumettista, scrittore e giornalista britannico 196
„Ciò che lo incanta di questa città nel deserto è la velocità, il modo in cui il denaro si sposta da un punto all'altro e passa di mano in mano: per lui è come uno sballo, l'effetto di una droga che lo spinge, come un tossicomane, a scendere per strada. (p. 259)“

Vasco Rossi foto
Vasco Rossi 241
cantautore italiano 1952
„E centomila occhi si voltarono a guardare il cielo con un sospiro leggero, da quella parte sì, è da quella parte che sarebbero venuti loro l'aveva detto il vecchio pazzo che abitava il monte nessuno aveva dubitato delle sue parole avevano bisogno di loro sarebbero venuti in volo. (da Sballi ravvicinati del terzo tipo, n.° 3)“

Eugenio Finardi foto
Eugenio Finardi 14
cantautore italiano 1952
„Poi per due anni non ho quasi fatto altro | Non ho suonato non ho fatto l'amore | Tiravo il tempo tra un buco e l'altro | In giro a sbattermi o in casa a dormire | Ma una mattina mi sono chiesto come andrà a finire | Andare avanti finire in galera magari anche morire | E poi così non può durare sta diventando quasi come un lavoro | Otto ore in giro a sbattermi oramai sballo poco anche con l'ero. (da Scimmia, n.° 9)“

Aldo Busi foto
Aldo Busi 347
scrittore italiano 1948
„Più divento giovane come non sono mai stato nemmeno in gioventù e più divento intransigente verso la droga, la prostituzione e l'alcol: se uno deve vivere per ammazzare il tempo comprando i suoi svettanti e gratuiti attimi fuggenti, tanto vale che faccia più alla svelta e ammazzi se stesso senza rompere le palle a me che devo sempre fare la figura del bigotto salutista allorché invece sono solo annoiato a morte dai faciloni da sballo sempre e comunque che pensano che esista qualcosa che possa essere più facile di quanto non debba invece restare strettamente raro, difficile, inaccessibile. (p. 53)“


Adam Brody foto
Adam Brody 8
attore statunitense 1979
„Summer: Allora, m'inviti o no alla festa di compleanno?
- Seth: Perdonami, Summer, ti spiace ripetere?!
- Summer: Ho saputo che tuo nonno dà una festa da sballo, a casa tua e... visto che siamo amici...
- Seth: Fammi capire, mi hai chiesto di invitarti perché ci vuoi venire con me o solo per venirci?! Fa niente, ti aspetto alle otto! (Film The O. C.)“

Giuseppe Signori foto
Giuseppe Signori 2
calciatore italiano 1968
„[Su Zeman] Per me è stato un po' maestro e un po' papà. Mi ha dato fiducia e consapevolezza dei miei mezzi, mi ha dato il ritmo e i tempi del gioco. Poi è uno che ti fa lavorare in maniera pazzesca: durante il primo ritiro non riuscivo neanche a salire le scale, alla sera. Ci faceva mangiare per tre o quattro giorni le patate, per depurarci, e in allenamento dovevi fare dieci chilometri, con l'ultimo che lui chiamava quello del carattere. Ma tutto questo lavoro aveva uno scopo e tu, da giocatore, lo capivi: molti teorizzano la sofferenza, per far crescere, ma con Zeman tutto questo aveva anche un obiettivo. Soffrivi e soffrivi, ma poi quando finalmente la squadra riusciva a giocare come lui insegnava, beh, allora, era un piacere. E ti divertivi. Il suo calcio è uno sballo, se fai la punta.“