Frasi su schieramento

Poiché infatti c'erano molte guerre collaterali nella guerra. Interi schieramenti cambiavano schieramento. (pag. 181)

John Irving foto
John Irving 60
scrittore e sceneggiatore statunitense 1942

Credo che si dia ai comici troppa importanza. In fondo siamo solo dei santimbanchi. In Italia non manca la libertà di parola, ma la libertà di dire qualcosa senza essere infilati in uno schieramento politico.

Luciana Littizzetto foto
Luciana Littizzetto 80
attrice, cabarettista e doppiatrice italiana 1964

Dopo la sua morte, al di fuori dello schieramento celebrativo, Wagner è stato giudicato da molti come il musicista che pretende di fare della poesia e la fa a prezzo di stridori e stonature. (citato in Corriere della sera, 4 dicembre 1994)

Quirino Principe foto
Quirino Principe 3
critico musicale e musicologo italiano 1935

Ci sono molte famiglie in cui lo zio gay insaccato del suo segreto di Pulcinella pesa come un macigno sui raduni natalizi o estivi. Gli etero non saranno mai realmente liberi finché non lo saranno i gay; e questo vale, ovviamente, per ogni altro schieramento sui due versanti di un muro di discriminazione. (p. 93)

Tommaso Giartosio foto
Tommaso Giartosio 24
scrittore italiano

Collegati via satellite a un immenso schieramento di banche dati mediche e a tutta l'ulteriore potenza informatica necessaria, l'anello mi forniva una specie di sistema immunitario elettronico, tanto veloce e tanto intelligente da superare qualsiasi avversario. (p. 100)

Greg Egan foto
Greg Egan 12
scrittore di fantascienza australiano 1961

Liborio Romano ha indicato un modo allora sconosciuto di fare politica, senza uno schieramento vincolante, mostrando una rapidità di passaggio dall'una all'altra parte, talvolta troppo repentina. Ha fatto politica col potere assoluto; ha fatto politica con la nuova classe liberale: senza spostare la sua prospettiva e quasi senza cambiare le sue parole. (p. 186)

Nico Perrone foto
Nico Perrone 74
saggista, storico e giornalista italiano 1935

Non si può dire «chi cambia canale è un burfaldino», però può sempre dire «chi cambia canale è... un coglione»! (da Mai dire GF e figli, 11 aprile 2006) [Riferendosi alla vittoria della sinistra alle elezioni del giorno prima, utilizzando l'epiteto con cui Silvio Berlusconi apostrofò gli elettori dello schieramento opposto]

Mago Forest foto
Mago Forest 18
comico, showman e conduttore televisivo italiano 1961

[... ] nell'analisi di Geremicca lo sforzo di riflessione porta ad individuare una serie di forze, di posizioni, tendenze, problemi di schieramento che danno un'immagine assai viva e stimolante della dialettica politico-sociale del mondo napoletano. Privilegiato ne appare soprattutto il tapporto fra gruppi dirigenti, intellettuali, elementi tecnici, centri di potere e di pressione, livelli istituzionali, da un lato, e le grandi masse, i grandi nuclei aggregativi riconoscibili a livello della coscienza e della realtà sociale, dall'altro lato. (dalla prefazione a Andrea Geremicca, Dentro la città, Guida Editori, Napoli 1977)

Giuseppe Galasso foto
Giuseppe Galasso 5
storico, giornalista e politico italiano 1929

Se così stanno in sostanza le cose, ecco l'interrogativo che si pone con forza: qual è nelle attuali circostanze la condizione del «cittadino democratico»? [... ] Il cittadino politicamente attivo ha ceduto [... ] alla figura del consumatore, il cui voto, la cui scelta tra gli schieramenti e il cui atteggiamento di fronte ai loro programmi si esprime nel dire «mi piace» o «non mi piace», «compro» o «non compro» sulla base, oltretutto, di una diffusa incapacità di comprendere quali siano gli ingredienti e gli effetti dei prodotti che gli vengono offerti (cap. XI, Il secondo sistema liberaldemocratico, pag. 63-65)

Massimo L. Salvadori 9
storico e politico italiano 1936

[Commentando la sentenza della Cassazione che autorizza l'interruzione delle cure per Eluana Englaro] La sentenza della Cassazione non sancisce la vittoria degli scienziati, né dei laici, né di qualche schieramento politico, ma dei cittadini e dei principi della Costituzione che ne tutelano la libertà. E una volta di più i giudici dimostrano la loro fedeltà alla Costituzione, e l'indipendenza intellettuale dalle pressioni ideologiche. Perché proprio dei diritti di tutti i cittadini alla libertà individuale stiamo parlando. Con "tutti" intendo credenti e non credenti.

Umberto Veronesi foto
Umberto Veronesi 105
medico, oncologo e politico italiano 1925

Da molti anni, vado riflettendo sul fatto che forse il vero bipolarismo (trasversale agli attuali schieramenti) è tra chi vuole una legge in più e chi una in meno, tra chi vuole un intervento dello stato in più e chi uno in meno, tra chi vuole un allargamento della sfera di decisione pubblica o collettiva e chi invece preferirebbe un irrobustimento della sfera di decisione individuale e privata. Personalmente, ritengo sempre più desiderabile la seconda opzione: vale per l'economia tanto quanto per le libertà personali. Da anni, un intellettuale coraggioso come Alain Finkielkraut ci spiega che una società libera non è un "accumulo di diritti

Daniele Capezzone foto
Daniele Capezzone 33
politico italiano 1972

La brutale quiete della Natura, la fervida astuzia dell'uomo, il più forte dei metalli terrestri, il più bizzarro degli elementi terrestri, l'invincibile ferro domato dal suo unico conquistatore, la ruota e il vomere, la spada e il maglio a vapore, lo schieramento degli eserciti e l'intero mito delle armi, tutte queste cose sono scritte, in modo assai schematico ma molto comprensibile, sul biglietto da visita del signor Smith. Eppure i nostri romanzieri chiamano i loro eroi "Aylmer Valence", che non ha alcun significato, o "Vernon Raymond", altrettanto privo di significato, quando potrebbero dar loro il sacro nome di Smith, nome che sa di ferro e fuoco. (p. 30)

Gilbert Keith Chesterton foto
Gilbert Keith Chesterton 276
scrittore, giornalista e aforista inglese 1874 – 1936

Io stesso, posso tranquillamente dirlo, ho proposto al presidente Monti in occasione di una mia visista a palazzo Chigi di essere lui il coordinatore, e quindi il candidato alla presidenza del consiglio di tutto lo schieramento moderato, e Monti, in maniera molto precisa, mi disse che questo non era suo intendimento. Quindi, se questa posizione che Monti mi appalesò, in un discorso molto serio e approfondito, cambiasse io dichiaro che per quanto mi riguarda non avrei nessuna intenzione a ritirare una mia candidatura eventuale alla presidenza del consiglio, potrei, se si crede, accettare anche di essere il coordinatore del ressemblement, potrei accettare di non essere niente di tutto questo e di dedicarmi soltanto al mio movimento politico [... ] (citato in Berlusconi: "Se Monti si candida faccio un passo indietro", Corriere. it, 12 dicembre 2012)

Silvio Berlusconi foto
Silvio Berlusconi 727
politico e imprenditore italiano 1936

Idee politiche dell'incazzato. Quasi impossibili da stabilire. La sua ideologia ringhia e saltella su un ring che comprende razzismo e paternalismo, estetica nazista e repulisti staliniani, buonsenso e guerriglia, non nominando mai i nemici per nome ma chiamandoli appunto "quelli là" o vaporizzandoli in un vortice di insulti. Il suo odio indistinto è rivolto verso ogni forma di vita amministrativa, sociale e animale (ad esempio i cassieri degli sportelli e i ragazzi che vanno in discoteca, i cani che sporcano per strada). Perciò è difficile attribuirlo a uno schieramento politico, anche se ha i suoi amori, che sono per lo più beceri televisivi, tiranni del passato e chiunque abbia usato il mitra in maniera seriale.

Stefano Benni foto
Stefano Benni 143
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano 1947

Ritengo che nessun reporter abbia mai dovuto fronteggiare le enormi difficoltà che i giornalisti incontrano oggi in Afghanistan. Nessuno, prima, aveva mai conosciuto il caos fuorilegge che impera nella regione. Dalla seconda guerra mondiale al Vietnam, i corrispondenti sul campo hanno sempre lavorato al riparo dei propri eserciti. Quando arrivavano in prima linea si sentivano sicuri perché protetti dalle truppe di casa loro. Ma in Afghanistan la prima linea non esiste neppure, così come non ci sono zone di guerra o schieramenti definiti di truppe. I corrispondenti sono costretti a muoversi individualmente. (da «Per i cronisti mai una guerra così pericolosa», Corriere della sera, 23 novembre 2001)

Walter Cronkite foto
Walter Cronkite 14
giornalista e personaggio televisivo statunitense 1916 – 2009

Mi occupo dei contenuti e non degli schieramenti.

Camillo Ruini foto
Camillo Ruini 11
arcivescovo cattolico e cardinale italiano 1931

Mostrando 1-16 frasi un totale di 45 frasi