Frasi su sofisma

Igor Sibaldi foto
Igor Sibaldi 45
traduttore, saggista e scrittore italiano 1957
„Sulla vita [... ] è un testo difficile, lento – e non soltanto per la complessità dell'argomento, ma proprio per la qualità, la tormentata qualità della sua prosa. Ampie parti di esso appaiono come territori paludosi, in cui si fatica a procedere, ci si impantana, e in cui càpita al lettore di vedersi scomparire del tutto la strada di sotto i piedi, per poi vederla riemergere soltanto qualche pagina dopo: con la spiacevole sensazione che ciò che riemerge sia un tratto già percorso, o magari che il tratto principale sia rimasto indietro chissà dove. Si va lenti, si aggrottano le sopracciglia, ci si ferma per fare il punto e si prosegue perplessi. Si stenta a credere che per un anno intero un Tolstòj entusiasta e nel pieno delle sue energie intellettuali, abbia lavorato intensamente ed esclusivamente a queste pagine, e vien quasi voglia di giustificare il tetro arcivescovo Nikanòr [... ]. È vero, di sofismi ce n'è eccome – anche se non quelli che molto probabilmente intendeva Nikanòr, il quale, da buon prete, doveva ritener sofistici tutti i riferimenti al Vangelo non fondati sull'interpretazione consueta, dogmatica, di esso. (da Introduzione, in Della vita, Oscar saggi Mondadori, Milano, 1991, pp. 11-12. ISBN 88-04-34731-7)“

James Boswell foto
James Boswell 6
scrittore, giurista e aforista scozzese 1740 – 1795
„Usciti dalla chiesa, ci intrattenemmo per qualche tempo a discorrere sull’ingegnoso sofisma del vescovo di Berkeley nel dimostrare che la materia non esiste, e che ogni cosa nell’universo è puramente ideale. Osservai che per quanto si fosse convinti della falsità di tale dottrina, era tuttavia impossibile confutarla. Non dimenticherò mai la prontezza con cui Johnson rispose, battendo il piede con tutta la sua forza su una grossa pietra, fino a farla risuonare: “La confuto così“


Turi Vasile foto
Turi Vasile 5
produttore cinematografico, regista e sceneggiatore italiano 1922 – 2009
„Ora mi pare che, novello Ulisse, l'uomo moderno si sia legato all'albero della nave e in più, con la cera, abbia murato i suoi orecchi e abbia perfino sigillato le sue palpebre per non vedere. Egli, così, si sente forte e sicuro; crede che se le bende cadessero si sentirebbe fragile, debole, in balìa di forze che non conosce perché estranee ai suoi perfezionati sofismi. Come Ulisse noi ci spingiamo per lo stretto angusto della nostra vita; mentre laggiù, sulle rive sterminate, la folla dei nostri angeli ci chiama disperatamente, si agita, si affanna, inascoltata. E a ognuno di noi che cade un urlo altissimo risponde, come se l'angelo fosse la nostra anima che va in giudizio, carica di errori e di colpe.“

Gianrico Carofiglio foto
Gianrico Carofiglio 67
magistrato, scrittore e politico italiano 1961
„Il sofisma è per definizione il discorso ingannevole basato sulla forza di suggestione del discorso retorico. Un nemico della verità.“

Joseph Joubert foto
Joseph Joubert 67
filosofo e aforista francese 1754 – 1824
„Il sofisma è un fantasma, un'apparenza di buon ragionamento e di ragione.“

Dante Alighieri foto
Dante Alighieri 242
poeta italiano autore della Divina Commedia 1265 – 1321
„O insensata cura de' mortali, | quanto son difettivi silogismi | quei che ti fanno in basso batter l'ali! | Chi dietro a iura e chi ad amforismi | sen giva, e chi seguendo sacerdozio, | e chi regnar per forza o per sofismi, | e chi rubare e chi civil negozio, | chi nel diletto de la carne involto | s'affaticava e chi si dava a l'ozio, | quando, da tutte queste cose sciolto, | con Bëatrice m'era suso in cielo | cotanto glorïosamente accolto. ()“

Marco Lodoli 25
scrittore e giornalista italiano 1956
„«Ridi ridi, che mamma ha fatto i gnocchi»: così, ancora oggi, ci si rivolge ai bambini invasi da una gioia tanto irrefrenabile quanto incomprensibile. L'unico motivo per spiegare quella felicità potrebbe essere un bel piatto di gnocchi, ergo - come dicevano i sillogisti in vena di sofismi - gli gnocchi sono il massimo bene possibile.“

Lucio Russo foto
Lucio Russo 1
fisico, filologo e storico della scienza italiano 1944
„[Noi italiani] Siamo stati i primi ad usare il termine teorema come sinonimo di "fandonia calunniosa dedotta con sofismi". (da La rivoluzione dimenticata, Feltrinelli, 2003)“


Gabriele D'annunzio foto
Gabriele D'annunzio 112
scrittore, poeta e drammaturgo italiano 1863 – 1938
„Il sofisma [... ] è in fondo ad ogni piacere e ad ogni dolore umano. Acuire e moltiplicare i sofismi equivale dunque ad acuire e moltiplicare il proprio piacere o il proprio dolore. Forse, la scienza della vita sta nell'oscurare la verità. La parola è una cosa profonda, in cui per l'uomo d'intelletto son nascoste inesauribili ricchezze. I Greci, artefici della parola, sono in fatti i più squisiti goditori dell'antichità. I sofismi fioriscono in maggior numero al secolo di Pericle, al secolo gaudioso. (padre di Andrea: cap. II, p. 42)“

Francesco Guccini foto
Francesco Guccini 241
cantautore italiano 1940
„Ognuno vive dentro ai suoi egoismi vestiti di sofismi ognuno costruisce il suo sistema di piccoli rancori irrazionali, di cosmi personali scordando che poi infine tutti avremo due metri di terreno... (da Canzone di notte n. 2)“

Achim von Arnim foto
Achim von Arnim 3
scrittore tedesco 1781 – 1831
„Il regno della ragione? Come potrà trionfare, se mai finora, in secoli ben più virtuosi, ha potuto affermarsi; se finora la ragione non è stata su questa terra che una straniera, una fuggitiva, di cui gli uomini hanno preso sempre pretesto per ingannarsi con la speculazione e coi sofismi, per rendere plausibili gli atti che le sono più opposti, e lasciar corso alle maggiori infamie! (p. 38)“

Vladimir Vladimirovič Nabokov foto
Vladimir Vladimirovič Nabokov 95
scrittore, saggista e critico letterario russo 1899 – 1977
„Ella non serbava memoria di suo padre; anche sua madre era morta, e il patrigno s'era risposato, cosicché il vago concetto di famiglia che quella coppia le suggeriva poteva paragonarsi al vecchio sofisma del coltello dal manico cambiato a cui viene cambiata la lama, benché certo lei non potesse aspettarsi di ritrovare e riunire le parti originali – o almeno questo aspetto dell'eternità.“


Alfredo Panzini foto
Alfredo Panzini 47
scrittore e critico letterario italiano 1863 – 1939
„Buridano (L'asino di). Âne de Buridan, è rimasto proverbiale per indicare lo stato di chi è incerto né sa risolvere fra due cose. Il motto, comune fra noi, è di conio francese e trae origine da un sofisma dello scolastico Giovanni Buridan di Béthune (Artois), fiorito nel sec. XIV e professore di filosofia in Parigi. Il sofisma è questo, cioè di un asino morente di fame perché sta tra due misure d'avena ugualmente da sé distanti, o morente di fame e di sete perché tra un fascio d'avena ed un secchio d'acqua non sa quale scegliere. Come questo sofisma si connetta all'antica questione del libero arbitrio non è qui il caso di vedere. Cfr. Dante, Paradiso, IV, I:
Intra due cibi, distanti e moventi
d'un modo, prima si morria di fame,
che liber l'uomo l'un recasse a' denti.“

Michel Onfray foto
Michel Onfray 61
filosofo francese 1959
„E poi, ultimo sofisma, poiché gli uomini sono uguali agli occhi di Dio, poco importa che sulla terra esistano differenze alla fin fine secondarie: uomo o donna? schiavo o proprietario? ricco o povero? Poco importa, dice la Chiesa – prendendo sistematicamente posizione nella storia a favore dei ricchi e dei possidenti... (p. 176)“

„L'ho letta, questa Vita di Tolstòj, là al santissimo sinodo; ma non l'ho finita. Quell'uomo è una mente, non c'è dubbio, è sottile, bravo nel destreggiarsi, perfino diremmo... profondo, certe volte. Ma comunque qua è tutto quanto un intrecciarsi di, sì, di autentici sofismi cuciti l'un con l'altro come con dei fili, diciamo... (dalla lettera a Grot del 13 maggio 1888)“

Tommaso Campanella foto
Tommaso Campanella 46
poeta, filosofo, teologo 1568 – 1639
„Io nacqui a debellar tre mali estremi; | tirannide, sofismi, ipocrisia […]. | Carestie, guerre, pesti, invidia, inganno, | ingiustizia, lussuria, accidia, segno | tutti a que' tre gran mali sottostanno | che nel cieco amor proprio, figlio degno | d'ignoranza, radice e fomento hanno. (da Delle radici de' gran mali del mondo)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 27 frasi