Frasi su statuetta

Sydney Pollack foto
Sydney Pollack 10
regista statunitense 1934 – 2008
„Se vincerò la statuetta, sarei anche disposto a restituirla, se qualcuno mi potesse dare indietro i nove mesi di vita che ho passato accanto a Dustin Hoffman per girare il film.“

Lorella Cuccarini foto
Lorella Cuccarini 8
conduttrice televisiva, ballerina e cantante italiana 1965
„«... anche Mickey Rourke non è quello che si dice un gentiluomo.»
«Molesto?»
«Cafone! Doveva premiarmi come "Personaggio dell'anno" ai Telegatti. Puzzava d'alcol e, in inglese, mi disse, porgendomi la statuetta: "Sai dove te lo metterei...?". Gliela volevo spaccare in testa.“


Fabio Volo foto
Fabio Volo 229
attore, scrittore e conduttore radiofonico italiano 1972
„Nella mia vita, quando ho avuto bisogno di sapere se il tempo sarebbe cambiato, solitamente mi rivolgevo a mia nonna. Non ha mai sbagliato un colpo. La sua frase era: "Mi fanno male le gambe, domani piove." E il giorno dopo pioveva. Da bambino avevo anche una statuetta della Madonna che cambiava colore in base al tempo, ma le gambe della nonna erano più infallibili della Madonna.“

Vittorio Messori foto
Vittorio Messori 35
giornalista e scrittore italiano 1941
„Con chi potrai confidarti, a chi potrai rivolgerti per attenuare un poco l'angoscia e la solitudine? [... ] Ti rivolgerai allora al politico, al sindacalista, al sociologo? Ma tutti questi signori hanno da smerciare teorie e strategie solo per i forti, i sani, i giovani. Il vecchio e la sua prospettiva di morte sono doppiamente tabù perché mettono in crisi sia il loro potere che il loro profondo: che ne sarà della loro autorità e delle loro parole quando essi stessi non saranno che degli ex?
Pensa a uno dei nuovi, veri potenti delle società occidentali: il boss sindacale, almeno in certe versioni italiane contemporanee; non, è chiaro, in quelle coraggiose e benefiche di epoche passate, o anche di oggi in molti Paesi, magari in quelli dove – stando alle teorie – i sindacalisti non sarebbero più necessari perché i lavoratori stessi avrebbero già il potere... Qualcuno, qui, rischierà più che mai lo scandalo: di sindacati e sindacalisti – impone un dogma riverito – non si può parlare se non bene, anzi benissimo. Qui bisognerebbe sempre parlare in termini di nobili, disinteressati paladini dell'ideale, di cavalieri senza macchia e senza paura dell'Umanità. Ma io me la rido di quelli che infrangono le statuette dei vecchi santi per costruirsene altre nuove. Rifiuto di considerare categorie o persone non caso per caso, in base all'oggettività ma in base a pregiudizi, favorevoli o sfavorevoli che siano. Non riconosco come sacra alcuna istituzione umana: se voglio il "Sacro" so dove andarlo a cercare; preferisco l'originale, non le imitazioni. (Cap. II, Anni alla vita e non vita agli anni)“

Gary Oldman foto
Gary Oldman 14
attore britannico 1958
„[... ] Un giorno però vorrei stringerla, quella dannata statuetta.“

Antonio Albanese foto
Antonio Albanese 86
attore, comico e cabarettista italiano 1964
„Nella grotta, tra oro incenso e mirra, in un giaciglio di paglia, se ne stava luminosa e sorridente, con le braccine aperte in segno di pace universale, la rubiconda statuetta di Zeman.“

Ving Rhames foto
Ving Rhames 6
attore e produttore cinematografico statunitense 1959
„[Invitato Jack Lemmon sul palcoscenico, dopo aver vinto il Golden Globe 1997, regalandogli la statuetta appena vinta] Se la merita lui, come artista ha dato molto più di me al mondo.“

 Mina foto
Mina 197
pagina di disambiguazione di un progetto Wikimedia 1940
„Vivremo in un mondo di statuette di Capodimonte. Tutte ugualmente lucide, uniformi, con proporzioni e sproporzioni ripetute in serie. La chirurgia estetica e i suoi miracoli sono a disposizione per far diventare tutti un po' più uguali tra loro. Il suo potere supera, oggi, quello della moda d'abbigliamento, del conformismo espressivo, del gusto spersonalizzato. Bambini, cani, vecchie carampane, uomini ipodotati, uomini normo o iper con qualche «ma» distante dalla regione pubica, donne giovani quasi belle o quasi brutte, polpacci, ginocchia, occhi a mandorla fisiologici o patologici, genitori premurosi, figli pretenziosi, spiccioli di intelligenza, maree di ignoranza e invidia. Un bell'insieme di mondo in viaggio verso la minuta speranza di cambiare i connotati attraverso cicatrici invisibili. Le statuette diventano tutte pronte e perfettamente omologate per essere piazzate in classiche composizioni come presepi, scene campestri, festine da ballo, botteghe del pizzicagnolo, studi televisivi, concorsi di bellezza, cartoline di vacanze al mare, consessi multietnici. (da L'officina dei figli statuine, La Stampa, 28 giugno 2009)“


 Fiorello foto
Fiorello 40
showman, imitatore e conduttore radiofonico italiano 1960
„Lo Smemorato di Cologno (Fiorello): In questo momento sto passando davanti ad una casa con un giardino. Baldini, ci siamo! Devo essere uno molto famoso!
Baldini: E cos'è che glielo fa pensare, scusi?
Lo Smemorato di Cologno (Fiorello): Perché nel giardino di questa casa ci sono sette, dico sette, statue a grandezza naturale che mi raffigurano. [È un'allusione alle statuette dei sette nani che tipicamente vengono messe nelle aiuole a scopo decorativo].“

Francesco Mastriani 45
scrittore italiano 1819 – 1891
„Sotto questa statuetta erano ragunate le gallinelle della chioccia Zi-Tanella le quali come prima ebbero veduta la Marcellina appropinquarsi a loro, molto si ammirarono che sopraggiungesse un'altra accattoncella. Quelle tristi avevano dato alla Marcellina il sorannome di "janarella" per la gran copia di capelli avviluppati c'ella si avea. Come rimanesse impietrita la povera Marcellina alla vista di quella cattiveria di fanciulle, non è uopo che si dica. Rincatucciata in un angolo, la miserella guatava balordamente a quelle frequenti e disguntevoli scente e non si sentiva il cuore di cacciarsi in quelle batoste. E quelle cattive, veggendo l'aria sparuta e sciocca della "janarella", sghignavanla per piacere di vederla così afflitta e miserina e ben sapendo come a sera non le sarebbe toccato né pure un minuzzolo di pane. (Parte prima, VII, p. 257)“