Frasi su strampalato

Oggi mi sorprendo a pensare che il nostro lungo viaggio abbia solo sfregiato con una linea di fango la magnifica, enorme terra che per noi era solo un insieme di cartine con le orecchie, guide strampalate, pneumatici consunti e i suoi singhiozzi nella notte – ogni notte. – appena io fingevo il sonno.

Vladimir Vladimirovič Nabokov foto
Vladimir Vladimirovič Nabokov 95
scrittore, saggista e critico letterario russo 1899 – 1977

È questo il guaio dei miracoli: per liquidarli bisogna fare ricorso a teorie talmente strampalate da risultare meno plausibili dei miracoli stessi. (p. 112)

Louis de Wohl 33
scrittore e astrologo ungherese 1903 – 1961

[A proposito di Krist Novoselic] Andavi ad una festa e la gente diceva: 'Ciao, Novie'. Tutti lo conoscevano come il grosso tipo strampalato, perché lui faceva sempre cose strambe. Tutti pensavano che fosse semplicemente un po' strano: andava alle feste e non stava fermo un attimo. (citato in Michael Azerrad, Nirvana – Vieni come sei, Arcana Editrice, 1994)

Matt Lukin foto
Matt Lukin 1
bassista statunitense 1964

Ma io mi sento come Vil Coyote | che cade ma non molla mai | che fa progetti strampalati e troppo complicati | e quel Bip Bip lui non lo prenderà mai. | Ma siamo tutti come Vil Coyote | Che ci ficchiamo sempre nei guai | Ci può cadere il mondo addosso, finire sotto un masso | Ma noi non ci arrenderemo mai. (da Vil Coyote, n.° 7)

Eugenio Finardi foto
Eugenio Finardi 14
cantautore italiano 1952

Ho ricevuto un'educazione liberale crescendo sulla West Coast e forse è per questo motivo che l'idea degli universi paralleli non mi sembra così strampalata.

Joshua Carter Jackson foto
Joshua Carter Jackson 8
attore canadese 1978

Fai qualcosa. Se non funziona, fai qualcos'altro. Nessuna idea è troppo strampalata. (quotidiano The New York Times)

Jim Hightower foto
Jim Hightower 3
politico 1943

Una risata è la risposta più saggia, la più facile a tutto quello che è strampalato; e accada quel che deve accadere, rimane sempre una consolazione. (libro Moby Dick)

Herman Melville foto
Herman Melville 80
scrittore statunitense 1819 – 1891

I guai della Chiesa sono derivati da quanto hanno detto e fatto, dopo il Concilio, parecchie persone [... ]. Da questo punto di vista, il più pericoloso dei teologi non è Hans Kung, perché sostiene tesi così strampalate che nessuno (o quasi nessuno) gli crede. Il più pericoloso è il gesuita Karl Rahner, il quale scrive benissimo ed ha l'aria di essere ortodosso, ma ha sempre sostenuto che occorre una "nuova teologia". Una teologia cioè che metta da parte Gesù e che vada bene per il nostro secolo.

Giuseppe Siri foto
Giuseppe Siri 8
arcivescovo cattolico e cardinale italiano 1906 – 1989

Sembra un po' strano che stanno facendo sia nomi che sono tutti plausibili, diciamo tutti più accettabili – no? La Bonino, Amato e così via – e stanno anche facendo nomi più strampalati come Gino Strada, figura ridicola che nel 1944 avrebbe curato gli SS – così possono ritornare ed ammazzare gente – come lui ha curato i talebani, così possono ritornare e uccidere gente. [... ] Obama è un grande fautore della pace eccetera, e anche dei droni. Lui pensa che la maniera di curare qualcuno di al Qaida è di mandargli un missile da un drone, mentre Gino Strada con me ha detto in televisione che avrebbe curato gli SS, se era in tempo di guerra, perché Emergency non fa differenze. Quindi tu curi le SS, lui esce e uccide altre trenta persone. Questo falso umanesimo, che è semplicemente irresponsabile.

Edward Luttwak foto
Edward Luttwak 10
economista e saggista rumeno 1942

Il giudice di ultima istanza è il pubblico; e il pubblico legge sempre meno. Il numero totale di copie vendute cala. In Italia, rispetto agli altri paesi, leggiamo poco. La stampa è in crisi. Le promozioni, a volte intelligenti, a volte strampalate, tentano invano di mettere un argine. (da Quotidiani. La soppressione delle notizie, L'espresso, n. 34, 1996)

Piero Ottone 7
giornalista italiano 1924

Per la città vagava una luna senza dimora. Io andavo con lei cullando in cuor mio sogni impossibili e canzoni strampalate. (dal racconto Pan Apolek)

Isaak Emmanuilovič Babel foto
Isaak Emmanuilovič Babel 8
scrittore, drammaturgo, giornalista 1894 – 1940

Tutto mi separa da Filippo Facci. Non ho mai condiviso (per usare un eufemismo) le sue prese di posizione, le sue teorie strampalate sui magistrati e sull'inchiesta Mani Pulite che tanto sono servite a Silvio Berlusconi per scatenare e alimentare la guerra totale alla giustizia. Quando Facci era craxiano io andavo a caccia delle malefatte del Psi, quando poi da L'Avanti è passato a Mediaset e al Il Giornale, io tentavo di spiegare perché in Italia il regime mediatico stesse avanzando a colpi di manganello televisivo. (da Il peggio del paese, 1 ottobre 2007)

Peter Gomez foto
Peter Gomez 6
giornalista e scrittore italiano 1963