Frasi su toilette

Antoine de Saint-Exupéry foto
Antoine de Saint-Exupéry 57
scrittore e aviatore francese 1900 – 1944
„Il piccolo principe assisteva allo schiudersi di un enorme bocciolo e sentiva che ne sarebbe venuta un'apparizione miracolosa, ma la corolla indugiava, e si faceva bella, chiusa nella sua camera verde. Con cura sceglieva i colori. Si vestiva piano, accomodando i petali a uno a uno. Non voleva uscire tutta stropicciata come fanno i papaveri. Voleva mostrarsi solo nel pieno fulgore della propria bellezza. Eh, sì! Era molto vanitosa. La sua segreta toilette era durata giorni e giorni. Ed ecco che una mattina, con il sorgere del sole, era apparsa una rosa. (cap. VIII, pp. 39-40)“

Antoine de Saint-Exupéry foto
Antoine de Saint-Exupéry 57
scrittore e aviatore francese 1900 – 1944
„Al mattino, finita la toilette, bisogna occuparsi della toilette del pianeta. (Piccolo principe: cap. V, p. 28)“


Peter Altenberg foto
Peter Altenberg 23
scrittore, poeta e aforista austriaco 1859 – 1919
„Sii quello che sei, non essere mai quello che gli altri esigono proditoriamente da te! Poiché essi non esigono altro da te se non la impudica toilette delle loro vanità, soltanto per non sentirsi ridicoli davanti a te! Ti impongono di sottometterti a loro, come a Hugo Wolf è stato imposto di sottomettersi a Franz Lehàr! Non fatelo!, scendete nelle vostre tombe coi vostri logori vestiti. E ridete delle loro risate! (p. 341)“

Michele Serra foto
Michele Serra 64
giornalista, scrittore e autore televisivo italiano 1954
„A Venezia per i vostri bisogni servitevi delle toilette pubbliche. Ce ne sono ben due: una a Mestre e una sull'autostrada per Padova, dove, tra l'altro, potrete ammirare il fenomeno dell'acqua alta in pieno autogrill. (citato in [https://web. archive. org/web/20160101000000/http://archiviostorico. corriere. it/2002/agosto/25/FORMICHE_GIRO_PER_MONDO_co_0_0208258285. shtml Corriere della sera], 25 agosto 2002)“

Enrico Nencioni foto
Enrico Nencioni 1
poeta, critico letterario e traduttore italiano 1837 – 1896
„[... ] la personificazione dell'umorismo... Fantasia di una incomparabile ricchezza ed esuberanza, egli scherza con gli astri e coi fiori, piange sui sepolcri delle nazioni e sopra un rosignolo accecato, sogna sogni tremendi in cui Cristo annunzia ai morti che non c'è Dio, e descrive la toilette di una fiorista che si sposa.“

Carlo Giovanardi foto
Carlo Giovanardi 20
politico italiano 1950
„Come ben sanno tutte le persone in buona fede, in Italia e all'estero, l'esplosione del dc9 dell'Itavia ad Ustica venne provocato da una bomba collocata nella toilette di bordo, così come certificato da tutta la letteratura scientifica esistente. Con sprezzo del ridicolo - prosegue Giovanardi - il sindaco di Bologna nega si sia trattato di un atto di terrorismo ma continua a fantasticare di scenari di guerra ed intrighi internazionali aumentando così la confusione, non volendo accettare la realtà dei fatti, con l'aggravante del troppo tempo perso per identificare i mandanti e gli esecutori della strage dovuta a una bomba collocata sull'aeromobile durante lo stazionamento sulla pista all'aeroporto di Bologna.“

William Peter Blatty foto
William Peter Blatty 7
scrittore, sceneggiatore e regista statunitense 1928
„Blad-dy? Ma questo non è un nome... è una toilette! (p. 80)“

Anna Kurnikova foto
Anna Kurnikova 5
tennista e modella russa 1981
„Senza il tennis mi ritroverei forse a pulire qualche toilette in Russia.“


Gian Francesco Giudice foto
Gian Francesco Giudice 11
fisico italiano 1961
„Il bosone di Higgs è una sorta di toilette dell'edificio del Modello Standard: sebbene sia indispensabile, non è qualcosa che vorreste mostrare con orgoglio ai vostri ospiti.“

„I ragazzi grandi non piangono: se vogliono farlo devono almeno chiudersi nella toilette perché nessuno li veda. Questa è la Nba: non c'è posto per i bambini.“

Leonid Nikolaevič Andreev foto
Leonid Nikolaevič Andreev 3
scrittore e drammaturgo russo 1871 – 1919
„—- Una sola volta mi sono inorgoglito del genere umano, e fu... nel gabinetto di toilette del piroscopo "Atlantic"
—- Nel gabinetto...? Oh! E come accadde? Fu certo durante una burrasca e foste sorpreso che il genere umano, il quale...
—- No, non mi accadde nulla di speciale. Fui meravigliato che il genere umano fosse riuscito a provvedere ad una cosa così prosaica e ripugnante necessità, facendo del gabinetto un palazzo! (p. 39-40)“

Art Hodes foto
Art Hodes 1
1904 – 1993
„[Riferito a Bessie Smith] Ecco, si fa un grande silenzio. Si sente solo il suono di un pianoforte. È un Blues. Mi sento teso. Mi chiedo: che aspetto avrà? Io non l'ho mai vista prima d'ora. Poi sento la sua voce e, accidenti, capisco che questa è la mia grande giornata. Sto ascoltando quanto c'è di meglio e per giunta la vedo. Risplendente è la parola, l'unica che possa descriverla. Non è bella, naturalmente, ma per me lo è. Una bianca, scintillante toilette, un gran donnone: domina completamente il palcoscenico e l'intero uditorio quando canta Yellow Dog Blues. Non si può spiegare a parole il suo canto, la sua voce. Essa non ha bisogno di un microfono, non lo usa. Non sono però sicuro che quei meledetti cosi fossero già in circolazione, quell'anno. Tutti la sentono bene, Questa donna canta con tutto il cuore. Non mi lascia distrarre per un istante. Mentre canta, cammina lentamente per il palcoscenico. La testa è leggermente inclinata. Da dove mi trovo, non riesco a capire se ha gli occhi chiusi o aperti. Avanti, un numero dopo l'altro, sempre lo stesso, una grande interpretazione, un applauso assordante. Non vorremmo che finisse mai. (in Jazz Record, Chicago, settembre 1947)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 125 frasi