Alda Merini frase #350323

Alda Merini foto
Alda Merini 294
poetessa italiana 1931 – 2009
„Ogni alba ha i suoi dubbi.“

Frasi di Alda Merini

Alda Merini foto

294   14

Alda Merini

Data di nascita: 21. Marzo 1931
Data di morte: 1. Novembre 2009

Alda Merini è stata una poetessa, aforista e scrittrice italiana.

Frasi Alda Merini


„E se diventi farfalla nessuno pensa più a ciò che è stato quando strisciavi per terra e non volevi le ali.“

„Le persone capitano per caso nella nostra vita, ma non a caso. Spesso ci riempiono la vita di insegnamenti. A volte ci fanno volare in alto, altre ci schiantano a terra insegnandoci il dolore... donandoci tutto, portandosi via il tutto, lasciandoci niente...“


„Eravamo praticamente le ombre dei gironi danteschi, condannati ad una espiazione ignominiosa che però, a differenza dei peccatori di Dante, non aveva dietro sé colpa alcuna.“ libro L'altra verità

„Ogni alba ha i suoi dubbi.“ libro Se gli angeli sono inquieti

„E noi tutti di te ripensavamo | cose profonde e più miracolosa | che una vetta di sogno la tua dolce | cara presenza ci scioglieva i nodi | dentro il sangue del male e sollevava | la nostr'aria nel palpito felice | dei tuoi biondi finissimi capelli.“ Donna al pianoforte

„Per cadenzare armonico il mio passo | sopra la sabbia, vale ch'io risorga.“ Resurrezione di Cristo

„Sono assetata del primo sangue | della rima sofferta, | verginità di lettere di amore | e di mostruosi impatti col demonio.“

„Così io, ombra delicata e fiori | di velo ricoperti | tra marmi antichi e divorate chiome | svolgo il mio passo acceso alle veggenti | distese d'erba e anche al tuo passato.“ Psyche a Pan


„Quando sarò bassorilievo al tempo | della Tua eternità, non avrò fronti | contro cui capovolgere la faccia.“ La fuga

„Ma io tremo | di generare cosa che mi atterri.“ Mani vergini occorre possedere

„Ricordami il pensiero della vita | tu che ti sei calato nelle pietre | credendole il mio fango musicale.“ Anima, solamente la parola

„Fosti l'arcata audace | che mi posò dal ponte alla pianura | e la duna vorace | che spaventò l'invereconda luna.“ Tu ti ricordi amico


„Bacio che sopporti il peso | della mia anima breve | in te il mondo del mio discorso | diventa suono e paura.“ da Clinica dell'abbandono, Einaudi

„L'altro, il tiranno delle tue lenzuola, | ti strappa fuori da ogni movimento | e precipita cupo nel ricordo.“ Sul tavolo imbronciato di bellezza

„Io scenderò sotterra desolata | di non sapere ancora equilibrare | la tua giusta bellezza alla sua luce.“ L'alte purezze che io non delibo

„Ma non so quale leggerezza imbeve | logicamente adesso la natura | del mio corpo rinato.“ Cristo portacroce

Autori simili