Frasi di Andrzej Sapkowski

Andrzej Sapkowski photo
90   85

Andrzej Sapkowski

Data di nascita: 21. Giugno 1948

Andrzej Sapkowski è uno scrittore polacco.

È famoso principalmente per la serie di racconti fantasy con protagonista lo strigo Geralt di Rivia, da cui è stata tratta una serie di videogiochi iniziata con The Witcher nel 2007.

Lavori

La torre della rondine
La torre della rondine
Andrzej Sapkowski
Il sangue degli elfi
Il sangue degli elfi
Andrzej Sapkowski
Il battesimo del fuoco
Il battesimo del fuoco
Andrzej Sapkowski
La spada del destino
La spada del destino
Andrzej Sapkowski
Il tempo della guerra
Il tempo della guerra
Andrzej Sapkowski

Frasi Andrzej Sapkowski

„Meglio morire che vivere con la consapevolezza di aver fatto qualcosa che ha bisogno del perdono altrui.“

—  Andrzej Sapkowski, libro Il sangue degli elfi

Yarpen Zigrin, cap. 4
Il sangue degli elfi
Variante: «Meglio morire che vivere con la consapevolezza di aver fatto qualcosa che ha bisogno del perdono altrui.»

„Yurga: Non siete voi che dovete ringraziare, signore, ma io. Siete stato voi a salvarmi la vita, a ridurvi così per difendermi. E io? Io che cosa ho fatto? Ho medicato un uomo ferito e privo di sensi, l'ho caricato sul carro, non l'ho lasciato crepare? È una cosa normale, signor strigo.
Geralt: Non poi così normale, Yurga. Sono già stato abbandonato… in simili situazioni… come un cane…
Yurga: Eh, sì, viviamo in un mondo schifoso. Ma non è una buona ragione perché facciamo tutti gli schifosi. Abbiamo bisogno del bene. A me lo ha insegnato mio padre e io lo insegno ai miei figli.“

—  Andrzej Sapkowski

Miecz przeznaczenia
Variante: «Signore, avete tutta la coscia gonfia. E la febbre vi consuma...»
«Vada a farsi fottere la febbre. Yurga?»
«Sì, signore?»
«Ho dimenticato di ringraziarti...»
«Non siete voi che dovete ringraziare, signore, ma io. Siete stato voi a salvarmi la vita, a ridurvi così per difendermi. E io? Io che cosa ho fatto? Ho medicato un uomo ferito e privo di sensi, l'ho caricato sul carro, non l'ho lasciato crepare? È una cosa normale, signor strigo.»
«Non poi così normale, Yurga. Sono già stato abbandonato... in simili situazioni... come un cane...»
Il mercante, la testa bassa, rimase in silenzio. «Eh, sì, viviamo in un mondo schifoso. Ma non è una buona ragione perché facciamo tutti gli schifosi. Abbiamo bisogno del bene. A me lo ha insegnato mio padre e io lo insegno ai miei figli.»

„"Invece di rubare il grano, potreste comprarlo. Quanto ve ne occorre? Avete ancora una gran quantità di cose considerate straordinariamente preziose dagli uomini. Potreste commerciare."
Filavandrel fece un sorriso sprezzante. "Con voi? Mai."
Geralt contrasse il viso in una smorfia, facendo screpolare il sangue rappreso sulla guancia. "Che il diavolo vi porti insieme con la vostra arroganza e col vostro disprezzo. Non volendo convivere, vi condannate da soli allo sterminio. Convivere, accordarsi, è la vostra unica possibilità."
Filavandrel si curvò in avanti, i suoi occhi brillarono. "Convivere alle vostre condizioni?" chiese con voce mutata, ma sempre calma. "Riconoscendo il vostro dominio? Perdendo la nostra identità? Convivere in qualità di cosa? Di schiavi? Di paria? Convivere con voi al di là dei muri con cui proteggete da noi le vostre città? Convivere con le vostre donne, e per questo salire al patibolo? Oppure guardare che cosa succede a ogni pie sospinto ai bambini risultato di una simile convivenza? Perché eviti il mio sguardo, strano umano? Come convivi col tuo prossimo, da cui sei comunque un po' diverso?"
Lo strigo lo guardò dritto negli occhi. "Me la cavo. In qualche modo me la cavo. Perché devo. Perché non ho altra via d'uscita. Perché in qualche modo ho sopraffatto dentro di me la superbia e l'orgoglio per la mia diversità, perché ho capito che la superbia e l'orgoglio, sebbene siano un'arma contro la diversità, sono un'arma miserevole. Perché ho capito che il sole brilla in maniera diversa, perché qualcosa cambia e io non sono l'asse di questi cambiamenti. Il sole brilla in maniera diversa e continuerà a brillare, non serve a niente bersagliarlo di pietre. Bisogna accettare i fatti, elfo, bisogna imparare a farlo."“

—  Andrzej Sapkowski, libro Il guardiano degli innocenti

Il guardiano degli innocenti

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating

Autori simili

Zygmunt Bauman photo
Zygmunt Bauman63
sociologo e filosofo polacco
Stanisław Jerzy Lec photo
Stanisław Jerzy Lec173
scrittore, poeta e aforista polacco
Rosa Luxemburg photo
Rosa Luxemburg5
politica, teorica del Socialismo rivoluzionario, tedesca di…
Wisława Szymborska photo
Wisława Szymborska44
poetessa e saggista polacca
Massimiliano Maria Kolbe photo
Massimiliano Maria Kolbe12
sacerdote, religioso e santo polacco
Georges Charpak photo
Georges Charpak2
fisico polacco
Isaac Bashevis Singer photo
Isaac Bashevis Singer67
scrittore polacco
Faustina Kowalska photo
Faustina Kowalska7
religiosa e santa polacca
Paulo Coelho photo
Paulo Coelho248
scrittore brasiliano
João Guimarães Rosa photo
João Guimarães Rosa26
scrittore brasiliano
Anniversari di oggi
Vladimir Vladimirovič Majakovskij photo
Vladimir Vladimirovič Majakovskij29
poeta e drammaturgo sovietico 1893 - 1930
Robert Anson Heinlein photo
Robert Anson Heinlein151
autore di fantascienza statunitense 1907 - 1988
Elisabetta d'Ungheria photo
Elisabetta d'Ungheria1
nobile 1207 - 1231
Arthur Conan Doyle photo
Arthur Conan Doyle75
poeta, scrittore, medico 1859 - 1930
Altri 75 anniversari oggi
Autori simili
Zygmunt Bauman photo
Zygmunt Bauman63
sociologo e filosofo polacco
Stanisław Jerzy Lec photo
Stanisław Jerzy Lec173
scrittore, poeta e aforista polacco
Rosa Luxemburg photo
Rosa Luxemburg5
politica, teorica del Socialismo rivoluzionario, tedesca di…
Wisława Szymborska photo
Wisława Szymborska44
poetessa e saggista polacca
Massimiliano Maria Kolbe photo
Massimiliano Maria Kolbe12
sacerdote, religioso e santo polacco
x