Frasi di Francesco de Sanctis pagina 2

Francesco de Sanctis foto

54   2

Francesco de Sanctis

Data di nascita: 28. Marzo 1817
Data di morte: 29. Dicembre 1883

Francesco Saverio De Sanctis è stato uno scrittore, critico letterario, politico, Ministro della Pubblica Istruzione e filosofo italiano.

Fu tra i maggiori critici e storici della letteratura italiana nel XIX secolo.


„Materia dell'arte non è il bello o il nobile, tutto è materia d'arte: tutto ciò che è vivo: solo il morto è fuori dell'arte.“ libro Saggi critici

„Nell’anima del fanciullo c’è sempre qualcosa che ride.“


„Alle sottigliezze, ai cavilli, alle famose cento e una prova, al linguaggio scolastico-legale vi odori sotto un avvocato dell'antica scuola.“

„Il gusto è il genio del critico.“

„Catone non poteva vivere, che uomo libero, e quando la libertà morì, morì Catone.“ p. 35

„Gli artisti sono grandi maghi che rendono gli oggetti laggieri come ombre, e se li appropriano, e li fanno creature della loro immaginazione e della loro impressione.“ p. 162

„La storia dell'umanità è un continuo realizzarsi degl'ideali umani, e questo è il progresso.“ p. 155

„Cosa è Avellino innanzi all'Italia? È il paese di De Concilis.“ da Un viaggio elettorale


„[Papa Pio IX] Natura indimenticabile e placabile, aveva una elasticità di fibra che non lo faceva lungamente dimostrate nella tetraggine della vita e riconduceva presto nel suo spirito il buon umore. I solchi che sogliono fare le passioni e le sventure, erano in lui presto risanati. Indi quella sua aria amabile e giovanile, indizio di vite lunghe e prosperose, sulle quali le passioni strisciavano, non penetravano.“ da Scritti politici, Napoli, 1924

„Avellino è quasi casa mia, colà mi sento come in famiglia, e non ci vogliono cerimonie.“ da Un viaggio elettorale

„Quando i tempi nuovi compariscono in un lontano orizzonte, la prima forma che li preannunzia, è l'ironia. Che cos'è l'ironia? È il sentimento della realtà, che si mette dirimpetto quel mondo già tanto venerato, e ride.“ da L'arte, la scienza, la vita

„Quando si farà qualche passo nella via della libertà e dell'uguaglianza, qualche progresso nella via dell'emancipazione religiosa, qualche cammino nella via dell'educazione nazionale, certo voi, nella vostra giustizia, guarderete lì in fondo, e vedrete l'uomo che aveva levato qualla bandiera, lo ricorderete con rispetto, e direte: «Ecco il precursore!» Questo è il vero carattere, questa è la vera importanza e la vera gloria di Mazzini.“ citato in Guida alla lettura, in Pensiero e azione nel Risorgimento, EDIPEM, Novara 1974.


„[Guglielmo Pepe] Quando tu l'incontravi quante rimembranze! Portava appresso le ombre di Pagano e di Cirillo; e di Rossaroll e di Giuseppe Poerio e Alessandro Poerio: vedevi in lui tutta la nostra storia. Ohimé questa storia non è ancora finita. L'uomo della Maddalena, l'uomo di Monforte, l'uomo di Venezia ha vissuto indarno settantadue anni; ha veduto il Piemonte, ma non ha veduto ancora l'Italia.“ citato in Elena Croce, La patria napoletana, Mondadori

„Il suicidio fu l'ultima virtù degli antichi. Nel pieno disfacimento d'ogni principio morale e di ogni credenza, essi formarono sotto il nome di stoicismo una filosofia della morte: non sapendo più vivere eroicamente, vollero saper morire da eroi.“ p. 35

„La semplicità è la forma della vera grandezza, di una grandezza inconscia e divenuta natura.“ cap. XX, 1

„[Sulla poesia di Rinaldo d'Aquino] Sentimenti gentili e affettuosi sono qui espressi in lingua schietta e di un pretto stampo italiano, con semplicità e verità di stile, con melodia soave.“ Feltrinelli, 1956

Autori simili