„[Michelangelo Merisi da Caravaggio]... invaghiti [molti] dalla sua maniera l'abbracciavano volentieri, poiché senz'altro studio e fatica si facilitavano la via al copiare il naturale, seguitando li corpi vulgari e senza bellezza. Così sottoposta dal Caravaggio la maestà dell'arte, ciascuno si prese licenza, e ne seguì il dispregio delle cose belle, tolta ogni autorità all'antico e a Rafaelle, dove per la commodità de' modelli e di condurre una testa dal naturale, lasciando costoro l'uso dell'istorie, che sono proprie de' pittori, si diedero alle mezze figure, che avanti erano poco in uso. Allora cominciò l'imitazione delle cose vili, ricercandosi le sozzure e le deformità, come sogliono fare alcuni ansiosamente: se essi hanno a dipingere un'armatura, eleggono la più rugginosa, se un vaso, non lo fanno intiero, ma sboccato e rotto. Sono gli abiti loro calze, brache e berrettoni, e così nell'imitare li corpi, si fermano con tutto lo studio sopra le rughe e i difetti della pelle e dintorni, formano le dita nodose, le membra alterate da morbi.“

— Giovanni Pietro Bellori, da Le vite de' pittori, scultori et architetti moderni, parte prima, pp. 212-213

Pubblicità

Citazioni simili

Victor Schoelcher photo
Vincent Van Gogh photo
Pubblicità
Laura Morante photo
Carlo Rubbia photo
Martín Lutero photo
Renato Guttuso photo
Albert Einstein photo
Yamamoto Tsunetomo photo
Pubblicità
Maurits Cornelis Escher photo
José Saramago photo
Immanuel Kant photo
Bassi Maestro photo
Pubblicità
 Fedez photo
Gabriel García Márquez photo
Fabri Fibra photo
Ermes Ronchi photo
Avanti