„Tutte queste luci... tutte queste voci... tutti questi amici... Tu dove sei?“

—  Luciano Ligabue, da Un colpo all'anima, n. 8
Argomenti
colpo
Luciano Ligabue photo
Luciano Ligabue341
cantautore italiano 1960
Pubblicità

Citazioni simili

Hans Urs Von Balthasar photo
Luciano Ligabue photo
Pubblicità
Ion Ţiriac photo
Federigo Verdinois photo
Giorgio Faletti photo
Tiziano Ferro photo
Franco Battiato photo
Pubblicità
Raffaele La Capria photo

„Caro babbo, lo sai che per me tu eri l'esempio vivente di tutte le perfezioni? Il tuo naso era perfetto, le tue orecchie erano perfette, la forma della tua testa era perfetta, la scriminatura che divideva da una parte i tuoi pochi capelli era perfetta, e tu, mi ricordavi per tutte queste perfezioni che ti attribuivo, un attore, di quel cinema anni Trenta che cominciò a sfornare una serie di divi a cui tutti avremmo voluto assomigliare. C'era solo una piccola cosa in te che non era perfetta: l'unghia dell'indice della tua mano sinistra era leggermente deformata, era un po' più spessa delle altre e incarnita. Normalmente non si notava, ma i bambini hanno un occhio speciale per notare anche la più lieve imperfezione, e io l'avevo notata e ti avevo domandato come mai quell'unghia era diversa dalle altre. Tu mi dicesti che quando eri piccolo un colpo di martello sbagliato ti aveva spappolato la punta del dito e che l'unghia rimarginandosi era diventata così. Io pensai solo al dolore che dovevi aver provato e poi pensai che le unghie delle altre tue dita erano tutte belle tonde e talmente curate che sembravano appena uscite dalla manicure. Più tardi, quando non ero più un bambino ma un adolescente che cominciava a toccarsi facendo fantasie, non so perché una volta mi sorpresi a pensare che forse la storia del colpo di martello non era vera e che quel dito poteva essere difettoso dalla nascita. Perché lo pensai? Forse perché oscuramente sentivo di aver ereditato da te un'imperfezione che non riguardava solo il mio corpo, ma una parte esigente di me che non avevo ancora bene individuata.“

—  Raffaele La Capria scrittore italiano 1922
da Lettera al padre, pp. 79-80

Gustave Flaubert photo
Björn Borg photo
Hannah Arendt photo
Pubblicità
Antonio Gramsci photo
Filippo Facci photo
Lev Nikolajevič Tolstoj photo
Avanti