Frasi su bollettino


Marco Aurelio foto
Marco Aurelio 71
imperatore romano 121 – 180
„Tu puoi, ogni volta che lo desideri, ritirarti in te stesso. Nessun ritiro è più tranquillo né meno disturbato per l'uomo che quello che trova nella sua anima.
<br“

Armando Diaz foto
Armando Diaz 4
generale italiano 1861 – 1928
„[Dopo la battaglia di Vittorio Veneto] I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo, risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano disceso con orgogliosa sicurezza. (dal "Bollettino della Vittoria", 4 novembre 1918, citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 615)“


Sergio Caputo foto
Sergio Caputo 47
cantautore e musicista italiano 1954
„Spegni un po' quella radio, il bollettino dei trafficanti mi fa paura. (Mettimi giù, n.° 3)“

Mór Jókai foto
Mór Jókai 1
scrittore e drammaturgo ungherese 1825 – 1904
„Nei bollettini dei supremi comandi è antica e osservata abitudine riferire di una battaglia persa come se propria persa non fosse o al più si trattasse di posizione lasciata. Viceversa si strombazzano per vittorie di gran conto i successi di minima entità. (da I due Trenk, pag. 149)“

William Osler foto
William Osler 17
medico canadese 1849 – 1919
„Nei bollettini dei decessi, la polmonite è agevolmente al secondo posto, dopo la tubercolosi; anzi in molte città il tasso mortalità è ora più alto e la polmonite è diventata, usando una frase di Bunyan, "il capitano degli uomini della morte.“

Fabri Fibra foto
Fabri Fibra 282
rapper, produttore discografico e scrittore italiano 1976
„Mille domande ma zero risposte | Mentre aspetto in fila con il bollettino alle Poste | Quando il resto del mondo lavora in rete | Se prenderete anche voi un aereo capirete. (da Mille Domande, n.° 4)“

Paolo Cecinelli 1
giornalista italiano 1956
„Cinquantacinque punti in testa, di cui ventuno solo a un orecchio. Sei dita rotte. Quattro costole. Un gomito. Spalle lussate a volontà e una clavicola fratturata. Distorsioni varie alle gambe. Un collaterale rotto e una sublussazione del ginocchio. Uscite dal campo per infortunio: nessuna. [... ] Nonostante questo «valoroso» bollettino da guerriero Andrea Lo Cicero è una persona dolcissima fuori dal campo. Un gigante buono.“

Flora Lewis 2
1918 – 2002
„Durante la crisi politica che scosse la Polonia nel 1980, uno dei «bollettini dello sciopero di Danzica», la prima forma di stampa popolare indipendente apparsa nel paese da quando i comunisti erano al potere, uscì con il seguente appello: «Lavoratori del mondo, unitevi! Sono spiacente, sono terribilmente spiacente. Marx.» (dal New York Times; citato in Selezione dal Reader's Digest, marzo 1985)“


Francesco Cerruti 1
1844 – 1917
„Noi non ci rifiutiamo, né ci rifiuteremo mai ad alcun possibile sacrifizio per la nostra diletta Italia; no mai. Cattolici ed Italiani, i figli di Don Bosco uniscono insieme l'amore alla religione cattolica e l'amore alla patria, il culto della fede e lo slancio del patriottismo, il quale però nel concetto cristiano non precede, ma segue il Cristianesimo [... ] cristiani e patrioti, non già patrioti e cristiani. [... ] (citato in Salesiani: cattolici e patrioti durante la Grande Guerra, Bollettino Salesiano, giugno 2011)“

Martino Baretti 1
1841 – 1905
„In val di Susa si conoscono tre Rognose, questa tra Sauze de Cesanne e Pragelas, sullo spartiacque Dora Riparia-Chisone; la Rognosa di Galambra che fa da nodo tra i valloni di Rochemolles, Galambra (Dora Riparia) e d'Ambin (Arc) cui, per chiarezza, cangiai nome nel 1871, battezzandola Punta Sommeiller (metri 3,334). Infine la Rognosa di Etiâche, tra i valloni di Rochemolles (Dora Riparia), d'Ambin e d'Etiâche (Arc)..... (dal Bollettino del Club Alpino Italiano, 1875, vol. 9 pag. 358)“

Luigi Cadorna foto
Luigi Cadorna 5
generale e politico italiano 1850 – 1928
„[Su Caporetto] La mancata resistenza di reparti della 2a armata, vilmente ritiratisi senza combattere e ignominiosamente arresisi al nemico, ha permesso alle forze austro-germaniche di rompere la nostra ala sinistra sulla fronte Giulia. Gli sforzi valorosi delle altre truppe non sono riusciti ad impedire all'avversario di penetrare nel sacro suolo della patria. (dal bollettino n. 887 del 28 ottobre 1917, citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 613)“

Brigida Maria Postorino foto
Brigida Maria Postorino 3
religiosa italiana 1865 – 1960
„Tutto pur di giungere a te, nelle tue braccia di padre, di amico, di sposo, su quella croce ove tu reclinasti il dolce capo.
Tutto per bruciarmi ai tuoi piedi traforati.
Tutto per essere riempita, inondata dal tuo dolce respiro.
Tutto in te!
Tutto in Dio ora e sempre!
Tutto in Dio nelle nostre piccole grandi imprese.
Tutto in Dio sempre, sempre, fino all'ultimo respiro.
In questo dolcissimo "motto" sentiamo la forza e la vita di Dio nella nostra debole anima. (da Bollettino dell'Istituto F. M. I. 1929, p. 23)“


Arrigo Cajumi 39
giornalista, scrittore e critico letterario italiano 1899 – 1955
„Il sofisma che le grandi azioni politiche sono sempre opera di minoranze intelligenti, non regge: può darsi che l'iniziativa appartenga ai pochi, ma viene sempre il momento in cui il consenso dei più è indispensabile. Tutto il genio di Cavour avrebbe girato a vuoto se le Camere non avessero votato i crediti, e l'esercito non avesse marciato. Il superuomo ha un bel sputacchiare il suo paese, accusandolo di tradimento delle sue megalomani imprese, di avergli spezzate le reni. Queste declamazioni possono impressionare gl'ignoranti, ma chi ragiona a mente fredda, le considera come quei bollettini dei generali sconfitti che tentano di gettare sulle truppe il crollo dei loro piani. (p. 349)“

Cristina Campo foto
Cristina Campo 54
scrittrice, poetessa e traduttrice italiana 1923 – 1977
„[Impressioni di lettura del manoscritto de Le nozze di Omar, inviato da A. Spina a C. Campo] [... ] D'altra parte io credo che lo sfondo storico, politico o sociale di un romanzo debba rimanere sempre puro pretesto, commentarlo discorsivamente (e così a lungo) mi sembra che tradisca tutte le 'sacre leggi della finzione'. Chi si ricorderà fra cent'anni di quegli eventi; chi sarà in grado di misurarne gli aspetti se non appunto, attraverso le 'sacre leggi della finzione'? I bollettini e i giornali vanno in polvere, un gesto resta, un detto breve risplende... (dalla lettera ad Alessandro Spina del martedì, p. 224)“

Bob Dylan foto
Bob Dylan 140
cantautore e compositore statunitense 1941
„[NUOVI SCRITTORI]"Non credo che ce ne siano, perché viviamo in un'altra epoca. I media sono molto invasivi. Cosa si può pensare di scrivere che non si veda ogni giorno sui giornali o in televisione? I media muovono le emozioni della gente in ogni caso. Quando c'erano tipi come William Blake, Shelley o Byron, non c'era probabilmente alcun tipo di media, solo bollettini. Potevi sentirti libero di mettere giù ogni cosa che avevi in mente. I media hanno ucciso la poesia. Assolutamente. Perché la letteratura è scritta per un pubblico. Nessuno è come Kafka, e si siede a scrivere qualcosa senza desiderare che qualcuno la legga. Ma i media fanno questo per tutti. Non puoi vedere cose più orribili di quelle che propongono i media. Le news mostrano alla gente tutto quello che neanche hanno potuto sognare e anche i pensieri che pensavano di poter sopprimere, però li vedi e così non puoi più neanche sopprimerli. Quindi cosa può fare uno scrittore se ogni idea è già esposta nei media prima che si possa coglierla e farla evolvere? Viviamo in un mondo di fantascienza nel quale ha vinto Disney, la fantascienza di Disney. È tutta fantascienza. Per questo dico che se uno scrittore ha qualcosa da dire, deve assolutamente farlo. Questo è un mondo reale. La fantascienza è diventata il mondo reale. Che noi ce ne accorgiamo o no.“

William Seward Burroughs foto
William Seward Burroughs 46
scrittore e saggista statunitense 1914 – 1997
„La difficile primavera del 1988. Con il pretesto del controllo delle droghe stati polizieschi oppressivi sono stati messi su in tutto il mondo occidentale. La programmazione precisa del pensiero emozione e impressioni sensoriali apparenti secondo la tecnologia descritta nel bollettino 2332 mette gli stati polizieschi in grado di mantenere una facciata democratica dietro la quale denunciano a gran voce come criminali, pervertiti e drogati tutti quelli che si oppongono alla macchina di controllo. Eserciti underground operano nelle grandi città disturbando la polizia con informazioni false attraverso telefonate e lettere anonime. [... ] Malgrado i diversi scopi e formazioni dei suoi membri costituenti l'underground è d'accordo sugli obiettivi base. Intendiamo marciare contro la macchina della polizia dappertutto. Intendiamo distruggere la macchina della polizia e tutti i suoi archivi. Intendiamo distruggere tutti i sistemi verbali dogmatici. La cellula familiare e le sue cancerose espansioni in tribù, paesi, nazioni noi la sradicheremo alle sue radici vegetali. Non vogliamo più sentire nessuna storia di famiglie, storia di madre, storia di padre, storia di poliziotto, storia di prete, storia di paese o storia di partito. Per dirla in parole povere noi abbiamo sentite abbastanza stronzate. («Mamma ed io si vorrebbe sapere»; 1979, pp. 130-131)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 24 frasi