Frasi su incauto


Maria Bellonci foto
Maria Bellonci 2
scrittrice e traduttrice italiana 1902 – 1986
„MARIA – Tu. Tu luminosa, tu delicata, tu fuori dalla ragion di Stato (hai sempre detto che non ti occupavi di politica). E non ti sei accorta di essere spietata nell'esigere l'amore come tuo fratello Cesare Borgia era spietato nell'esigere il potere. Amore significa condividere; e tu hai mai condiviso la sorte di quelli che ti amavano? Ti fugge il marito di Pesaro; e tu non fuggi. Ti ammazzano crudelmente il marito aragonese; piangi, ma non ti ribelli. Ti uccidono Ercole Strozzi, strumento dei tuoi amori, e non lo difendi... E intorno a te si muovono altre ombre indifese... Pedro Caldés, la tua donzella Pantasilea ritrovati morti nel Tevere; e il giovane prete Garzia, tuo familiare, pugnalato sotto i portici di Ferrara.
LUCREZIA – Io non sono mai stata colpevole. Io sono aliena da omicidi.
MARIA – Tu non hai tenuto conto di nessuno. Il Bembo è fuggito a tempo; e solo Isabella ha salvato l'incauto suo marito e ha saputo tenere lontani i fratelli estensi da un altro delitto di famiglia.
(dall'Intervista impossibile a Lucrezia Borgia, in Lucrezia Borgia, pp. 532-533)“

Sergio Caputo foto
Sergio Caputo 47
cantautore e musicista italiano 1954
„La jena si è svegliata, ha in tasca un pagherò per lo psicanalista incauto che la liberò. (La jena si è svegliata, n.° 7)“


Leo Perutz foto
Leo Perutz 1
scrittore e drammaturgo ceco 1882 – 1957
„Siamo stati tutti alquanto incauti nella scelta del nostro secolo, benché io tema che non sarà migliore il prossimo. (Tel Aviv, 22 gennaio 1947)   Fonte?“

Vincenzo Monti foto
Vincenzo Monti 189
poeta italiano 1754 – 1828
„Ah che incauto mirarlo io non dovea! Ma nella calma d'un amabil viso | Tanta procella chi temer potea? (p. 226)“

Raymond Radiguet foto
Raymond Radiguet 32
scrittore e poeta francese 1903 – 1923
„Queste liriche rappresentano il sentimento genuino della più incauta adolescenza, insieme misteriosa e febbrile. Esse corrispondono infatti, punto per punto, alle esaltazioni e alle precoci stanchezze dell'età breve. (Giacinto Spagnoletti)“

Pietro Metastasio foto
Pietro Metastasio 85
poeta italiano 1698 – 1782
„Alme incaute, che torbide ancora | Non provaste l'umane vicende, | Ben lo veggo, vi spiace, v'offende | Il consiglio d'un labbro fedel. | Confondete con l'utile il danno; | Chi vi regge credete tiranno; | Chi vi giova chiamate crudel. (da Achille in Sciro, I, 7)“

„[Calvert Casey] Non credo però che né la morte sua né questo libro servano come guida di perplessi o ammonimento di incauti. Ben poco è servita tutta quella letteratura di testimonianza degli inferni che va da «I demoni» di Dostoevskij fino al «Primo cerchio» di Solyenitsein: e d'altra parte ho presenti le parole che in Luca Abramo rivolge al ricco epulone quando questi, dalla sua condanna, gli chiede che mandi Lazzaro al mondo dei vivi perché avverta i suoi fratelli del pericolo che corrono: «Se non hanno ascoltato Mosè e i Profeti, nemmeno si lasceranno persuadere se un morto resuscita.“

Francesco De Lemene foto
Francesco De Lemene 9
librettista italiano 1634 – 1704
„Elp. Oggi fa l'anno appunto
Dal dì, Fille mia, che Amor col fischio
Quel mal accorto augel trasse nel rischio.
Fil. Sì quell'incauto augel, quel che a vederlo
Era uno storno.
Elp......... Era un merlo.
Fil. Era uno storno.
Elp......... Era un merlo.
Fil. Uno storno.
Elp......... Un merlo.
(da Lite giocosa, decisa da Elpino e Filli, in "Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani, raccolti da G. B. C.", Tip. Molinari, Venezia, 1834)“


Giovanni Sartori foto
Giovanni Sartori 72
politologo italiano 1924
„Lo criticavo spesso. E lui, incauto, mi rispondeva. Io ci andavo a nozze perché me lo mangiavo facilmente, senza eccesso di orgoglio o intenzione di offesa.“

Giovan Battista Giovio 7
aristocratico 1748 – 1814
„Per credersi esperimentato non bastano i capei grigi, come per dirsi incauto non bastano i biondi. (libro Pensieri varii)“

Karl Kraus foto
Karl Kraus 189
scrittore, giornalista e aforista austriaco 1874 – 1936
„Lui era così incauto che le toglieva via a ogni passo le pietre dalla strada. Così si prese un calcio.“

Bill Bryson foto
Bill Bryson 60
giornalista e scrittore statunitense 1951
„L'inglese è pieno di trappole stupide per lo straniero incauto. Qualsiasi linguaggio dove la modesta parola "fly" significa un fastidioso insetto, un modo di viaggiare, e una parte critica del vestiario di un galantuomo, chiede chiaramente di essere strapazzato.“


Moni Ovadia foto
Moni Ovadia 21
attore teatrale, drammaturgo e scrittore italiano 1946
„Gli zeloti pro israeliani quando ascoltano o leggono queste mie opinioni critiche, reagiscono immancabilmente con insulti, maledizioni e invettive. Il genere è: "Sei un rinnegato, nemico del popolo ebraico, ebreo antisemita o ebreo che odia se stesso". La critica da parte di un ebreo della diaspora alla politica di governi israeliani può essere considerata tradimento, antisemitismo od odio verso se stessi solo se collocata nel quadro di un'identificazione nazionalista di ebreo, israeliano, popolo ebraico, popolo d'Israele, Stato d'Israele, suo governo e "terra promessa". Ma se qualcuno osa fare notare, da posizioni critiche, tale pericolosa identificazione, ecco arrivare addosso all'incauto le accuse infamanti di antisemita o antisionista, che, per molti "amici di Israele" – anche persone di indiscutibile livello culturale –, sono la stessa cosa.“

Antonio Gramsci foto
Antonio Gramsci 84
politico, filosofo e giornalista italiano 1891 – 1937
„La bontà disarmata, incauta, inesperta e senza accorgimento non è neppure bontà, è ingenuità stolta e provoca solo disastri.“

Michel De Montaigne foto
Michel De Montaigne 85
filosofo, scrittore e politico francese 1533 – 1592
„È meglio essere importuni e incauti che adulatori e falsi.“

Muriel Barbery foto
Muriel Barbery 108
scrittrice francese 1969
„Giacché, quando noi apriamo una porta, trasformiamo gli ambienti in modo davvero meschino. Offendiamo la loro piena estensione e a forza di proporzioni sbagliate vi introduciamo un'incauta breccia. A pensarci bene, non c'è niente di più brutto di una porta aperta. Nella stanza dove si trova, introduce una sorta di rottura, un parassitismo provinciale che spezza l'unità dello spazio. Nella stanza contigua provoca una depressione, una ferita aperta e tuttavia stupida, sperduta su un pezzo di muro che avrebbe preferito essere integro. In entrambi i casi turba i volumi, offrendo in cambio soltanto la libertà di circolare, la quale peraltro si può garantire in molti altri modi. (Renée, p. 146)“