Frasi su marciume


Pëtr Alekseevič Kropotkin foto
Pëtr Alekseevič Kropotkin 47
filosofo, geografo, zoologo e anarchico russo 1842 – 1921
„Lasciamo al marciume di questa fine secolo una vita che non è tale.“

Emil Cioran foto
Emil Cioran 536
filosofo, scrittore e saggista rumeno 1911 – 1995
„L'Occidente, un marciume che sa di buono, un cadavere profumato.“


Gianluca Nicoletti foto
Gianluca Nicoletti 112
giornalista, scrittore e conduttore radiofonico italiano 1954
„Dietro le rappresentazioni più immaginifiche della realtà esiste sempre un marciume.“

Francesco Mastriani 45
scrittore italiano 1819 – 1891
„Il marciume, la sordidezza e la morte producono i vermi nel mondo fisico, siccome l'Ozio, la Miseria e l'Ignoranza producono i loro vermi nel mondo morale. (Seconda Piaga, Parte prima, I, p. 219)“

Horacio Verbitsky foto
Horacio Verbitsky 7
giornalista e scrittore argentino 1942
„Non sono sicuro che Bergoglio sia stato eletto per coprire il marciume che ha ridotto all'impotenza Joseph Ratzinger. Le lotte interne della curia romana seguono una logica così imperscrutabile che i fatti più oscuri sono in genere attribuiti allo spirito santo, sia che si tratti delle manovre finanziarie per le quali lo Ior è stato escluso dal meccanismo del clearing internazionale, dal momento che non ottempera alle normative per il controllo del riciclaggio del denaro, sia che si tratti dei casi di pedofilia che si sono verificati a livello mondiale e per i quali Ratzinger ha chiesto perdono in quanto massimo rappresentante della Chiesa cattolica. Non mi sorprenderebbe che Bergoglio, con il pennello in mano, iniziasse una crociata moralizzatrice per imbiancare i sepolcri degli apostoli.“

Jonathan Franzen foto
Jonathan Franzen 40
scrittore e saggista statunitense 1959
„La depressione si presenta sotto forma di realismo sul marciume del mondo in generale e della tua vita in particolare. (libro Come stare soli)“

Carl Sandburg foto
Carl Sandburg 18
poeta statunitense 1878 – 1967
„Se lei [l'America] dimentica da dove veniamo, se la gente perde di vista ciò che le ha permesso di andare avanti, se si ascoltano i denigratori e i bugiardi, allora inizierà il marciume e la dissoluzione.“

Lauren Oliver 32
scrittrice statunitense 1982
„La maggior parte delle cose, anche i movimenti più grandi della terra, hanno origine da qualcosa di piccolo. Un terremoto che distrugge una città può cominciare con un tremito, un sospiro. La musica comincia con una vibrazione. L'alluvione che sommerse Portland vent'anni fa dopo quasi due mesi di pioggia ininterrotta, che si precipitò su per la collina oltre i laboratori e danneggiò oltre mille abitazioni, che trascinò copertoni e sacchi di immondizia e vecchie scarpe puzzolenti e li fece galleggiare per le strade come trofei, che si lasciò dietro un sottile strato di muffa verdastra, un puzzo di marciume e decomposizione che non se ne andò per mesi – l'alluvione cominciò con un rivolo d'acqua, non più largo di un dito, che lambiva le banchine. E Dio creò tutto l'universo da un atomo non più grande di un pensiero. La vita di Grace andò in pezzi per una singola parola: Simpatizzante. Il mio mondo esplose per una parola diversa: Suicidio. Correzione: quella fu la prima volta che il mio mondo esplose. La seconda volta è stato sempre per colpa di una parola. Una parola che si fece strada su per la mia gola e danzò sulle mie labbra e fuori di esse prima che avessi il tempo di riflettere o di fermarla. La domanda fu: «Ti va se ci vediamo domani?». La parola fu: «Sì». (pp. 130-131)“


Joan Baez foto
Joan Baez 7
cantautrice e attivista statunitense 1941
„Se non combatti per porre termine alla corruzione e al marciume, finirai col farne parte.“

Lauren Oliver 32
scrittrice statunitense 1982
„Una volta ho letto di una specie di fungo che cresce negli alberi. Il fungo comincia a invadere le vie che portano l'acqua e il nutrimento dalle radici ai rami. Le mette fuori servizio, una alla volta, le soffoca. Ben presto, il fungo toglie all'albero l'acqua e gli elementi chimici, e tutto ciò di cui ha bisogno per sopravvivere. Contemporaneamente, piano piano fa marcire l'albero dal di dentro, trasformandolo in marciume, minuto per minuto. È così anche l'odio. Ti nutrirà e allo stesso tempo ti trasformerà in qualcosa di marcio. È duro, profondo e spigoloso, un sistema di barricate. È assoluto e totale. L'odio è una torre alta. Nelle Terre Selvagge, comincio a costruirla e ad arrampicarmi. (p. 143)“